HomeCuore & BatticuoreCuore & Batticuore: sono vedova di Lillo, il mio gatto

Cuore & Batticuore: sono vedova di Lillo, il mio gatto

Cuore & Batticuore
Rubrica settimanale di posta storie di vita e vicende vissute

Le riflessioni di Mirella: attenzione a chi evitare

Gentile redazione,

Complimenti ! In particolare per la rubrica Bau&Miao.

Leggendo le vostre storie, viene da chiedersi: perché questa maggiore sensibilità verso gli animali?

È vera empatia o è la solitudine, la paura della fine di relazioni che chiedono molto e danno poco?

O ancora l’egoismo che ci porta a scegliere l’amore incondizionato e fedele degli animali?

Cuore & BatticuoreComunque sia, per chi sa ascoltarli, guardarli e ammirarli nei loro silenziosi comportamenti, gli animali hanno molto da rivelarci. Non fosse che per la perfezione della natura che si rivela nei riflessi di luce dei loro occhi, o nei colori dei loro mantelli siano essi morbidi velluti o dure corazze. Se poi riusciamo a cogliere anche i loro sentimenti, allora diventa impossibile separarsi da loro.

Personalmente ho sempre amato i gatti. Stanca di piangerli liberi ma vittime di avvelenamenti o vendette canine, un giorno ho deciso di averne uno “tutto mio”, Lillo,  che non avrebbe spezzato il cuore di mille gatte in amore, ma non avrebbe subito nemmeno la cattiveria umana.

Essendo io il suo unico punto di riferimento e il mio mondo il suo, notavo ogni suo piccolo cambiamento e lui i miei. Anche di  umore…

Poi nella nostra storia si intromise un amore umano.

Lui (l’altro) rispettava la nostra intesa, ma “ognuno al suo posto” e quindi il mio amato gatto avendo intuito che non era ben accetto, faceva ben attenzione ad evitare il contatto diretto… dormendo dalla mia parte del letto e sedendosi accanto a me unicamente, rispettando una bella distanza di sicurezza.

Un giorno, come nella vita di tanti umani, l’amore si esaurì, ma quello felino, no!

E quindi per la prima ed unica volta mentre “aspettavamo il taxi dell’addio sul divano” un attimo prima del suono del campanello, Lillo saltò fra spalla e collo dell’altro, lo salutò a suo modo facendo delle rumorosissime fusa.

Mi resta ancora da capire se si trattava di un ringraziamento felino per la possibilità di riappropriarsi del suo territorio nella sua interezza o se era un tentativo di trattenerlo con una promessa di futura bontà.

Lillo é rimasto con me 17 lunghi e felici anni, più di qualsiasi altra storia d’amore umana!

Cuore & Batticuore: sono vedova di Lillo, il mio gatto
santina.romei@ep.europa.eu  

maggiemusic@gmail.comLa pensiamo esattamente come il filosofo francese Hippolyte Taine, considerato il maggior teorico del naturalismo, che amava ripetere: “Ho studiato molti filosofi e molti gatti: la saggezza dei gatti è infinitamente superiore” !

 

 

 

 

Facebook Comments
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS