Come arginare i suicidi in divisa? analisi e proposte

0
786
Come arginare i suicidi in divisa analisi e proposte
Condividi

Cuore & Batticuore

Rubrica settimanale di posta. Storie di vita e vicende vissute

Come arginare i suicidi in divisa analisi e proposte

by Antonella Cortese*

Sono gli ultimi giorni dell’anno, ma la triste conta dei casi di suicidi nelle forze dell’Ordine e Forze Amate non si arresta. Oggi a Caltanissetta un poliziotto si è tolto la vita con un colpo di pistola nel garage di casa.

Nel 2019 abbiamo raggiunto il numero straziante di quasi due episodi alla settimana. Uomini e donne in divisa che decidono, o di rivolgersi contro l’arma oppure di impiccarsi in caserma; queste le modalità con cui nella totalità dei casi decidono di mettere fine al proprio disagio e alle proprie sofferenze.

Da criminologa mi sono da sempre battuta per difendere i diritti civili e preservare il ruolo e la figura della donna nella nostra società colpevole per troppo tempo di aver vissuto nel retaggio culturale di una visione maschilista che ha tolto spazio, e in molti casi la vita, a molte ragazze, compagne, fidanzate, innamorate, amanti, ma alla fine solo e soltanto vittime. Ecco allora dobbiamo reagire all’idea di una società che guarda solo alle vittime, ai fatti compiuti, all’irreparabile. La conta dei morti deve finire.

Si deve indagare alle origini e scoprire le cause. Si è fatto tanto nel contrasto ai femminicidi e molto c’è da fare ancora, ma adesso dobbiamo fare altrettanto per i suicidi nelle forze dell’ordine che, non mi stancherò mai di ripeterlo, sono singoli episodi, ma da trattare assolutamente non come casi isolati.

Come arginare i suicidi in divisa analisi e proposte
Antonella Cortese

Proprio come nella violenza contro le donne abbiamo iniziato a risolvere quando si é smesso di pensare al singolo caso di stalking, alla singola lite domestica o al singolo schiaffo, ma si è preso coscienza del fenomeno collettivo e globale del problema.

Due vittime a settimana tra le nostre divise devono suscitare altrettanto sdegno.Che cosa possiamo fare? Iniziamo a parlarne e le Istituzioni ci ascolteranno. Torniamo a chiedere subito una Commissione parlamentare d’inchiesta per i suicidi nelle Forze Armate.

*Antonella Cortese Presidente Aispis, Accademia Italiana delle Scienze Polizia investigativa e Scientifica, e Vice Presidente Osservatorio Nazionale dei diritti e della salute dei militari e forze dell’ordineCome arginare i suicidi in divisa analisi e proposte

zerozeronewsAssolutamente da sottoscrivere e rilanciare, l’appello alle istituzioni affinché promuovano interventi e sostegni psicologici per arginare lo stillicidio di suicidi fra le forze armate e le forze dell’Ordine, promosso dalla criminologa Antonella Cortese. Come dicono i saggi “dopo il verbo amare, il verbo aiutare è il più bello del mondo.” Purchè sia sollecito.

 

Facebook Comments
Condividi