Bottiglie vegetali e addio alla plastica

0
149
Bottiglie vegetali e addio alla plastica
Condividi

Sull’auspicata e attesa fine dell’era della plastica che avvelena il Pianeta pubblichiamo una sintesi dell’articolo del The Guardian sull’avvio della produzione di bottiglie e contenitori bio degradabili Sull'attesa fine della plastica che avvelena il mondo il The Guardian anticipa in un articolo la produzione di bottiglie e contenitori vegetali

Birra e bevande potrebbero presto essere sorseggiate da bottiglie vegetali nell’ambito di nuovi piani per trasformare le colture coltivate in modo sostenibile in plastica vegetale in collaborazione con i principali produttori di bevande.

Una società biochimica nei Paesi Bassi spera di dare il via agli investimenti per un progetto pionieristico per produrre materie plastiche dagli zuccheri vegetali anziché dai combustibili fossili.

Bottiglie vegetali e addio alla plastica
Il chimico olandese Gert-Jan Gruter che ha ricevuto la nomination al premio dell’European Patent Office per lo sviluppo industriale del polietilen-furanoato (PEF), bioplastica biobased considerata una valida alternativa al PET nella produzione di bottiglie e imballaggi

I piani, ideati dalla società di prodotti chimici rinnovabili Avantium, hanno già ottenuto il sostegno di una grande azienda produttrice di birra, che spera di vendere il suo pilsner in una bottiglia di cartone rivestita con uno strato interno di plastica vegetale.

L’amministratore delegato di Avantium, Tom van Aken, afferma di sperare di ottenere un grande investimento nell’impianto di bioplastica leader a livello mondiale nei Paesi Bassi entro la fine dell’anno.

Bottiglie vegetali e addio alla plastica
van Aken

Il progetto, che rimane sulla buona strada nonostante il blocco del coronavirus, è destinato a rivelare collaborazioni con altre aziende alimentari e bevande entro la fine dell’estate.

Gli zuccheri estratti dal grano, insieme a mais e barbabietole, saranno utilizzati per produrre contenitori vegetali.

Il progetto ha il sostegno di varie multinazionali, che sperano di garantire il futuro dei loro prodotti in bottiglia affrontando i danni ambientali causati dall’inquinamento da plastica e facendo affidamento sui combustibili fossili.Bottiglie vegetali e addio alla plastica

A livello globale, circa 300 milioni di tonnellate di plastica sono prodotte ogni anno da combustibili fossili, il che contribuisce in modo decisivo alla crisi climatica.

Gran parte di questo non viene riciclato e contribuisce al flagello delle microplastiche negli oceani del mondo. Le microplastiche possono richiedere centinaia di anni per decomporsi completamente.

“Questa plastica ha credenziali di sostenibilità molto interessanti perché non utilizza combustibili fossili e può essere riciclata – ma si degraderebbe anche in natura molto più velocemente rispetto alla plastica normale”, afferma Van Aken.

La plastica per piante di Avantium è progettata per essere abbastanza resistente da contenere bevande carbonatiche. Le prove hanno dimostrato che la plastica vegetale si decompone in un anno usando un composter e qualche anno in più se lasciata in normali condizioni esterne. Ma comunque può essere riciclata.Bottiglie vegetali e addio alla plastica

La bio-raffineria prevede di scomporre gli zuccheri vegetali sostenibili in semplici strutture chimiche che possono quindi essere riorganizzate per formare una nuova plastica a base vegetale, che potrebbe apparire sugli scaffali dei supermercati entro il 2023.

Il progetto Path-Finder inizialmente produrrà 5.000 tonnellate di plastica ogni anno usando zuccheri da mais, grano o barbabietole.

Tuttavia, Avantium prevede che la sua produzione crescerà con l’aumento della domanda di materie plastiche vegetali.

Con il passare del tempo, l’azienda  olandese prevede di utilizzare zuccheri vegetali provenienti da rifiuti organici di origine sostenibile in modo che l’aumento della plastica vegetale non influisca sulla catena di approvvigionamento alimentare globale.Bottiglie vegetali e addio alla plastica

Facebook Comments
Condividi