Siria e impeachment Trump sempre più nei guai

354
Siria e impeachment Trump sempre più nei guai
Condividi

Pubblichiamo una sintesi dell’analisi del Washington Post sulle crescenti difficoltà del Presidente Donald Trump

La decisione di Trump in Siria mette alla prova i limiti del sostegno repubblicano, già impegnato sul fronte della solidarietà al Presidente sull’impeachment.Siria e impeachment Trump sempre più nei guaiSiria e impeachment Trump sempre più nei guai

La decisione di ritirare improvvisamente le truppe statunitensi dal nord della Siria ha fatto arrabbiare i leader cristiani evangelici e i falchi repubblicani, spaccando la maggioranza politica nel momento stesso in cui sta cercando di rafforzare la posizione per sopravvivere all’intensificarsi dell’indagine sull’impeachment nel Congresso.

Invece di sfruttare il supporto incontrastato del GOP mentre si tuffa in una resa dei conti costituzionale con i democratici e si prepara ad una durissima campagna per la rielezione, Trump ora sta combattendo su due fronti all’interno del suo stesso partito.Siria e impeachment Trump sempre più nei guai

Il Presidente ha lavorato simultaneamente per mettere a tacere il dissenso sulla sua condotta nel premere l’Ucraina per indagare su un rivale politico interno e sulla sua decisione in Siria. Una mossa ancora più criticata in seguito all’offensiva turca.

I giorni scorsi hanno messo alla prova i limiti del sostegno repubblicano a Trump, giunto a un bivio politico insolitamente frenetico e incerto. Mentre la maggior parte dei parlamentari repubblicani sono stati compatti nelle schermaglie riguardanti il dibattito sull’impeachment, molti si sono sentiti liberi di condannare ad alta voce la decisione della Siria di Trump, sottolineando la fluidità all’interno dei ranghi del GOP.

Siria e impeachment Trump sempre più nei guai
Lindsey Graham

Il feed Twitter settimanale del senatore Lindsey O. Graham, uno dei più fedeli difensori di Trump, illustra chiaramente  questa dinamica. Nel giro di 15 ore Graham ha copiato e diffuso le tesi di Trump, accusando i democratici  di ” distruggere ” la Costituzione con i loro procedimenti di impeachment e ha invece condannato l’amministrazione Trump per aver ” spudoratamente abbandonato ” gli alleati curdi. “Mossa che favorisce il ritorno dell’ISIS”, ha aggiunto Graham.

Siria e impeachment Trump sempre più nei guai
Liz Cheney

Analoga la posizione di Liz Cheney componente della leadership repubblicana, che ha sostenuto il Presidente twittando che l’ impeachment “stava iniziando a sembrare un assetto politico” e successivamente ha rilasciato una dichiarazione bruciante: “La decisione del presidente Trump di ritirare le forze statunitensi dalla Siria settentrionale sta avendo conseguenze spiacevoli e prevedibili”.

“La complessità con Siria, Turchia e curdi è al di là della comprensione della persona normale”, ha detto un aptro esponente repubblicano, l’ex governatore della Carolina del Nord Pat McCrory . “È una di quelle questioni che sembrano importanti, ma nessuno capisce le complessità. Tutto quello che senti è “Trump potrebbe aver fatto un errore lì”, ma non molto di più. “.Siria e impeachment Trump sempre più nei guai

La questione siriana, ha aggiunto McCrory, “non è personale per la maggior parte dei sostenitori di Trump. È un disaccordo di politica estera. ”

Trump ha difeso la sua mossa per uscire dal conflitto siriano durante una lunga sessione di domande e risposte con i giornalisti alla Casa Bianca. Ha sostenuto che gli americani si erano stancati a lungo delle “guerre senza fine” all’estero e che “alla fine qualcuno avrebbe dovuto prendere la decisione”.

Siria e impeachment Trump sempre più nei guai
Trump e il leader curdo Masoud Barzani

Raccontando una visita passata per vedere i corpi dei soldati caduti tornare negli Stati Uniti, il Presidente ha ricordato che i membri della famiglia a volte “corrono verso la bara. Supereranno le barriere militari, correranno verso la bara e salteranno sopra la bara, piangendo, madri e mogli, piangendo disperatamente. E questo è, su queste guerre infinite che non si fermano mai ”.

Trump ha ampiamente ignorato le lamentele dei principali alleati, compresi importanti cristiani evangelici, riguardo alla sua decisione in Siria, astenendosi – almeno finora – dagli insulti e dai malumori di Twitter con cui di solito risponde alle critiche. Alla domanda sui commenti di Graham, Trump era insolitamente trattenuto.

“Lindsey e io la pensiamo diversamente”, ha detto il presidente. “Penso che Lindsey vorrebbe rimanere lì per i prossimi 200 anni e forse aggiungere un paio di centinaia di migliaia di persone in ogni luogo, ma non sono d’accordo con Lindsey su questo.”

I consiglieri di Trump hanno affermato che la sua sfida è alimentata dalla sua stessa fiducia che la maggior parte degli elettori repubblicani sono molto più concentrati sul dibattito sull’impeachment che sulla politica estera, e crede che molti nella sua base condividano il suo istinto non interventista.

