Scieri: processo verità sul terribile omicidio in caserma

0
144
Scieri processo verità sul terribile omicidio in caserma
Condividi

Tutta la verità sul caso Scieri verrà fuori al processo che la Procura di Pisa si appresta a chiedere per i cinque indagati ai quali è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari per aver provocato la morte del 26enne allievo paracadutista della Folgore Emanuele Scieri, deceduto nella caserma ‘Gamerra’ il 13 agosto 1999, e trovato senza vita solo tre giorni dopo.

Scieri processo verità sul terribile omicidio in caserma
Emanuele Scieri

L’inchiesta giudiziaria riaperta nel 2018, in seguito alle particolareggiate e comprovate conclusioni della Commissione parlamentare d’inchiesta presieduta dalla parlamentare del Pd Sofia Amoddio,  “ha accertato – ha affermato  il Procuratore di Pisa, Alessandro Crini– che “Emanuele Scieri cadde dalla torre di asciugatura dei paracadute perché colpito mentre stava fuggendo. Questa la ricostruzione degli ultimi momenti dell’aggressione che il giovane praticante avvocato subì da parte di tre commilitoni”.

Scieri processo verità sul terribile omicidio in caserma
Commissione Parlamentare d’inchiesta sul caso Scieri

Si tratta di due ex caporali e un altro militare ancora in servizio nell’Esercito, tutti e tre accusati di omicidio volontario aggravato da motivi abietti e futili. Tra gli indagati anche un ex comandante della Folgore, da tempo in pensione, al quale è stato contestato di aver reso false dichiarazioni al pm, e un altro ex ufficiale accusato di favoreggiamento per una telefonata fatta un’ora dopo il ritrovamento del cadavere di Scieri, che sarebbe servita, secondo gli inquirenti, a preconfezionare una tesi difensiva di fronte alle indagini avviate sulla morte del giovane militare di leva.

Scieri processo verità sul terribile omicidio in caserma
Alessandro Crini Procuratore Capo di Pisa

Il Procuratore Crini ha sottolineato che “in questi due anni di lavoro, l’attuale catena di comando del Centro addestramento paracadutismo (Capar) ha dato piena collaborazione al nostro lavoro”, e l’inchiesta ha cercato “di ricostruire contesto e antefatto” portando alla scoperta di “una situazione molto incandescente dentro il Capar e apprendiamo che già in quei giorni c’era stato avvicendamento ai vertici proprio per queste tensioni che esistevano”.

Scieri processo verità sul terribile omicidio in caserma
l’On Sofia Amoddio

“Tutti noi e gli amici di Emanuele abbiamo lottato per 20 anni perché si facesse luce su un caso assurdo e sembrava ci fosse un muro invalicabile per raggiungere la verità – ha sottolineato all’AdnKronos Isabella Guarino, la mamma di Emanuele – Sono passati tanti anni e tanti momenti di amarezza, sembrava tutto finisse nel dimenticatoio, poi il clima è cambiato e c’è stata la svolta. La nostra speranza è che finalmente si possa procedere e si possa dare giustizia a mio figlio individuando i responsabili”

Una svolta attesa, che  delinea il terribile contesto dell’assassinio di Emanuele Scieri e che conferma i circostanziati j’accuse della relazione conclusiva della Commissione parlamentare d’inchiesta, che ha inoltre accertato come Emanuele sia stato lasciato agonizzante a terra ed invece se tempestivamente soccorso poteva essere salvato.

Scieri processo verità sul terribile omicidio in caserma

“È sempre un grande giorno quando le ombre si diradano e si comincia a intravedere la luce, l’omicidio di Emanuele Scieri è stato e continua ad essere una delle pagine più buie della nostra storia repubblicana ma forse finalmente, potrà essere stracciata” ha affermato l’Avvocato Sofia Amoddio, già Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Scieri.

On. Amoddio, l’inchiesta giudiziaria conferma e ricalca totalmente le conclusioni della Commissione Parlamentare d’inchiesta da lei presieduta, ma perché il Parlamento, la magistratura, le forze armate non hanno indagato a fondo per tanti anni per accertare le cause di una morte che fin dai primi istanti appariva anomala e sospetta?

“Il parlamento tentò fin dal 99 in poi di istituire una commissione di inchiesta ma non  superò il vaglio della commissione difesa. La magistratura ordinaria fece moltissime indagine, ma a mio avviso non incastrò, non approfondì alcuni elementi. La magistratura militare archivió. Credo che ognuno debba assumersi le sue responsabilità.”

La svolta dell’inchiesta sulla Gamerra servirà a dare nuovo impulso ad altre analoghe vicende?Scieri processo verità sul terribile omicidio in caserma

Purtroppo quello di Scieri non é affatto un caso isolato. Penso che il clima nelle caserme è cambiato notevolmente, anche perché il servizio militare non è più obbligatorio, ma fenomeni di questo genere sono accaduti anche di recente e cito uno per tutti il caso di Tony Drago ucciso qualche anno fa.

Quanto e come è cambiato l’approccio e il comportamento delle autorità militari in relazione ai ricorrenti tragici episodi di nonnismo?

“ Le autorità militari di Pisa hanno collaborato fornendo tutti gli atti che la Commissione Parlamentare d’inchiesta richiedeva. Spero che la riapertura del caso Scieri sia da monito a tutti coloro che ancora nelle caserme militari compiono atti di violenza. Per ogni fatto accaduto occorre che tante persone si dedichino anima e corpo alla ricerca della verità e che non si fermino di fronte  a nulla. Ogni caso é diverso.”

Scieri processo verità sul terribile omicidio in caserma

Fonti: Adn Kronos, Agi, Ansa

Facebook Comments
Condividi