5Stelle botto di fine anno: epurazioni e consensi crollati

0
207
5Stelle botto di fine anno epurazioni e consensi crollati
Condividi

Débâcle di consensi: la manovra presenta il conto  ai 5 Stelle 5Stelle botto di fine anno epurazioni e consensi crollati

Secondo gli ultimi sondaggi gli italiani voltano le spalle ai  grillini. I rilevamenti  sulle intenzioni di voto  indicano che il consenso dei 5 Stelle e precipitato al 20%, mentre quello della Lega supera il 30%.

Aggravata dalle epurazioni la manovra presenta il conto con i botti di fine anno. Al saldo e stralcio per i molti furbetti dell’evasione e dell’elusione fiscale ed i poveri cristi effettivamente messi in croce dalle cartelle esattoriali, il Movimento Cinque Stelle ha aggiunto anche un regolamento di conti interni. Senza processi e senza contraddittori pubblici, un invisibile tribunale speciale  a cinque stelle, cioè  il  Collegio dei Probiviri del movimento , ha espulso i parlamentari nazionali e europei non obbedienti alla linea Di Mio “perinde ac cadaver”, con l’insensibilità di un cadavere, per dirla come i Gesuiti.

Dubbi e critiche aperte ai tanti strafalcioni della manovra e dei provvedimenti adottati in sei mesi di gaffe e retromarce del governo sono costati l’esplusione- liberazione ai senatori Gregorio De Falco e  Saverio De Bonis e ai parlamentari europei Giulia Moi e Marco Valli.

5Stelle botto di fine anno epurazioni e consensi crollati
i senatori Gregorio Di Falco e Saverio De Bonis

De Falco e De Bonis, da tempo al centro del braccio di ferro con i vertici del Movimento, ha pesato la votazione al Disegno di legge  sicurezza, durante la quale il primo aveva espresso un voto contrario ed il secondo si era astenuto. De Falco, inoltre, si è astenuto nell’aula del Senato al voto di fiducia sulla manovra e ha criticato la scelta del governo gialloverde di non firmare il global compact sui migranti.

Il Collegio dei Probiviri ha sanzionato Gregorio De Falco con “l’espulsione per reiterate violazioni art. 11 Statuto; art. 3 Cod. Etico”, Saverio De Bonis, con l’espulsione (violazione art. 11 Statuto; art. 6 c. 4, Cod. Etico), Giulia Moi con l’espulsione (violazione art. 11, lettera m, Statuto; art. 3 Cod. Etico) e Marco Valli con l’espulsione (violazione art. 11, lettera m, Statuto). Per altri parlamentari  sono state adottati vari  provvedimenti, per il senatore Lello Ciampolillo è stato deciso un richiamo (violazione art. 11 Statuto; art. 3 Cod. Etico). mentre “nei confronti dell’on. Matteo Mantero e della senatrice  Virginia La Mura i procedimenti disciplinari sono stati invece  archiviati” mentre “nei confronti delle senatrici  Elena Fattori e Paola Nugnes i procedimenti disciplinari sono ancora pendenti”.5Stelle botto di fine anno epurazioni e consensi crollati

“Non me l’aspettavo, si tratta di un provvedimento abnorme e incostituzionale”, ha detto all’AdnKronos il senatore De Falco, commentando la sua espulsione. “Speravo – spiega – che restasse vivo uno spazio democratico nel Movimento, che per suo statuto deve essere ispirato al metodo democratico”. “Si tratta di un provvedimento abnorme e incostituzionale – argomenta l’ufficiale della Capitaneria di porto, famoso per avere intimato al Comandante della Concordia Schettino di tornare a bordo e di non abbandonare la nave – perché incide sulla libertà di opinione e voto del parlamentare, tutelata da quella Costituzione che proprio il M5S ha difeso nel 2016 dal tentativo di manomissione del Pd di Renzi“. “Con questa decisione – conclude De Falco  – si dimostra che nel M5S mentre si discute di saltare la regola del doppio mandato dall’altra parte ci si irrigidisce pensando che un parlamentare debba votare a favore della manovra senza nemmeno leggerla”.

Effetto esplusioni ? Sarà un caso ma in coincidenza col mix di tensioni e il marasma interno provocato dalla manovra, i sondaggi sulle intenzioni di voto degli Italiano dopo sei mesi di Governo giallo verde, fanno precipitare i consensi dei  grillini dal 33% delle politiche del 4 marzo 208 al  20% con un trend ancora in calo. Un vero botto di fine anno !5Stelle botto di fine anno epurazioni e consensi crollati

 

Facebook Comments
Condividi