Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman

643
Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman
Condividi

Pubblichiamo la dettagliata analisi del Washinton Post sul contesto dell’agghiacciante assassinio del giornalista Jamal Khashoggi che aveva denunciato la tirannia dell’erede al trono Saudita

Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman

By Karen DeYoung and Kareem Fahim

Quando ha ospitato la scintillante conferenza sugli investimenti globali dello scorso ottobre in Arabia Saudita, il principe ereditario Mohammed bin Salman ha avuto il mondo a portata di mano.

Migliaia di investitori, capi azienda e leader governativi si sono radunati nel regno per ascoltare il carismatico giovane erede al trono saudita delineare i suoi piani per la modernizzazione del regno recluso e per essere invitato insieme per il viaggio e i profitti.  “Solo i sognatori possono partecipare”, ha detto Mohammed al suo pubblico.

Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman
Il Principe ereditario del Regno Saudita Mohammed bin Salman Al Saud

Mentre una seconda conferenza si avvicina questo mese a Riyadh, Mohammed, 33 anni, sembra molto meno affascinante. Durante la settimana scorsa, molti di coloro che avevano programmato di partecipare si sono improvvisamente cancellati, cercando di prendere le distanze da ciò che ora vedono come un treno in fuga diretto verso il disastro.

Il loro disagio deriva dalla storia ancora in pieno svolgimento di Jamal Khashoggi, il giornalista saudita autoesiliato presumibilmente ucciso e macellato da agenti sauditi all’interno del consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul, dopo aver osato criticare pubblicamente il principe ereditario e il suo governo.

Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman
Il giornalista assassinato Jamal Khashoggi

Per alcuni degli ammiratori stranieri di Mohammed bin Salman, è ancora inconcepibile che l’esuberante e affascinante principe – ampiamente conosciuto dalle iniziali MBS – possa essere responsabile di tale barbarie.

La Casa Bianca di Trump ha insistito che non ha ancora raggiunto alcuna conclusione su quello che è successo.

Ma il Presidente ha comunque promesso una severa punizione se gli Stati Uniti accerteranno che l’Arabia Saudita abbia ucciso Khashoggi.

Alcuni pensano che se il giornalista fosse morto per mano dei sauditi, anche se fina adesso nessun corpo è stato trovato, e l’Arabia Saudita nega qualsiasi conoscenza sulla sua scomparsa, deve essere stato un rapimento andato male o un’operazione canaglia.Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman

Mohammed bin Salman, dicono, ha fatto troppa fatica a corteggiare l’Occidente, ed è troppo intelligente e consapevole delle potenziali ricadute, per aver ordinato l’uccisione di Khashoggi.

Altri ancora, molti dei quali hanno passato del tempo con il principe, dicono che sarebbero rimasti scioccati ma non sorpresi. Descrivono un lato oscuro e prepotente di un giovane che ha fretta, uno che ha il potere assoluto e non tollera il dissenso.

“Questo non sarebbe mai successo senza l’approvazione di MBS. Mai, mai, mai “, ha detto un ex diplomatico degli Stati Uniti con una lunga esperienza nel regno saudita nell’ambito di diverse amministrazioni.

Coloro che conoscono bene Mohammed bin Salman affermano che i suoi ammiratori occidentali hanno sempre frainteso le sue intenzioni, proiettando le proprie speranze per la trasformazione dell’Arabia Saudita su un principe che è l’antitesi della cauta, anziana leadership che ha governato il regno per decenni, e sembrava intraprendente abbastanza da spingere innanzi i suoi piani di modernizzazione.

“Non nasconde il fatto che è autoritario. Non ne è imbarazzato “, ha detto una persona vicina alla corte reale che, come la maggior parte degli intervistati per questo articolo, ha parlato solo sulla condizione di anonimato per offrire valutazioni sincere. “Si vede sicuramente in termini messianici, come un uomo di storia”, ha detto la persona, aggiungendo che Mohammed “si preoccupa profondamente del paese”.

Mentre i fan di Mohammed in Occidente lo hanno visto come un futuro Lee Kuan Yew, il primo premier modernizzatore di Singapore, lo stesso MBS è noto per riferirsi alla Cina, con la sua leadership autoritaria e l’economia decisa, come modello migliore per l’Arabia Saudita.Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman

Si è irritato per le critiche per il mancato rispetto dei diritti umani, lamentando di aver ricevuto un esame più occidentale di quello del presidente russo Vladimir Putin o del presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

“Non mi definivo un riformatore”, ha detto il principe ereditario in un’intervista a Bloomberg News questo mese.

Se la scomparsa di Khashoggi lascia scioccati gli occidentali è perché semplicemente non stavano prestando molta attenzione agli eventi nel regno, e ai confini che il principe ereditario ha superato per ad andare a sconfiggere il dissenso, affermano i sostenitori sauditi dei diritti umani.

In una prima ondata di esecuzioni dopo l’improvvisa proclamazione di Mohammed come erede al trono di suo padre, il re Salman, seguite da ondate di arresti nell’ultimo anno, è stato spietato nel rivendicare il potere.

Le autorità saudite hanno diffuso la paura imprigionando indifferentemente miliardari e attivisti di base allo stesso modo, dimostrando che nessuno è intoccabile. E hanno lavorato per garantire che gli arresti non siano discussi, minacciando i parenti degli arrestati e costringendoli a firmare impegni di silenzio, e tenendo processi in segreto, dicono i difensori dei diritti.

Questo stile di governo ha offerto occasionalmente uno spettacolo strano. Alcuni mesi fa, quando un importante difensore dei diritti delle donne è stato arrestato a casa sua, le autorità lo hanno circondato con così tanti uomini armati che i residenti pensavano fosse un film, secondo Yahya Assiri, attivista per i diritti umani saudita con sede a Londra.

Alle persone che si sono radunate per vedere cosa stava succedendo, è stato detto di non parlare mai di quello che avevano visto. Il mantenimento del silenzio può essere uno dei più grandi successi del principe ereditario. Assiri ha detto che le sue reti di attivisti sul terreno in Arabia Saudita si sono inaridite, con sempre più persone che hanno riferito di violazioni dei diritti e arresti lasciando le chat room sicure dove hanno condiviso le informazioni una volta. “Un gran numero è in prigione. Alcuni hanno paura. Alcuni sono completamente scomparsi e non ne sappiamo nulla “, ha detto in un’intervista nel suo ufficio di Londra alcuni giorni prima della scomparsa di Khashoggi.

Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman
Incontro alla Casa Bianca tra Mohammed bin Salman e Trump

Non sono solo i dissidenti che sono diventati silenziosi. Nell’ambiente iper-nazionalista che il principe ereditario ha coltivato, non c’è alcun vantaggio nel mettersi a testa in giù, qualunque sia l’argomento. “Tutti vogliono dimostrare che lui o lei è un patriota”, ha detto un noto analista politico in Arabia Saudita. “Non c’è tolleranza”.

L’analista non era arrivato facilmente a questa conclusione e aveva rallegrato le più significative riforme del principe Mohammed, inclusa la sua decisione di togliere il potere alla polizia religiosa che aveva applicato codici morali.

“Mohammed bin Salman ha avuto tutte le possibilità”, ha detto l’analista. Ma “quando sei circondato da persone che non mostrano dissenso, allora smetti di ascoltare”, ha aggiunto l’osservatore.

Il mentore del principe Mohammed bin Salman è uno degli innumerevoli cugini discendenti dalla progenie del fondatore dell’Arabia Saudita, Abdulaziz ibn Saud.

È il figlio maggiore di sua madre, terza moglie del figlio di Abdulaziz, Salman. Il padre di Mohammed ha trascorso gran parte della sua carriera come governatore della provincia di Riyadh ed era conosciuto come un pacificatore tra il suo gruppo spesso frazionato di fratelli.

Mentre molti maschi reali sono istruiti all’estero e si ergono nell’esercito saudita, o entrambi, Mohammed ha frequentato l’Università Re Saud a casa e in breve tempo è diventato un assistente politico di alto livello al padre. Quando Salman salì al trono nel 2015, dopo la morte di suo fratello Abdullah, ha nominato MBS, già ministro di stato, alla carica di ministro della Difesa.

Fu allora che Mohammed venne per la prima volta all’attenzione dei vertici dell’amministrazione Obama. “La nostra teoria di MBS era che era in una certa misura un’inevitabilità, in particolare dopo che divenne chiaro che stava contestando il secondo o il terzo posto” per la successione sotto il re, ha detto un diplomatico di alto grado di Obama.

Poi il segretario di stato John F. Kerry ha cercato di costruire quella che considerava una relazione di mentoring con il giovane principe, allora ventenne. “Sapeva che era un ragazzo giovane e che avrebbe commesso errori”, ha detto il diplomatico di Mohammed. “Ha detto che voleva sentirsi dire quando non siamo d’accordo”. Mohammed “era un politico e avevamo reali problemi politici”, inclusa la guerra che aveva dichiarato in Yemen nel 2015, apparentemente senza informare altri alti funzionari della sicurezza saudita o la Casa Bianca.Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman

C’erano anche differenze in merito agli aiuti alle forze ribelli in Siria e agli sforzi di Obama, nonostante le obiezioni dell’Arabia Saudita, di stringere un accordo nucleare con l’Iran. Mohammed sapeva che se non si trovassero posti di lavoro significativi per la popolazione giovane e altamente istruita dell’Arabia Saudita, e se il petrolio l’economia dominata non era diversificata, “erano condannati”, ha detto l’ex diplomatico.

