L’ultima Ferrari 488 GtM un gioiello da 850 mila euro

0
1181
L’ultima Ferrari 488 GtM un gioiello da 850 mila euro
Condividi

by Vincenzo Bajardi

Si può ancora sognare ad occhi aperti, nonostante la pandemia, e ammirare l’ultima creatura Ferrari ? Un sogno irraggiungibile che costa fra gli 800 e gli 850 mila euro.

La scuderia di Maranello ha presentato la nuova 488 GT Modificata, riservata esclusivamente all’utilizzo in pista durante track days e agli eventi Ferrari Club Competizioni GT. L’ultima Ferrari 488 GtM un gioiello da 850 mila euro

La 488 GT Modificata è la sintesi al più alto livello tra la 488 GTE  che disputa il mondiale endurance e la 488 GT3, regina delle competizioni per vetture GT. Modelli tra i più vincenti della storia del Cavallino Rampante, come testimoniano gli oltre 350 successi e 630 podi in gare nazionali e internazionali conquistati dalla 488 GT3, o i titoli di Campioni del Mondo del FIA World Endurance Championship – piloti, team e Costruttori – nonché il trionfo nella 24 Ore di Le Mans e nella Petit Le Mans della 488 GTE.

La 488 GT Modificata,  prodotta in edizione limitata, è stata progettata sulla base delle competenze e delle tecnologie sviluppate per la 488 GT3 e 488 GTE, di cui supera i limiti imposti dai regolamenti tecnici e sportivi per sfruttarne tutto il potenziale.L’ultima Ferrari 488 GtM un gioiello da 850 mila euro

Nel gergo Ferrari, la parola ‘Modificata’ identifica i progetti sottoposti a evoluzioni che ne abbiano migliorato le prestazioni. Il nuovo modello estremizza le già straordinarie prestazioni della 488 GT3 e della 488 GTE combinandone le soluzioni più efficaci e innovative, nonché sviluppando nuove tecnologie legate soprattutto al gruppo motopropulsore non più soggetto alle limitazioni imposte dal Balance of Performance FIA

Il V8 biturbo è stato così oggetto di una ricerca avanzata ed all’aumento della potenza massima erogata dal motore che si attesta ora intorno ai 700 cv. Il cambio, disponibile con diversi rapporti di trasmissione, e la frizione in fibra di carbonio contribuiscono a gestire la maggiore potenza e la coppia erogate dal motore.L’ultima Ferrari 488 GtM un gioiello da 850 mila euro

La carrozzeria, un’aerodinamica ad alto carico completamente rinnovata, ad eccezione del tetto e dei montanti in alluminio, è interamente in fibra di carbonio come nella 488 GTE e contribuisce a generare un carico aerodinamico superiore a 1.000 kg a 230 km/h.

L’ampia dotazione di serie della 488 GT Modificata comprende un sistema di acquisizione V-Box che viene affiancato da quello Bosch per i dati telemetrici, che consente il riversamento dei dati direttamente su una chiavetta Usb. Standard anche la retrocamera ad alta risoluzione, il secondo sedile e il sistema TPMS per la misurazione di temperatura e pressione degli pneumatici.

Come tutte le Ferrari, anche la 488 GT Modificata offre ai clienti ampie possibilità di personalizzazione che riguardano tanto gli esterni quanto gli interni. La vettura, prodotta in un numero limitatissimo di esemplari, sarà riservata inizialmente a chi, negli ultimi anni, ha partecipato alle Competizioni GT con Ferrari o al Club Competizioni GT. La 488 GT Modificata sarà ammessa agli eventi di Club Competizioni GT, iniziativa che si sta ritagliando un posto sempre più importante tra le attività in pista di Ferrari.

L’obiettivo di Club Competizioni GT è quello di riportare in pista le vetture più significative della storia recente di successi nelle gare a ruote coperte del Cavallino Rampante, a partire dalla F40 Competizione fino alle più recenti 488 GT3 e GTE. Nel 2021 i clienti che partecipano al programma avranno la possibilità di partecipare a cinque eventi su piste che esaltano tanto il pilotaggio quanto le doti dinamiche delle vetture come il Virginia International Raceway, Monza, Watkins Glen, Suzuka e Nürburgring, nonché alle Finali Mondiali.

Ferrari dunque sempre più in primo piano nel mondo dei motori. Il modello F8 Tributo da 720 cv ha ottenuto un importante riconoscimento dalla rivista tedesca Sport Auto che lo ha definito il miglior coupé d’importazione.

Fonte: Italpress Ansa La Presse

Facebook Comments
Condividi