HomeRassegna StampaLa Cina prepara la guerra dei droni supersonici

La Cina prepara la guerra dei droni supersonici

Pubblichiamo una sintesi del reportage del Washington Post che sulla base di un documento della National Geospatial Intelligence Agency descrive i progressi tecnologici dell’esercito cinese già in grado di schierare unità di droni spia supersoniciLa Cina prepara la guerra dei droni supersonici

La Cina prepara la guerra dei droni supersoniciSecondo l’intelligence statunitense, la Cina sta allestendo unità di droni spia supersonici ad alta quota che viaggiano almeno tre volte la velocità del suono. Uno sviluppo che rafforzerebbe notevolmente la capacità di Pechino di condurre operazioni di sorveglianza e d’attacco.

Un documento segreto della National Geospatial-Intelligence Agency, mostra che l’esercito cinese sta facendo progressi tecnologici che potrebbero aiutarlo a prendere di mira le navi da guerra americane intorno a Taiwan e le basi militari nella regione.

Il documento presenta immagini satellitari datate 9 agosto che mostrano due droni da ricognizione a propulsione a razzo WZ-8 in una base aerea nella Cina orientale, a circa 350 miglia nell’entroterra da Shanghai. I droni integrano un sistema di sorveglianza all’avanguardia che consente alla Cina di raccogliere dati di mappatura in tempo reale per attuare strategiue o effettuare attacchi missilistici in un futuro conflitto.

La valutazione afferma che l’Esercito popolare di liberazione cinese ha già  “quasi certamente” istituito la sua prima unità di veicoli aerei senza equipaggio alla base, che rientra nell’Eastern Theater Command, competente per le operazioni su Taiwan.

Altri documenti descrivono in dettaglio una serie di rivelazioni sullo spionaggio di Pechino e sulla modernizzazione militare, inclusa l’intelligence che ha rivelato l’esistenza di ulteriori palloni spia cinesi e una valutazione secondo cui Taiwan è mal preparata a prevenire la prima ondata aerea cinese durante un’invasione.

Il direttore della CIA William J. Burns ha affermato che il leader cinese Xi Jinping vuole che l’esercito popolare sia in grado di impadronirsi di Taiwan entro il 2027, anche se ha aggiunto che ciò non significa che Xi ordinerà un attacco per quella data.La Cina prepara la guerra dei droni supersonici

Pechino ha introdotto i droni WZ-8 nel 2019, quando due dei velivoli nero jet sono stati fatti sfilare davanti a Piazza Tiananmen durante le celebrazioni per il 70° anniversario dell’istituzione della Repubblica Popolare Cinese gestita dal Partito Comunista. All’epoca pochi analisti consideravano i droni pienamente operativi.

Nella valutazione della National Geospatial-Intelligence Agency sono incluse anche le possibili traiettorie di volo del drone e del bombardiere bimotore H6-M Badger utilizzato per lanciarlo. Dopo essere decollato, l’aereo da guerra volerebbe appena al largo della costa orientale della Cina prima di rilasciare il drone spia, che potrebbe quindi entrare nello spazio aereo taiwanese o sudcoreano a un’altezza di 100.000 piedi e volare tre volte la velocità del suono. Il documento non descrive in dettaglio come viene azionato il drone, ma afferma che “le caratteristiche del motore sono principalmente associate al carburante per missili”.

Una mappa dei percorsi previsti, suggerisce in che modo le telecamere e i sensori “elettro-ottici” del drone potrebbero raccogliere informazioni sull’isola principale di Taiwan e sul lato occidentale della Corea del Sud, inclusa Seoul, la capitale. L’uso del radar ad apertura sintetica gli consentirebbe di mappare il territorio di notte e con tempo nebbioso.La Cina prepara la guerra dei droni supersonici

L’uso principale del drone non sarà contro Taiwan ma contro gli Stati Uniti e le sue basi militari nel Pacifico, ha affermato Chi Li-pin, direttore della divisione di ricerca sui sistemi aeronautici presso il National Chung-Shan Institute of Science and Technology, l’istituto militare di Taiwan -run sviluppatore di armi.

Chi ha aggiunto che il drone supersonico non sembra attualmente progettato per lanciare attacchi, ma ha notato che le modifiche potrebbero consentirgli di condurre attacchi in futuro. “È difficile da rilevare e intercettare. Le attuali armi aria-aria degli Stati Uniti non sono abbastanza adeguate”, ha detto.La Cina prepara la guerra dei droni supersonici

Dean Cheng, un membro anziano del Potomac Institute for Policy Studies, ha affermato che la Cina sta sviluppando una capacità di monitorare l’intera regione indo-pacifica. “Questo non è rivolto solo agli Stati Uniti o alla Corea del Sud”, ha detto Cheng. “Devono preoccuparsene il Giappone e l’India. Tutto il sud-est asiatico deve preoccuparsene”.

La Cina, ha osservato, sta creando una gamma di sistemi ad alta tecnologia per uso militare, dalle armi ipersoniche che possono utilizzare la ricognizione dei droni per scopi anti-nave, alle armi antisatellite che potrebbero usare per cercare di accecare gli Stati Uniti.

L’aeroporto descritto nel documento come “Liuan” sembra essere una base nella contea di Dushan della città di Lu’an, costruita nel 1970, nell’ambito della strategia avviata da Mao Zedong di spostare industrie e installazioni militari cruciali nelle regioni montuose, dopo che le relazioni con l’Unione Sovietica si erano inasprite e avevano lasciato la leadership comunista cinese vulnerabile agli attacchi. Gli hangar della base aerea originale, conosciuta allora come campo d’aviazione 8301, erano scavati nel fianco della collina e avevano porte rivestite in acciaio spesse 12 pollici, secondo i media statali cinesi.

Una revisione delle immagini satellitari pubblicamente disponibili su Google Earth e fornite a The Post da Planet Labs mostra che la base si è espansa più volte negli ultimi anni, con almeno 18 nuove strutture costruite dopo l’agosto 2020. A partire dalla fine di febbraio 2022, nuove, significativamente più ampie furono costruite strade che conducono alle colline a sud della pista. Gli appassionati che utilizzano materiale open-source per rintracciare l’aviazione cinese affermano che la base é la sede di un reggimento della 10a divisione bombardieri dell’Eastern Theater, il ramo che più probabilmente condurrà attacchi aerei se la Cina lancerà un assalto su vasta scala a Taiwan.La Cina prepara la guerra dei droni supersonici

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3470 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3470 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
13 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
12 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS