Ultimo applauso per Gigi Proietti genio poliedrico delle scene

0
757
Ultimo applauso per Gigi Proietti genio poliedrico delle scene
Condividi

Ottanta e non più ottanta per il grande e amatissimo Gigi nazionale. Compleanno tragico per Gigi Proietti stroncato da un infarto all’alba dei suoi 80 straordinari anni di grandi successi teatrali, cinematografici, televisivi, canori, come regista e da doppiatore di attori da Oscar: Dustin Hofmann, Robert de Niro, Sylvester Stallone, Marlon Brando, Richard Burton, Richard Harris.Ultimo applauso per Gigi Proietti genio poliedrico delle scene

Un artista completo, geniale e istrionico, intrinsecamente romano, popolare, senza spocchia, che ha attraversato da grande e acclamato mattatore la storia artistica e culturale del Paese fin dal dopoguerra.

Per amara ironia della sorte, un’ironia sardonica con la quale Proietti ha scherzato anche sul ricovero in ospedale, la crisi cardiaca poi risultata fatale si era manifestata mentre già erano in corso su tutti i media le celebrazioni culturali e i riconoscimenti unanimi per il suo ottantesimo compleanno.

Una ricorrenza che Proietti esorcizzava con una delle sue battute preferite,  un ultimo tentativo di mandrakata: “Che dobbiamo fa’? La data è quella che è, il 2 novembre!” .

Un addio struggente quello di Gigi Proietti. Un rimpianto ed una tristezza sottolineati dal crescente caloroso interminabile e commosso applauso col quale tutti accompagniamo l’uscita di scena di uno dei più grandi mattatori della recitazione.Ultimo applauso per Gigi Proietti genio poliedrico delle scene

Facebook Comments
Condividi