Cani & Gatti leader

0
Condividi

cani e gatti leader ereditieri

Mito e potere. La storia a quattro zampe è lunga e fitta di nomi quasi quanto quella della civiltà e procede parallelamente con la storiografia degli uomini.

Dal fedele Argo di Ulisse , ai  Pharaon Hound, i segugi e i levrieri imbalsamati nelle Piramidi, al mastino Peritas  dal quale Alessandro Magno non si separava mai, a White Heather il gatto d’angora amatissimo dalla Regina Vittoria, che visse più della Sovrana e passò in eredità a suo figlio, re Edoardo VII, a Micetto il gatto che Papa Leone XII amava tenere accanto durante  le udienze.

Fino ai contemporanei  Sunny  che ha raggiunto alla Casa Bianca Bo, il cane adottato nel 2009  da Barak, Michelle, Malia e Sasha Obama, la First family al completo.

cani e gatti leader ereditieri

Mentre a Mosca  Koni,  il labrador di Putin, contende a Zar Wladimir l’attenzione dei media.

cani e gatti leader ereditieri

Potere a quattro zampe? Gli esempi sono molteplici. Da Myobu No Omoto,  la gatta prediletta e viziatissima dell’Imperatore del Giappone Ichijo, che  fece mettere in carcere il proprietario di un cane che l’aveva rincorso,  a Trick  il barboncino di  Sandro Pertini che ha condizionato più di un’amicizia dell’esponente socialista, a Slippers il gatto del Presidente statunitense Roosevelt,  che durante un  pranzo di Stato “pregò” l’elite politica Usa di aggirare in silenzio  il First Cat  addormentato all’ingresso del salone.

Potere anche nel senso di lasciare intravedere le decisioni dei proprietari.

cani e gatti leader ereditieri

Tanto per dire: a Londra  viene monitorizzata un’eventuale iniziativa di Buckingham Palace sull’assistenza agli adoratissimi Corgi reali  per capire se, e quando, intenda abdicare la Regina Elisabetta  che ormai ha superato il record assoluto di longevità di permanenza sul trono d’Inghilterra.

cani e gatti leader ereditieri

L’influenza degli amici a quattro zampe spesso si traduce in ricchezza.

cani e gatti leader ereditieri

Ne sa  qualcosa il  pastore tedesco Gunther IV, unico erede della contessa tedesca Karlotta Liebenstein, che nel 1992 ha ricevuto un lascito di ben 340 milioni.

Seguono il gatto  Blackie, di solo un anno che può vantare un’eredità pari a 23 milioni di euro, e ancora il cane ed i due gatti Frankie, Ani e Pepe che possono sfruttare un budget di 13 milioni di euro.

Per non parlare degli animali di proprietà dell’ereditiera Leslie Ann Mandel, la ricca milionaria degli Hamptons che aveva fornito disposizioni precise per i suoi amati uccelli da voliera, ovvero 32 Nymphicus hollandicus. Noti anche come calopsitta o calopsite, oppure molto più familiarmente pappagalli, che hanno ricevuto in eredità ben 90.000 euro da spartire con il gatto e cane di casa.

l’ereditiera Leslie Ann Mandel

l’ereditiera Leslie Ann Mandel

Esagerazioni, spreco?  Non c’è dubbio. Soprattutto in presenza di eredi bisognosi  e di tanti  orfanatrofi.  Ma bisogna pur considerare, come diceva Milan Kundera,  che gli amici animali  “sono il nostro legame con il paradiso. Non conoscono il male né la gelosia né la scontentezza.  Sedersi su un pendio con un cane in uno splendido pomeriggio è come tornare nel giardino dell’Eden in cui oziare non era noioso: era la pace.”

Ichijo

Condividi