HomeRisvoltiPrimi sentiment sul Quirinale: Draghi in pole position

Primi sentiment sul Quirinale: Draghi in pole position

Sul transatlantico della Camera che si appresta ad affrontare il mare aperto dell’elezione del 13° Presidente della Repubblica, secondo il cosiddetto “sentiment” degli ambienti parlamentari la bussola del totalizzatore virtuale dei voti in progress dei vari candidati, assegna a Mario Draghi una potenziale pole position con circa 480 ipotetici voti iniziali sulla carta provenienti da centro sinistra, dai renziani e dall’avvio della scomposizione dei gruppi di 5 Stelle, Lega, Forza Italia e del gruppo misto.

Primi sentiment sul Quirinale Draghi in pole position
Spoglio di schede di votazioni parlamentari

Sull’altro fronte, oltre al blocco compatto di Fratelli d’Italia, i restanti voti leghisti, azzurri e pentastellati e del misto si attesterebbero, sempre sulla carta,  complessivamente a quota 380. Gli indecisi sarebbero 149. La grande differenza è inoltre connotata dalla tendenza: i voti per il Premier sarebbero cioè in crescita.

Primi sentiment sul Quirinale Draghi in pole position
Matteo Salvini Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi ad un vertice del centrodestra

Di fatto ratificato dalla ritirata al rallenty di Berlusconi, per il centrodestra l’analogo prospetto di indicazioni di voto rischia di gelare ulteriori candidature e anzi di rafforzare la convergenza su Draghi.

Nelle lunghe notti pre Quirinal-day, la domanda  che più rimbalza fra Palazzo Chigi, Camera, Senato, Nazareno e i quartier generali di Lega, 5 Stelle e delle altre forze politiche, è: che succede se i sentiment della vigilia verranno confermati dall’esito dei primi scrutini ?Primi sentiment sul Quirinale Draghi in pole position

Dipende dal mosaico della politica che sta attraversando una fase di scomposizione e riaggregazione. La frammentazione dei partiti, le ambizioni o l’impotenza dei leader, la drammatica prospettiva della pandemia, della crisi economica e sociale e la crescente “pressione” dei mercati, stanno determinando l’urgenza di una scelta ampiamente condivisa e con una primaria caratura internazionale. In sostanza è l’identikit di Mario Draghi, che dal Quirinale ancorerebbe l’Italia, pur con tutte le enormi contraddizioni del suo sistema politico, a primi posti dell’Europa e del contesto mondiale. E garantirebbe all’opinione pubblica nazionale l’essenzialità del ruolo dei partiti.

Del resto, lasciare Draghi alla guida del Governo e imbrigliarlo come garante operativo della gestione del piano di aiuti europei, non eviterebbe ai partiti di fare i conti con la consequenziale discesa in campo del Premier.Primi sentiment sul Quirinale Draghi in pole position

In prima persona o attraverso un rassemblement che si riconosca nella sua azione di Governo. Un movimento di opinione al quale, pur senza alcuna considerazione e accondiscendenza da parte di Draghi, sempre più frequentemente fanno riferimento gli ambienti parlamentari e gli esponenti di vari partiti in mezzo al guado del Colle.

E allora, si chiede più di un leader, perché rischiare l’eclissi e non cavalcare l’onda del Draghi for seven ? Che secondo i maliziosi scongiurerebbe oltretutto l’alternativa del Draghi forever…Primi sentiment sul Quirinale Draghi in pole position

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3468 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3468 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
13 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
11 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS