Boom economico in vista: Stati Uniti e Cina quasi amici

668
Boom economico in vista Stati Uniti e Cina quasi amici
Condividi

 

Pubblichiamo la sintesi delle analisi del Wall Street Journal Washington Post e New York Times sull’impatto economico e politico dell’accordo commerciale preliminare fra Stati Uniti e Cina

Boom economico in vista Stati Uniti e Cina quasi amiciTrump annuncia il raggiungimento di un accordo di “Fase Uno” con la Cina sul commercio. Washington e Pechino hanno fatto un primo passo per i presupposti di un accordo commerciale le cui trattative erano deragliate.

Gli Stati Uniti hanno accantonano il previsto aumento delle tariffe sui beni importati dalla Cina, mentre Pechino aumenta gli acquisti di prodotti agricoli americani.

Le due parti hanno lasciato molti dettagli da elaborare nelle prossime settimane o mesi su questioni difficili tra cui Huawei l’applicazione della Cina delle norme sulla proprietà intellettuale, l’accesso degli Stati Uniti ai mercati cinesi, il sostegno del governo cinese alle imprese statali.

Boom economico in vista Stati Uniti e Cina quasi amiciStati Uniti e la Cina hanno “concordato in linea di principio” un accordo commerciale preliminare, segnando il primo risultato tangibile dopo 18 mesi di guerra commerciale e lasciando tutte le questioni più difficili che li dividono a colloqui futuri.

Nell’ambito dell’accordo iniziale, la Casa Bianca ha concordato di non procedere con i piani per aumentare le tariffe sui 250 miliardi di dollari in beni cinesi la prossima settimana al 30 percento dal 25 percento.

“Non abbiamo avuto che cattive notizie da aprile. Infine, c’è un po ‘di luce solare in questi colloqui commerciali “, ha dichiarato Myron Brilliant, vice presidente esecutivo della Camera di commercio degli Stati Uniti.

Lo scopo è quello di spianare la strada a un accordo più completo tra Washington e Pechino nella seconda e terza fase ancora da definire.Boom economico in vista Stati Uniti e Cina quasi amici

Trump e il presidente cinese Xi Jinping potrebbero incontrarsi per firmare l’accordo in Cile in occasione di un vertice tra i leader dell’Asia e del Pacifico a metà novembre. “Entrambi i presidenti devono possedere questa cosa”, ha affermato Craig Allen, presidente del Consiglio degli affari USA-Cina.

La notizia di un potenziale accordo, che ha bloccato due giorni di colloqui a Washington, ha incoraggiato Wall Street. Ancor prima che il presidente parlasse, la media industriale di Dow Jones era cresciuta di circa 500 punti, o vicino al 2 percento, tra gli indizi che un accordo parziale era imminente. Il Presidente ha celebrato il risultato come “uno dei maggiori affari”, ma la mancanza di specificità nel suo annuncio, e il suo commento che l’accordo parziale potrebbe richiedere settimane per appianare, ha raffreddato l’ottimismo degli operatori. Il Dow ha chiuso con quasi 320 punti, ovvero l’1,2 percento, per finire a 26.816,59.

“Questo accordo rimuove temporaneamente qualsiasi ulteriore escalation di tensioni, ma non risolve nessuna delle principali fonti sottostanti di attriti tra i due paesi o mitiga l’incertezza sul futuro delle relazioni economiche bilaterali”, ha dichiarato Eswar Prasad, ex capo della sezione cinese del  Fondo Monetario Internazionale.

“Fondamentalmente sono alcuni acquisti e un sacco di lanugine perché nessuno nell’amministrazione vuole davvero passare attraverso le tariffe comunque”, ha detto Derek Scissors, un esperto cinese presso l’American Enterprise Institute.Boom economico in vista Stati Uniti e Cina quasi amici

Trump non ha ancora deciso se procedere con un altro aumento delle tariffe pianificato il 15 dicembre, che colpirebbe i beni di consumo popolari proprio mentre il suo sforzo di rielezione prende il sopravvento.

La decisione del presidente di accettare un processo multipart è arrivata appena tre settimane dopo aver respinto categoricamente l’idea di un accordo parziale, insistendo sul fatto che “stiamo cercando il grosso problema”.

La svolta è stata determinata dai crescenti dissensi e dalle proteste  delle comunità agricole e manifatturiere del Midwest. Gli elettori che all’inizio hannp sostenuto Trump nei confronti della Cina  sono diventati impazienti quando le perdite delle esportazioni agricole si sono accumulate e gli ordini alle fabbriche sono calati. Per la rielezione di Trump  il supporto in stati come Wisconsin, Michigan, Pennsylvania e Ohio viene considerato  cruciale.