I leader evangelici sono stati espliciti riguardo al ritiro della Siria, sia perché i cristiani temono un’acquisizione turca sia per paura che l’instabilità o un vuoto di potere nella regione possano far sì che l’Iran acquisisca influenza e alla fine minacci di Israele.

“Gli evangelici vedono questa decisione come un pugno in pancia, ma i pugni non hanno sempre un effetto duraturo”, ha affermato David Brody, principale corrispondente politico della Christian Broadcasting Network. “ Il contraccolpo sulla Siria equivale a “una mini crisi” per la Casa Bianca, ma ha aggiunto: “Il presidente ha fatto così tanto per gli evangelici, in termini di giudici e legislazione, che questa decisione in Siria non sarà una campana a morto.”

Siria e impeachment Trump sempre più nei guai
Mike Huckabee

L’ex governatore dell’Arkansas Mike Huckabee, che ha un profondo seguito religioso, ha twittato : “In genere sostengo @POTUS sulla politica estera e non voglio che le nostre truppe combattano le guerre di altre nazioni, ma un l’abbandono dei curdi è un ENORME errore. Non ci hanno mai chiesto di combattere, basta dare loro strumenti per difendersi. Sono stati fedeli alleati. NON POSSIAMO abbandonarli. ”

Tuttavia, Trump, così come il vicepresidente Pence e il consigliere senior Jared Kushner, hanno coltivato così assiduamente le relazioni con i leader evangelici che alcuni di loro hanno assicurato un appoggio a prescindere. Ad esempio, Robert Jeffress, pastore evangelico e televangelista di Dallas, ha dichiarato che il presidente gli ha inviato una “lettera scritta a mano molto apprezzata” per ringraziarlo per le sue parole di supporto in TV.

“Sa che siamo là fuori che lo supportiamo e ricordiamo alle persone dalla nostra parte che non dovrebbero essere sorpresi dal fatto che il Presidente che ha fatto una campagna per porre fine alle guerre vuole porre fine alle guerre”, ha detto Jeffress.

Sull’impeachment, gli esponenti repubblicani del Congresso sono più in linea con Trump, almeno pubblicamente, che non per quanto riguarda la Siria. Tuttavia, stanno emergendo nuove crepe. Il senatore Rob Portman un leader di partito esperto per la sua cautela e il suo acuto istinto politico, ha dichiarato al Columbus Dispatch che “non è appropriato che un Presidente coinvolga un governo straniero nelle indagini su un oppositore politico”.

Portman si unisce ai senatori Mitt Romney dello Utah, Joni Ernst dello Iowa, Ben Sasse del Nebraska e Susan Collins del Maine per esprimere vari gradi di preoccupazione per la condotta di Trump.

Scott Reed, capo stratega politico della Camera di commercio degli Stati Uniti, ha detto che i funzionari repubblicani prendevano le cose “giorno per giorno” perché le informazioni continuano a essere rivelate in modo rapido. “Tutti sono in una posizione di attesa”, ha detto dei membri del Congresso.

Il sondaggio pubblico mostra un aumento del supporto per l’impeachment, incluso un sondaggio della Washington Post-Schar School che ha misurato il supporto per l’apertura dell’inchiesta di impeachment al 58% tra tutti gli americani. Anche tre repubblicani su 10 lo supportano.

L’ex deputato repubblicano Charlie Dent ha detto che i suoi amici alla Camera stanno facendo calcoli di impeachment basati sulla politica di base.

“Penso che i parlamentari repubblicani rimarranno fedeli al Presidente fintanto che la base resterà fedele a loro”, ha dichiarato Dent. “Penso che sia un errore, onestamente. Potrebbero effettivamente influenzare le opinioni della base se ne parlassero più. È solo una funzione della leadership.

Trump sta lavorando intensamente per risvegliare la base politica e portarla dalla sua parte. Dopo le discussioni alla Casa Bianca del mese scorso sull’imperativo di “portare Trump fuori nel paese”, come ha affermato un funzionario della Casa Bianca, il Presidente ha programmato delle manifestazioni in Minnesota e in Louisiana.

Nelle prossime settimane, il capo dello staff della Casa Bianca Mick Mulvaney ha in programma di aiutare Trump a iniziare un’offensiva dal fascino discreto con i congresman repubblicani, con cene e riunioni private, riunioni a Camp David e altri modi per esprimere apprezzamento per il loro sostegno.

“L’amministrazione non vede l’ora di continuare a impegnarsi con i membri su molte questioni reali che devono affrontare il popolo americano e, purtroppo, anche i vergognosi democratici motivati ​​politicamente come questo falso impeachment”, ha detto il portavoce della Casa Bianca Hogan Gidley in una email.

Siria e impeachment Trump sempre più nei guai
Il presidente turco Erdogan

Pence, nel frattempo, ha viaggiato nel Midwest per cercare di aumentare la pressione sul Congresso affinché approvasse l’accordo commerciale USA-Messico-Canada.

“La verità è che, e lo sappiamo tutti, i democratici hanno trascorso tutto il loro tempo in infinite indagini e impeachment partigiani”, ha detto Pence ad un evento a Waukee. “Ma abbastanza è abbastanza. Il popolo americano merita di meglio. ”

Siria e impeachment Trump sempre più nei guai
Il vice Presidente Mike Pence

 

 

Facebook Comments
Condividi