HomePaginePartigiane al servizio di sua maestà britannica

Partigiane al servizio di sua maestà britannica

PAGINE

Rubrica di critica recensioni anticipazioni

I cardini del pensiero Socrate Buddha Confucio Gesù

La più giovane aveva 21 anni, la più anziana 64. Il patriottismo, l’amore per l’Italia e soprattutto l’antifascismo e l’antinazismo. Sono i motivi per cui oltre venti fra ragazze e donne di varia età, tutte partigiane e alcune già impegnate nella Resistenza, pur di liberare l’Italia dal nazifascismo, accettarono di collaborare con lo Special Operations Executive, il servizio segreto creato da primo britannico Churchill per operare in territorio nemico.

Una vicenda balzata in primo piano in occasione di questo 25 aprile 2024 percorso da ignobili e antistoriche ondate di antisemitismo criminale e pseudo intellettuale. Partigiane al servizio di sua maestà britannica

A raccontare le loro storie é un libro di Bernard O’Connor, storico inglese e uno dei massimi esperti di intelligence militare e Soe: “Churchill’s Italian Angels” che raccoglie i fascicoli desecretati dal governo britannico pochi mesi fa.

Cinque erano studentesse, tre impiegate, due casalinghe, ma c’erano anche anche commercianti, insegnanti, sarte, una scrittrice famosa, una vedova con 7 figli.

Partigiane al servizio di sua maestà britannica
Bernard O’Connor

Non tutte erano agenti del Soe, e si limitavano a svolgere un ruolo di appoggio, magari logistico, 14 erano staffette, altre si occupavano di fornire vitto e alloggio per gli organizzatori Soe e talvolta per i radiotelegrafisti britannici, nascondendo ricetrasmittenti, esplosivi e armi.

Svolgevano anche compiti di intelligence militare, preparano sabotaggi, scattavano foto degli obiettivi da colpire, oppure si occupavano di propaganda. Il tutto in territorio occupato dai nazifascisti in varie località italiane, ma anche all’estero.

Partigiane al servizio di sua maestà britannica
Paola Del Din negli anni della guerra

Tra i nomi più noti Paola Del Din, veneta, classe 1923, Medaglia d’oro al valor militare, uno 007 a tutti gli effetti del Soe e componente della brigata Osoppo in Friuli Venezia Giulia.

Lo scorso agosto ha compiuto 100 anni ed è stata festeggiata dal Presidente Mattarella, dalla premier Giorgia Meloni e da re Carlo d’Inghilterra.

Altro nome famoso Fausta Cialente (1898-1994), scrittrice, giornalista e traduttrice (anche di una celebre edizione di Piccole donne), attiva in Egitto dove si era trasferita con il marito.

Partigiane al servizio di sua maestà britannica
Partigiane

Fu reclutata dalla sezione italiana del Soe a Gerusalemme per fondare una radio clandestina in italiano e poi dei periodici, sempre in lingua italiana.

Le altre sono Anna Vishovitch, Maria Ciofalo, Anna Maria Cialvi, Anna Danti, Enrica Filippina-Lara, Augusta Langha, Olga Molinatti, Leda Santi, Maddalena Madureri, Elda Pandini, Carla Boattini, Anna Irgher, Anna Sabbadini, Mary Arnaldi, Ida Serafino Bastianello, Ines Pasquarelli, Elide Galloni, Maria Rigeli, Emma Bocchi, Francesca Carabelli, con qualche imprecisione da parte di chi scrisse i loro file.

“Nei file desecretati c’è una descrizione minuziosa di Paola Del Din”,  ha raccontato all’Ansa Nicoletta Maggi, giornalista, studiosa del Soe e co-autrice con O’Connor di un libro sull’ ”Operazione Etna” l’infiltrazione britannica di agenti sovietici in Italia.Partigiane al servizio di sua maestà britannica

La partigiana era entrata a fare parte della brigata Osoppo, in Friuli Venezia Giulia, insieme al fratello Renato, ufficiale degli Alpini.

Partigiane al servizio di sua maestà britannica
Nicoletta Maggi

Dopo l’uccisione del fratello in uno scontro a fuoco con i nazisti, in suo onore prese il nome di battaglia ‘Renata’, entrò in contatto con gli alleati in Puglia, a Monopoli, e  chiese di essere addestrata: “seguì corsi di sabotaggio e fece 11 lanci con il paracadute, è la prima donna italiana ad averlo fatto” dice Maggi.

Partigiane al servizio di sua maestà britannica
6 maggio del 1945: il  Comitato Liberazione Nazionale apre la sfilata per la Liberazione a Milano. Da sinistra a destra: Mario Argenton, Enrico Stucchi, Ferruccio Parri, Raffaele Cadorna, Luigi Longo, Enrico Mattei e Augusto Solari

Fonte:Agenzia Ansa

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3468 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3468 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
13 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
11 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS