Cuore & Batticuore: l’evanescente magia del tempo e il ritorno dell’amore taciuto

0
Condividi

Cuore & BatticuoreCuore & Batticuore trasfusioni di sangue e d'amore

Evanescente magia del tempo

Incrociare lo sguardo di una sconosciuta, sorridersi, iniziare a parlare e perdersi. Sono settimane che non faccio che pensare all’intensità di quello sguardo, a quel sorriso, alla naturalezza con la quale ci siamo presentati: “Alberto, ciao”.  “Vittoria, ciao”.

Sabato otto aprile, ore 10, fermata Ottaviano, direzione Anagnina.  Arriva il convoglio, salgo e fra la folla mi ritrovo di fronte una ragazza alta, capelli castani, occhi chiari. Un sorriso sincronizzato e un ciao come se ci conoscessimo da tempo. Dissolvenza sulla ressa e primo piano sul dialogo:

 “Turista”?

 “Si, olandese, ma padre italiano”

 “ Io di Padova, ma lavoro a Roma”

 “ Roma è fantastica, insuperabile”

 “ Cosa hai visitato? “

“ Colosseo, Fori, San Pietro, Cappella Sistina, Pantheon, Trinità dei Monti, Trastevere, Tevere: Hij weet alles over het wonder, sa tutto di miracolo, si dice in olandese.”

“ E’ la magia di Roma. E’ una città davvero magica”

“ Magica, ecco la parola giusta! Proprio così: magische hoofdstad”

“Quando sei arrivata? ”

“ Da dieci giorni, ma domattina riparto per Amsterdam con i miei familiari”

“Torneai?  Roma ha molte altre magie da non perdere”

“ Si, spero di si, ma non so quando”

 Al quando si è spalancata la porta alla fermata della Stazione Termini e Vittoria è scesa con un sorriso:

 “Ciao Alberto”.

“Ciao, buon viaggio”.

Risento le parole rivedo la scena, quel ciao sorridente non mi abbandona più. Mannaggia, ma perché non ci siamo fatti un selfie e non le ho chiesto il numero di telefono o in quale albergo fosse?

Perché sono rimasto imbambolato e non sono sceso anche io a Termini? Come ritrovare Vittoria? Andare ad Amsterdam e girovagare per piazze, canali e pub? E se non abitasse nella capitale? Oppure ogni giorno otto del mese scendo  alle 10 ad Ottaviano prendo la linea della metro diretta ad  Anagnina e scendo a Termini…. Ridicolo, ma l’ho pensato sul serio!

Congetture, ipotesi, quesiti senza risposta. Domande che saranno rimbalzate miliardi di volte dopo un incontro casuale, in aeroporto, su un traghetto, in treno, sul tram. Ci si incontra per pochi attimi e ci si perde per sempre.  Ma la magia non contempla i prodigi?

Alberto, folgorato sulla linea Ottaviano-Termini

Già,come sostiene Massimo Gramellini: “Se incontrarsi resta una magia, la vera favola è non perdersi. Ma forse questa volta la risposta non è soltanto affidata al vento, ma al web!

Il ritorno dell’amore taciuto

Il  ritorno dell’amore taciuto

Scorrendo il profilo Facebook di mio figlio ho letto un cognome particolare, su un altro post, che mi ha riportato in mente il mio primo amore adolescenziale, del quale non avevo notizie da oltre 25  anni. Ho aperto il post e ho capito subito dalla somiglianza della ragazza, amica di amici di mio figlio, e dalle foto del profilo,  che si trattava della figlia del ragazzo che mi aveva fatto battere forte forte il cuore.

Gianni è rimasto pressoché identico, capelli bianchi, ma stessi occhi e uguale sorriso. Ho pensato di contattarlo attraverso il suo profilo, ma mi sono subito chiesta: a che scopo?  Gianni non ha mai saputo che io ero innamorata di lui, ci vedevamo a casa di amici comuni, ma lui era fidanzato, mentre io ero molto timida e non parlavamo quasi mai.

Non si è mai accorto di me. Poi ha cambiato città e ci siamo persi di vista. Io ho provato un analogo sentimento per un altro ragazzo e in seguito mi sono innamorata del mio futuro marito, ci siamo sposati e abbiamo avuto tre figli. Siamo abbastanza sereni e felici.

Ma allora perché parlare con uno sconosciuto che non si ricorderà neanche di me? Perchè la mente torna?  Qualcuno sa spiegarmi perché ricordo ancora quell’ emozione, profonda, ma fine a se stessa e conosciuta soltanto da me ?

Simonetta

Probabilmente, azzardiamo, la mente torna per chiudere definitivamente un capitolo rimasto aperto. O meglio latente, per l’irrangiungibilità dell’ignaro destinatario di una semplice, ma inedita, prima  cotta.  E in quanto inedita inconsciamente archiviata e non rimossa.

 Indirizzare lettere e risposte a:

CuoreBatticuorezerozeronews@gmail.com

Condividi