Papa Francesco sfratta le Nazioni Unite

0
1516
Papa Francesco sfratta le Nazioni Unite
Condividi

 

Basta con la teologia contemplativa e consolatoria, che fa da cornice commemorativa alla storia senza sostanzialmente prenderne parte. La Chiesa di Papa Francesco lievita universalmente e si trasforma di giorno in giorno in una Ecclesia, in una comunità propositiva di costante denuncia e di continuo intervento culturale e mediatico.Papa Francesco sfratta le Nazioni Unite

C’è tutto questo, ed anche di più, nell’intervento di incommensurabile valore spirituale e umanitario che il Pontefice rivolge alla comunità internazionale nella solenne e già storica benedizione del Natale 2021.

Una benedizione letteralmente Urbi et Orbi, a Roma e al mondo, che dispiega la funzione e il ruolo stesso della Chiesa universale al servizio dell’umanità, della misericordia e della pace.

Smascherando delitti e profitti di tutti i maggiori punti di criticità del Pianeta, dalla pandemia che rischia di far implodere il mondo, all’ Ucraina dove agiscono «metastasi di un conflitto incancrenito ha messo a dura prova le relazioni sociali», al conflitto israelo-palestinese, alle vittime degli gli scontri in Siria, Afghanistan, Yemen, Etiopia, Libano, Iraq, Sael, sud Sudan, Myanmar, alle violenze sulle donne, agli abusi sui minori, alla tragedia quotidiana dei migranti e dei profughi, fino all’incubo crescente dei disastri provocati dall’inquinamento e dall’alterazione degli equilibri della natura e del clima. Un inferno di violenze, orrori, lacerazioni e sfruttamenti che la Chiesa non solo denuncia, ma come ha indicato Papa Francesco in quello che può essere considerato una sorta di nuovo messaggio della montagna rivolto ai governanti e a tutti i popoli, intende continuare a sottoporre continuamente all’attenzione dell’opinione pubblica. Con la differenza che è urgente ed indifferibile intervenire in soccorso degli ultimi, senza aspettare che evangelicamente, ma da morti, “diventino i primi”.Papa Francesco sfratta le Nazioni Unite

La Chiesa di Francesco è in definitiva la Chiesa della vita, che in una evolutiva proiezione storico teologica del Vangelo si prende cura della contemporaneità.

Il filo conduttore del messaggio di Jorge Mario Bergoglio, la mancanza di dialogo, l’assenza di comprensione, il muro contro muro, la diffidenza, l’incapacità di guardare oltre, libera inoltre una valenza socio culturale tanto elevata quanto internazionale che trasforma l’intervento del Papa in quello che dovrebbe essere, ma purtroppo non è, il manifesto delle Nazioni Unite la cui assenza-impotenza si è trasformata in una ulteriore causa di criticità per il Pianeta.

Papa Francesco sfratta le Nazioni Unite
Settembre 2015 intervento di papa Francesco all’Assemblea generale dell’Onu
Facebook Comments
Condividi