I rappresentanti delle aziende e delle aziende agricole hanno generalmente accolto con favore l’annuncio dell’accordo, ma lo hanno definito insufficiente.

“Questo accordo sembra non fare nulla per far fronte alle tariffe paralizzanti che gli agricoltori attualmente affrontano. La promessa di ulteriori acquisti di ag è una buona notizia, ma i dettagli su tempi, prezzi, materie prime e molte altre domande dovranno essere risolti “, ha dichiarato Brian Kuehl, di Farmers For Free Trade.

Ma i sostenitori di Trump hanno intravisto segni che l’approccio aggressivo del Presidente sta dando i suoi frutti.

“Sembra che la Cina stia iniziando a riconoscere la gravità della situazione e sta finalmente affrontando alcune preoccupazioni statunitensi di lunga data – come la protezione della proprietà intellettuale e l’accesso al mercato per gli agricoltori americani”, ha dichiarato Stephen Vaughn, ex funzionario amministrativo del momento presso King & Spalding.Boom economico in vista Stati Uniti e Cina quasi amici

L’accordo preliminare rimanda ai futuri negoziatile questioni più difficili tra Stati Uniti e Cina, comprese le richieste di Trump di profondi cambiamenti strutturali nell’economia cinese diretta dallo stato. Robert E. Lighthizer, il principale negoziatore commerciale del Presidente, vuole che la Cina smetta di costringere le società statunitensi a trasferire la tecnologia alle società cinesi per accedere al mercato cinese. Funzionari cinesi negano di farlo e stanno anche resistendo alle richieste degli Stati Uniti di frenare i sussidi per le imprese statali che competono con le società americane.

Trump deve anche ancora annunciare se estenderà una licenza che consente alla società di telecomunicazioni cinese Huawei di continuare ad acquistare parti americane dopo la scadenza il 18 novembre.

Boom economico in vista Stati Uniti e Cina quasi amiciL’annuncio è una brusca svolta dalla posizione di Trump diverse settimane fa, quando il presidente – arrabbiato per le tariffe di ritorsione della Cina – ha chiesto alle compagnie americane di smettere di fare affari con la Cina e ha minacciato di tassare ogni giocattolo, scarpa e computer da Pechino prima della fine dell’anno . L’escalation ha scosso gli investitori, i legislatori e le imprese, che hanno iniziato a ritardare gli investimenti e le assunzioni a causa della continua incertezza sulla traiettoria della guerra commerciale.

Il Presidente durante un incontro alla Casa Bianca con il Vice Premier Cinese e capo della delegazione di Pechino, Liu He, ha dichiarato che le due parti lavoreranno ora a un accordo in fasi, un’inversione rispetto alla sua precedente posizione che stava cercando un accordo “completo” in Cina.

Nonostante l’annuncio, l’accordo non è stato completato e Steven Mnuchin, il segretario del Tesoro, ha dichiarato che è rimasto più lavoro, anche sugli accordi relativi alla valuta e all’accesso per le società finanziarie americane.

“Abbiamo un accordo fondamentale sulle questioni chiave”, ha affermato. “Ma c’è una notevole quantità di lavoro da fare.”

L’accordo è lungi dal tipo di accordo globale per il quale Trump sta spingendo, e lascia irrisolte alcune delle maggiori preoccupazioni dell’amministrazione riguardo alle pratiche economiche della Cina.

Tuttavia, l’accordo, che è arrivato durante il 13 ° round di negoziati, contribuirà a disinnescare le tensioni commerciali che hanno iniziato a infliggere dolore all’economia globale e a rafforzare gli affari in tutto il Pacifico.

“È la prima volta dall’inizio della guerra commerciale che i negoziatori hanno raggiunto risultati concreti”, ha affermato Cui Fan, eminente professore di politica commerciale all’Università di International Business and Economics di Pechino.Boom economico in vista Stati Uniti e Cina quasi amici

Secondo i sostenitori di  Trump , le concessioni della Cina genereranno uno slancio positivo per i colloqui futuri e porteranno a maggiori affari per agricoltori e produttori mentre continuano a premere Pechino per un patto più ampio per correggere abusi economici di lunga data. I critici affermano che la mossa andrà solo in parte a risolvere una crisi del presidente stesso e che la guerra commerciale continuerà a rallentare l’economia globale .

Boom economico in vista Stati Uniti e Cina quasi amici

Facebook Comments
Condividi