HomeCuore & BatticuoreViaggio di ritorno per comprendere che é successo all’andata

Viaggio di ritorno per comprendere che é successo all’andata

Cuore & Batticuore
Rubrica settimanale di posta storie di vita e vicende vissute

Le riflessioni di Mirella: attenzione a chi evitare

by Valeria D’Onofrio

Di tanto in tanto mi sorprendo a viaggiare dentro me stessa, a vagare senza una meta.

Non mi faccio domande. Non cerco risposte. Sono viaggi dalla durata indefinibile.Riflessioni sull’autoanalisi alla ricerca di se stessi: un viaggio senza fine per scoprire la propria reale identità

Ore, o pochi istanti, in cui devio dai percorsi quotidiani  e scopro, ritrovo, rivivo. Mi incontro…

In vecchi “luoghi comuni”, per esempio, che credevo di non aver mai frequentato; in vicoli cechi, in cui io stessa mi sono spinta caparbiamente.

In piazze immense, con sontuosi monumenti dedicati alla memoria di attimi indimenticabili. Che poi ho dimenticato.

La mia topografia è cambiata. Ma molto meno di quanto sembri.

Accade. Accade, cioè, che gli anni non scalfiscano se non la lucidità.

Viaggio di ritorno per comprendere che é successo all’andata
Valeria D’Onofrio

Che ti illudano di essere altro rispetto a ciò che eri. Illusioni, appunto, che naufragano quando abbassi la guardia.

È in quel momento che riaffiora tutto, esattamente cosi come era stato. Così come avevi dimenticato. Tutto. Uguale.

Viaggi dentro di te e ti riconosci. In ogni sentire del presente, ritrovi il tuo sentire del passato.  E non capisci cosa è stato, in mezzo a quei due tempi così lontani, cosi uguali.

Di tanto in tanto mi sorprendo a vagare dentro me stessa, senza una meta. Sono viaggi in cui mi stupisco di come tutto sia rimasto uguale.

Non mi faccio domande. Perché non ho più alcuna urgenza di risposte.Viaggio di ritorno per comprendere che é successo all’andata

maggiemusic@gmail.comInterrogarsi sapendo che le risposte non lasceranno scampo perché non si può mentire a stessi: l’autoanalisi alla ricerca di se stessi é un viaggio senza fine, un’esperienza in perenne evoluzione, come lasciano intuire le riflessioni della giornalista ed autrice radiotelevisiva Valeria D’Onofrio. Non c’è bisogno di scomodare, Freud, Jung, Rogers, Maslow e tutti i padri della psicanalisi per capire che guardarsi obiettivamente dentro determina l’elaborazione del dolore per le ferite e le perdite subite, libera dalle angosce inconsce e fa germogliare la consapevolezza della propria effettiva identità, delle emozioni, dei pensieri e dei valori che ci caratterizzano.

Facebook Comments
Valeria D'Onofrio
Valeria D'Onofrio
Giornalista professionista, già collaboratrice di Porta a Porta e cronista parlamentare, dal 2001 al 2003 è stata vice-capo Ufficio Stampa del Ministro per le Pari Opportunità. E’ stata autrice-testi del docu-film celebrativo dei 50 anni del Concilio Vaticano II, per il Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali del Vaticano e collaboratrice di Radio Rai. Qui il profilo Fb
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3491 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3491 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS