#Elezioni: borsino dei ballottaggi

0
860
#Elezioni: borsino dei ballottaggi
Condividi

#Elezioni: borsino dei ballottaggi

#Elezioni: borsino dei ballottaggi

ROMA  

  • Raggi in superfice, direttorio grillino a quota periscopio. Olimpiadi no, ma anche. Cinque cerchi e  5 Stelle, non tutto è precluso. Tentativi di contatti trasversali sarebbero infatti in corso fra il gruppo di “opinione” formato da imprenditori , manager e politici indipendenti della Capitale e esponenti del movimento. Evidente l’obiettivo: per i primi non perdere la valanga di finanziamenti, appalti e indotto per una cifra complessiva che si aggira fra i 7 e i 10 miliardi previsti in caso di assegnazione a Roma delle olimpiadi 2024. L’obiettivo dei grillini é invece quello di  disinnescare senza clamore l’accusa di essere  anti olimpiadi  e di  gettare al vento,per esclusive motivazioni politiche fondamentaliste, lo sviluppo economico della Capitale. Previsto un apporto spontaneo, non richiesto e non contrattato, di consensi di elettori del centrodestra e della sinistra di Fassina. Sondaggi in crescendo
    VIRGINIA RAGGI E ROBERTO GIACHETTI
    VIRGINIA RAGGI E ROBERTO GIACHETTI
  • Giachetti sottolinea la contrapposizione con il veto dei 5Stelle e punta molto sulle opportunità delle Olimpiadi per recuperare consensi. Ma si affida anche a plenipotenziari per ricucire rapporti con imprenditori ed editori,  offrire garanzie,  dichiararsi pronto ad una giunta allargata e aperta a tutte le componenti consiliari. Previsto l’apporto non ufficiale degli sparuti elettori che al primo turno hanno votato Marchini. Sondaggi in recupero rispetto al 24 % del 5 giugno.

MILANO

  • Parisi sostiene che gli acciacchi cardiologici di Berlusconi non incideranno sulla ricorsa nei confronti di Sala. Anzi il candidato del centrodestra non solo spera in un “effetto compassione” nei confronti dell’ex Cavaliere per guadagnare consensi da parte degli elettori meneghini, ma conta anche di ottenere voti in  chiave anti renziana dai grillini.  Sondaggi in crescita.
    #Elezioni: borsino dei ballottaggi
    SALA E PARISI
  • Sala è in piena fibrillazione. Ha avviato incontri e consultazioni con tutti gli esponenti del centrosinistra ed è mobilitato su tutti i fronti programmatici, dalla composizione della  giunta, alle commissioni, agli interventi sul territorio, all’assistenza sociale, al personale.  Sondaggi  stabili, con lievi incrementi rispetto alla percentuale del primo turno.

 TORINO

  •  Fassino sta setacciando tutta la città a cominciare dai quartieri della periferia, da San Salvario a Falchera. Più si che ma le risposte a simpatizzanti, assistenti sociali, volontari, sindacati, esponenti della cittadinanza. Programma e interventi ampliati e comprensivi di varie nuove esigenze. Strutture di partito e sindacali mobilitate. Previsto l’apporto dei voti della sinistra del candidato Giorgio Airaudo. Sondaggi  stabili, in lieve aumento rispetto alla percentuale del primo turno
    FASSINO E APPENDINO
    FASSINO E APPENDINO
  • Appendino catalizza interesse e attenzioni. Stesso programma, stesse intenzioni di cambiare il modo di amministrare. Nessuna variazione di rotta. Solo più sorrisi e parole maggiormente meditate.  Sondaggi in netta crescita rispetto alla percentuale del primo turno.

NAPOLI

  • De Magistris attento a non strafare e ad allargare i consensi: “carica “ sulle spalle del Governo le cose che non vanno e rivendica il merito delle cose che funzionano. Possibile apporto dei consensi dell’elettorato grillino e del Pd. Sondaggi in incremento
    #Elezioni: borsino dei ballottaggi
    DE MAGISTRIS E LETTIERI
  • Lettieri  si gioca il tutto per tutto: se perde può dire che aveva già perso, se vince può a ragione definirsi il Maradona della politica sotto il Vesuvio. Il cuore matto del Cavaliere  e la conclamata fedeltà e sicurezza del candidato partenopeo nella resurrezione di Berlusconi gli procureranno  qualche  voto  in più. Sondaggi stabili,  in lieve incremento.
Facebook Comments
Condividi