HomeOrizzonte AfricaL’Africa che vola alto sullo sviluppo economico mondiale

L’Africa che vola alto sullo sviluppo economico mondiale

 

by Francesca Biancacci

Africa. Solo posti in piedi nella lussuosa Lounge Business dell’Aeroporto Bole di Addis Abeba. E’ una scena che si ripete ormai quotidianamente da quando il Covid ha allentato la presa.L’Africa che vola alto sullo sviluppo economico mondiale

L’intero aeroporto, costruito e gestito dalla Ethiopian Airlines, appena rinnovato e inaugurato solo 3 anni fa, con una capacità di 19 milioni di passeggeri all’anno, non basta più. Troppo piccolo per l’espansione senza sosta della compagnia di bandiera etiope. Un’espansione che né il Covid, né l’appena concluso sanguinario conflitto interno con il Tigray sono riusciti a fermare.L’Africa che vola alto sullo sviluppo economico mondiale

E così prima di Natale partiranno i lavori di un nuovo aeroporto, capace di gestire 100 milioni di passeggeri l’anno. Costo stimato 5 miliardi di dollari. Cifre da Guinnes dei primati.L’Africa che vola alto sullo sviluppo economico mondiale

La sfilza di record quando si parla di Ethiopian Airlines é lunga. 126 aerei per 137 destinazioni. Ha chiuso al 30 giugno scorso con un profitto netto di 937 milioni di dollari.

E sarà suo il primo Airbus A350-1000 di tutto il Continente Africano. Un  aeromobile a basso consumo e altamente tecnologico, ha spiegato orgoglioso il ceo della Compagnia, Tewolde Gebremariam.

Alta Tecnologia. Sempre e comunque. E’ questa una delle chiavi principali per leggere questa storia di successo.

Airbus A350-1000

Fu fondata nel 1946, a un anno scarso dalla fine della seconda Guerra Mondiale, con l’aiuto e i capitali della storica compagnia Americana TWA. Chi mai avrebbe immaginato che a sopravvivere tra le due, decenni dopo, sarebbe stata proprio la Cenerentola africana?

Analfabetismo al 96%, due sole scuole secondarie: questa l’Etiopia di allora. Fondamentale l’imprinting tecnologico dei partner statunitensi. Un imprinting che gli etiopi hanno saputo sfruttare al massimo. La parola d’ordine sin da subito é stata: ‘Etiopianizzare” .

Il personale, dirigente e non, doveva diventare, con un piano ventennale, solo esclusivamente etiope. E così é dal 1971. Tecnologia dunque, sempre all’avanguardia. Scelta oculata degli aerei, centralità data alla manutenzione (Addis Abeba é presto diventata l’Hub di manutenzione per tutte le compagnie africane). Orgoglio Nazionale che si e’ tradotto nella creazione di scuole di addestramento del personale di volo , anche queste diventate punto di riferimento per l’intero continente..L’Africa che vola alto sullo sviluppo economico mondiale

Non ultimo, l’orgoglio Aziendale. E’ stato questo, fondamentale a salvare EAL dal probabile fallimento nel difficile periodo dell’ascesa al potere del Derg, il Governo Militare  Socialista. Siamo negli anni ‘80.

L’amministratore viene presto sostituito con un Generale, senza arte né parte, pesanti  interferenze sindacali, il divieto di acquistare aeromobili statunitensi. Ammessi solo aerei russi. In un battito d’ali Ethiopian Airline si ritrova ad un passo dalla bancarotta.L’Africa che vola alto sullo sviluppo economico mondiale

Ma lo spirito aziendalista, il senso di appartenenza di uno staff abituato al successo, emerge con tutta la sua forza. Ritorno alla politica industriale o dimissioni collettive. E’ così che i dipendenti tutti minacciano il Governo. E Il Derg, consapevole del contribuito della Compagnia al PIL della Nazione, acconsente.

E’ una storia di aiuti allo Stato anziché di aiuti dallo Stato,  quelli su cui si é seduta ed é poi fallita la nostra Alitalia.

Il sogno nel cassetto? Entrare  nell’industria aerospaziale a fianco di Boeing ed Airbus. Il progetto è già pronto.

 

Facebook Comments
Francesca Biancacci
Francesca Biancacci
Giornalista Professionista, già Inviata della redazione esteri del Tg1 Rai
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3456 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3456 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
31 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
12 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS