HomeNomine & CandidatureL’infondata generalizzazione del Palamaragate

L’infondata generalizzazione del Palamaragate

Mancano ancora molti elementi per delineare compiutamente tutti gli sviluppi processuali, politici, disciplinari e mediatici di quel vaso di Pandora che, per la Magistratura, si sta rivelando il Palamaragate.L’infondata generalizzazione del Palamaragate

Retroscena che in realtà rappresentano soltanto l’ultimo è più dirompente degli sconvolgimenti che ciclicamente investono i rapporti fra magistratura, politica e giornalismo.

Intrecci strettamente connessi e ricollegabili alle funzioni e ai poteri diretti e indiretti attribuiti dalla Costituzione e dalla prassi costituzionale alle istituzioni, ai partiti e alla stampa.L’infondata generalizzazione del Palamaragate

Così come lo erano state  anche nel tutt’altro che glorioso avvio dell’unità d’Italia, magistratura e amministrazione della giustizia, dopo la dittatura fascista, hanno ripreso loro malgrado il ruolo di stanze di compensazione di tutte le profonde tensioni politiche, sindacali e governative che, fin dal referendum tra Monarchia e Repubblica, scuotono e spesso sconvolgono tragicamente il Paese.

Stanze di compensazione di un potere, quello giudiziario, fra i gli altri poteri dello Stato. Potere giudiziario costituzionalmente delegato tuttavia all’autogoverno.L’infondata generalizzazione del Palamaragate

Specificità organizzativa e selettiva che implica, per la nomina dei vertici degli uffici giudiziari, il confronto fra opinioni e proposte alternative.

Confronto analogo all’elaborazione ideale e programmatica dei partiti politici, il cui ruolo e la cui funzione sono inscritti come per la Magistratura nella Costituzione.

Pur ingiustificabile e inammissibile, la degenerazione individuale, con annessa esasperazione mediatica, del cosiddetto caso Palamara non consente in ogni caso di criminalizzare, generalizzando, le scelte delle nomine dei vertici giudiziari da parte del CSM.L’infondata generalizzazione del Palamaragate

Anche in considerazione della naturale formazione di opinioni diverse all’interno e all’esterno della magistratura in merito a problematiche giurisdizionali ed esistenziali quali, per fare gli esempi più recenti, l’aborto, l’eutanasia, la procreazione assistita. Oppure di scelte normative che modificano gli assetti dell’intero settore giudiziario come per la prescrizione o per l’altalena dei limiti dell’età pensionabile dei magistrati: inizialmente fissata a 70 anni, poi elevata a 72,  innalzata a 75 e da ultimo riportata a 70 anni.L’infondata generalizzazione del Palamaragate

Esattamente come avviene negli Ordini Professionali, dai Giornalisti, ai Medici, agli Avvocati, all’interno dei quali si sviluppano leadership e tendenze, l’ Associazione Nazionale Magistrati evidenzia correnti e schieramenti. Correnti che legittimamente contribuiscono e concorrono all’organizzazione dell’autogoverno della magistratura e confrontano le rispettive candidature, suffragate in ogni caso da titoli ineludibili,  per i vertici dei distretti giudiziari e dei Tribunali. E per prendere una decisione è indispensabile parlarne. Analogamente a tutte le nomine.L’infondata generalizzazione del Palamaragate

Come se l’elezione del Papa o delle alte cariche dello Stato o le nomine Rai e nelle aziende pubbliche avvenissero tutte per intercessione dello Spirito Santo e non fossero il frutto di confronti e di proposte alternative, anche aspre e controverse, fra scuole di pensiero e aspettative diverse, fra partiti contrapposti, movimenti d’opinione, correnti varie.L’infondata generalizzazione del Palamaragate

Ovviamente distinguendo e sanzionando le distorsioni e separando nettamente, quanto più è costituzionalmente possibile, magistrati e politica.

Il punto d’arrivo  ideale è riassumibile dalla considerazione del filosofo liberale Kal Popper secondo la quale “una nazione é democratica quando è capace di privare del potere i suoi governanti incapaci”L’infondata generalizzazione del Palamaragate

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS