Stromboli e l’incubo di una nuova Pompei in piena estate

0
641
Stromboli e l'incubo di una nuova Pompei in piena estate
Condividi

 

Stromboli e l'incubo di una nuova Pompei in piena estateAllarme parzialmente rientrato a Stromboli. Ma rimane l’incubo dell’eruzione. A tarda notte l’Osservatorio Etneo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha fatto sapere di ritenere che il fenomeno esplosivo che ha fatto sussultare il vulcano dell’isola si può considerare sostanzialmente concluso anche se non è possibile prevedere se ci saranno delle repliche poiché non esistono segnali precursori di tali eventi.

Le due violentissime esplosioni e l’accelerazione dell’attività del vulcano hanno terrorizzato l’arcipelago delle Eolie, gremite di turisti, ma anche i centri della costa messinese.

Registrate varie colate  di lava lungo la Sciara del fuoco. I lapilli sparati dal cratere hanno provocato una vittima, un ferito e numerosi incendi nella zona dei canneti.

I lapilli hanno ucciso un escursionista 35enne residente a Milazzo che si trovava nella zona sommitale del vulcano.Stromboli e l'incubo di una nuova Pompei in piena estate

L’attività dello Stromboli è indicata dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia come high level ed è uno dei pochi vulcani in attività persistente, ma quella di oggi sembra essere stata l’eruzione più violenta degli ultimi 30-35 anni, tanto che gli esperti la paragonano a quella avvenuta tra il 2002 e il 2003.

Il 30 dicembre 2002 l’attività dello Stromboli ha causato una frana che, a sua volta, ha generato un’onda anomala di circa venti metri, causando feriti, danni a diverse imbarcazioni e ha fatto scattare il piano di evacuazione dell’isola.Stromboli e l'incubo di una nuova Pompei in piena estate

Il maggior pericolo delle eruzioni dello Stromboli, infatti, è legato al rischio tsunami.

Di recente uno studio italiano, pubblicato sulla rivista Scientific Reports ha documentato ben tre tsunami che nel Medioevo hanno raggiunto le coste della Campania e devastato i porti di Napoli e Amalfi.

In caso di necessità Protezione civile e Prefettura di Messina hanno già aggiornato i piani di evacuazione dei residenti e dei turistiStromboli e l'incubo di una nuova Pompei in piena estate

Facebook Comments
Condividi