Salman aveva messo Mohammed sotto il controllo di un nuovo consiglio per lo sviluppo economico, e gli aveva dato il controllo su Aramco, la compagnia petrolifera saudita.

Ad aprile 2016, Mohammed ha introdotto un piano per la ristrutturazione dell’economia del paese nei successivi 15 anni. Quel progetto, chiamato Vision 2030, delineava la diversificazione dal petrolio, i programmi di privatizzazione, le riforme tecnologiche e lo sviluppo sostenibile. Il piano è stato accolto con ampia approvazione internazionale.

Kerry ha cercato di incontrarlo “ogni volta che andavamo in Arabia Saudita e ogni volta che veniva negli Stati Uniti”, sebbene l’inglese stentato di Maometto rendesse difficile la comunicazione telefonica. In un’occasione, al termine di una cena di lavoro a casa di Kerry a Washington, MBS sorprese gli ospiti in partenza sedendosi al pianoforte e suonando la “Moonlight Sonata” di Beethoven.

Il diplomatico che aveva familiarità con i sauditi attraverso diverse amministrazioni statunitensi pensò che “Kerry era più positivo rispetto a noi “su MBS.

Il giovane principe, sempre a fianco di suo padre, era incline a tenere conferenze, e sorprese Obama con una lunga critica della politica estera degli Stati Uniti durante un incontro con Salman.

La CIA, in particolare, era sospettosa nei confronti di MBS e preferiva trattare con il principe sopra di lui nell’ordine gerarchico, allora ministro degli Interni e principe ereditario Muhammad bin Nayef.

A giugno 2017, tuttavia, Nayef era fuori e suo padre, in un cambiamento spietato e rapido che sconvolse altri membri della famiglia reale estesa legata alla tradizione, aveva installato MBS come principe ereditario.

Anche prima di raggiungere la Casa Bianca, Trump ha visto MBS come il tramite attraverso il quale costruire una forte relazione con l’Arabia Saudita, usando il suo potere nella regione per rafforzare i suoi piani politici, invertendo l’apertura di Obama all’Iran, forgiando un accordo di pace israelo-palestinese che includeva un azioni repressive contro il terrorismo, tenendo sotto controllo il mercato petrolifero e fornendo più armi statunitensi a uno dei pochi paesi al mondo che hanno effettivamente pagato il riarmo.

Mentre il presidente Trump corteggiava il vecchio re, sarebbe stato stabilito un collegamento attraverso il principe ereditario , che ha rapidamente instaurato una relazione con il genero di Trump e consigliere anziano Jared Kushner.

Quando ha visitato Washington all’inizio del 2017, Mohammed ha pranzato a casa di Kushner e ha pranzato con Trump, ed  ha tenuto lontano la stampa mentre lui e Kushner pianificavano il primo viaggio all’estero del neo presidente, per farlo iniziare  con grande enfasi e impatto mediatico proprio dal regno Regno Saudita. C’era poca, se non nessuna, attenzione  ai diritti umani.

All’iniziativa inaugurale della Future Investment Initiative di Riyadh nell’ottobre 2017, MBS ha annunciato piani ambiziosi per attirare investimenti esteri nel regno, compreso lo sviluppo di una vasta zona economica sulla costa del Mar Rosso e una destinazione turistica di lusso.

