F1: c’erano una volta le Ferrari ora il podio é Mercedes

0
364
F1 c'erano una volta le Ferrari ora il podio é Mercedes
Condividi

by Vincenzo Bajardi

Ferrari sempre più deludenti ed ennesima passerella vincente di Hamilton e delle Mercedes nella sesta prova del Mondiale, il GP di Spagna, più di 30° la temperatura e 50° nell’asfalto nel circuito di Barcellona, 66 i giri da percorrere.F1 c'erano una volta le Ferrari ora il podio é Mercedes

L’inglese ha dominato in una gara decisamente la più noiosa fra quelle disputate. Ha preceduto di 24″177 l’olandese Verstappen con la Red Bull e di 44″752 il compagno di scuderia Bottas.

Quindi attardati di un giro Stroll, Perez, Sainz, Vettel, Albon, Gasly, Norris,Ricciardo, Kvyat, Ocon, Raikkonen (Alfa Romeo), Magnussen, Giovinazzi con l’altra Alfa, Russell, Latifi e Grosjean.F1 c'erano una volta le Ferrari ora il podio é Mercedes

Ritirato Leclerc con la Ferrari. Una Rossa sempre più deludente, Vettel settimo (e doppiato)  e Leclerc out per un problema elettrico.

Nella Classifica Piloti, Hamilton è leader con 132 punti su Verstappen (95), Bottas (88), Leclerc (45), Stroll ed Albon (40), Norris (39), Perez (32), Sainz (23), Ricciardo (20), Vettel ed Ocon (16), Gasly (14), Hulkenberg (6), Kvyat e Giovinazzi (2), Magnussen (1). F1 c'erano una volta le Ferrari ora il podio é Mercedes

Nella Classifica Costruttori Mercedes spazia con 221 punti su Red Bull (135), Racing Point (63), McLaren (62), Ferrari (61), Renault (36), Honda (16), Alfa Romeo (2), Haas (1). Al via Hamilton (Mercedes) manteneva la posizione su Verstappen (Red Bull) e Stroll (Racing Point). Al 5°giro Bottas, con un giro veloce, aggirava Stroll. Dal 12° al 17° giro il battistrada accelerava rifilando 3″ a Verstappen anche per arrivare ad un pit stop sereno mentre le due Ferrari erano lente con Leclerc sesto e Vettel settimo.

Al 22° giro Verstappen ai box, due giri dopo tocca ad Hamilton e Bottas che montano le gomme gialle.

Doppio pit stop per la Ferrari al 31° giro, gomma media per Leclerc e rossa per Vettel. A metà gara posizioni invariate con Hamilton leader su Verstappen e Bottas. Una noia tremenda. Al 38° giro si gira Leclerc, non si ferma ai box e continua in coda a tutti per poi dare forfait mentre due giri dopo Bottas si sistema secondo. Al 45° doppiaggio di Hamilton su Vettel, l’unica Ferrari rimasta in gara.F1 c'erano una volta le Ferrari ora il podio é Mercedes

Quattro giri dopo il tedesco firmava un giro veloce mentre Bottas effettuava il pit stop. Notevole differenza fra il trio di testa (Hamilton, rientrava con la gomma gialla, Verstappen e Bottas) ed il resto del gruppo. Cinque secondi di penalità per Perez (Racing Point) per aver ignorato le bandiere blù, idem per Kvyat. Al 58° giro sorpasso di Stroll su Vettel che lamenta problemi alle gomme e avvicinato anche da Sainz. Al 63° giro Hamilton veleggia con 17″ su Verstappen e Bottas che viene attardato dalla resa della gomma soft. Così fino al traguardo. F1 c'erano una volta le Ferrari ora il podio é Mercedes

Ormai non fa più notizia in F1: anche in Spagna, Mercedes irrangiungibili con Hamilton che ha preceduto in 1’15″584 il compagno di squadra Bottas, per 59 millesimi, firmando la pole nr 92. “Ho lavorato a lungo con i meccanici e dovrò gestire bene le gomme” – il commento di Lewis –  inoltre il caldo a livello fisico mi ha sfiancato”. Rispetto a Silverstone, Hamilton si è dunque ripreso la pole. Quindi la Red Bull di Verstappen distaccato di 7 decimi (“Spero di pressare in gara le Frecce Nere”).

Ma per l’olandese sarà difficile avere ragione delleMercedes: 7 decimi di distacco su una pista tecnica come quella spagnola sono tanti e se Hamilton e Bottas si sono qualificati con gomme soft significa che non temono sorprese. A seguire le Racing Point del rientrante Perez (+0″898) e Stroll (+1″005) con Albon a completare la terza fila con un ritardo di 1″445. Quarta fila per le McLaren di Sainz (+1″460) e Norris (+ 1″500).F1 c'erano una volta le Ferrari ora il podio é Mercedes

La Ferrari scatterà nona con Leclerc (+1″503) ed in sesta fila con Vettel, undicesimo. Il tedesco neanche a Barcellona è riuscito a centrare la top ten in qualifica. Seb ha mancato la qualificazione per appena due millesimi.

Un’altra giornata complicata per Maranello. Dunque qualifiche difficili. “Ho accusato problemi all’anteriore, più giravo e più perdevo performance. Però sono ottimista di natura, tutto può accadere in corsa” ha commentato il monegasco Leclerc. “Appena acceleravo venivano fuori i problemi, non avevo confidenza con la vettura” – ha spiegato Vettel. Delusione anche per le due Renault.

Buone notizie per l’Alfa Romeo-Sauber, con Kim Raikkonen che è riuscito a riportare la squadra di Hinwil in Q2 per la prima volta dopo sei gare.

Ventesimo Giovinazzi staccato di oltre 1″2 dal compagno di squadra. Arrivederci al 30 agosto per il GP del Belgio.F1 c'erano una volta le Ferrari ora il podio é Mercedes

Facebook Comments
Condividi