E quando ha ristrutturato l’economia saudita, nel 2017, MBS ha  liberalizzato alcune parti del codice sociale estremamente conservatore dell’Arabia Saudita. Sono stati revocati i poteri alla polizia religiosa, che ha imponeva codici di abbigliamento restrittivi per le donne e la segregazione di genere negli spazi pubblici. Il governo, abbandonando le restrizioni, promosso concerti musicali, eventi sportivi e ha aperto per la prima volta da decenni i cinema. Le restrizioni sociali del regno, sosteneva spesso Mohammed, non erano originarie dell’Arabia Saudita, ma piuttosto una conseguenza della svolta del paese verso il conservatorismo a partire dal 1979, i sunniti si mobilitarono per contrastare la rivoluzione islamica nel vicino Iran sciita. Mentre Mohammed ha gradualmente lavorato per aprire la società, il governo ha annunciato che, a partire dal giugno 2018, le donne avrebbero potuto guidare nel regno per la prima volta da decenni. capacità di portare a termine riforme sociali con un piccolo sconvolgimento delle sue capacità negoziali con i chierici conservatori e la sua profonda conoscenza dell’Islam. Ma ha chiarito che non cercava la democrazia in Arabia Saudita; rimase una monarchia assoluta in cui si stava rapidamente avvicinando al potere assoluto. I chierici che si rifiutavano di mettersi in riga o che erano considerati troppo indipendenti venivano gettati in prigione. “Quando si arriva alle riforme politiche, è reazionario come l’establishment politico wahhabita”, ha detto David Ottaway, un collega del Medio Oriente presso il Wilson Center che ha studiato l’Arabia Saudita e ne ha scritto ampiamente. “Mentre il paese era gestito più dal consenso dei principi superiori, ora è giù per un ragazzo, con un piccolo input da suo padre.” Altri, però, dicono che il re Salman esercita ancora un’influenza enorme, reining suo figlio a volte e spronandolo a contrastare l’influenza dell’Iran nella regione, una priorità per il sovrano. A novembre, Mohammed ordinò l’arresto di centinaia di membri della famiglia reale e dell’elite imprenditoriale, imprigionandoli nell’opulento hotel Ritz-Carlton. Molti sostengono in seguito l’abuso fisico e la morte di almeno una persona sotto tortura. Il palazzo disse che erano corrotti, e che alla fine furono liberati dopo aver rinunciato a sostanziali porzioni delle loro fortune. Un eminente americano con una lunga esperienza nel regno e con i suoi sovrani più cortesi manifestò preoccupazione dopo diversi incontri con Mohammed. “Non era interessato ad ascoltare”, ha detto, descrivendo il principe come un “bullo” che ha tenuto conferenze senza interruzioni. La primavera scorsa, mentre il mondo aspettava che le donne saudite salissero nelle loro auto come autisti, donne importanti che per anni avevano La campagna per il diritto alla guida è stata arrestata in silenzio e imprigionata. “Stiamo scoprendo cosa sia questo” nuovo re “e sta diventando preoccupante”, ha detto Ottaway.

Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman

Un caloroso benvenuto Durante un tour negli Stati Uniti lo scorso marzo, MBS è stato salutato dalla Casa Bianca come un leader illuminato e potente. Dalle città della Costa Orientale che ha visitato, al cuore industriale e dai centri di alta tecnologia e intrattenimento della costa occidentale, Mohammed – che ora parla inglese abbastanza fluente – ha affascinato i suoi ospiti americani. Sebbene molti in Congresso abbiano protestato contro i civili morti per attacchi aerei sauditi nello Yemen e aveva messo in dubbio gli arresti interni, numerosi parlamentari si sono riuniti per parlare con lui.

Tali questioni, secondo Mohammed, erano le preoccupazioni interne del suo paese e non diminuivano il valore del regno come un forte alleato per la sicurezza negli Stati Uniti. Né hanno spostato l’attenzione di Mohammed dalla sua priorità più urgente: riformare un’economia pesantemente dipendente dal petrolio. L’accoglienza calorosa negli Stati Uniti non è stata una sorpresa. Sia prima che dopo la visita, la leadership saudita ha perso ha condotto diversi episodi potenzialmente imbarazzanti nell’anno precedente, con una scarsa reazione internazionale, tra cui l’apparente detenzione del primo ministro libanese e la quasi rottura dei rapporti diplomatici con il Canada dopo che i canadesi hanno protestato contro l’arresto del regno di un difensore dei diritti delle donne. Alcuni tra i più alti ranghi del regno rimasero perplessi sul fatto che a tanti americani sembrasse importare quando cominciarono a emergere storie che Khashoggi era svanito durante una visita del 2 ottobre al consolato saudita a Istanbul, secondo la persona vicina alla corte reale. Il trattamento riservato ai cittadini sauditi da parte dell’Arabia Saudita, per quanto rigidi, era considerato affare del regno, non avendo nulla a che fare con le relazioni straniere. Ma la scomparsa, per non parlare del possibile omicidio, “di un ragazzo che era un dissidente che vive in Occidente ha qualcosa da fare” con loro, disse questa persona. “Anche se lo stanno facendo per la politica interna, devono essere in grado di leggere l’effetto nel resto del mondo”, ha detto, riferendosi alla leadership saudita.

Il possibile coinvolgimento di Mohammed Mohammed ” vola in faccia a tutti sforzo che ha messo nel migliorare i rapporti “con l’Occidente”, ma è anche molto inesperto. Non penso che abbia una profonda comprensione. . . . di quale sarebbe la reazione. “Washington Post denuncia il lato oscuro del futuro Re saudita Mohammed bin Salman

Facebook Comments
Condividi