Addio a Pietro Anastasi il Pelè del calcio italiano

0
362
Addio a Pietro Anastasi il Pelè del calcio italiano
Condividi

Campione nel calcio e nella vita. Grande e umile. Era davvero così Pietro Anastasi, figlio del Sud e simbolo del calcio degli Anni 70, spentosi a 71 anni.

Goleador di classe e di potenza, catanese di nascita, “Pietruzzo” come veniva chiamato, diventò il mito calcistico degli operai meridionali sbarcati nel Nord Italia a cercare lavoro.

Giovanissimo Pietro Anastasi si mise in evidenza con la maglia del Varese, per poi passare alla Juventus. Con il club bianconero dal 1968 al 1976 vinse 3 scudetti.

Considerato uno dei migliori attaccanti italiani della sua generazione, giocò con la squadra torinese un totale di 258 partite in Serie A realizzando 78 reti, laureandosi capocannoniere della Coppa delle Fiere 1970-1971 e della Coppa Italia 1974-1975.Addio a Pietro Anastasi il Pelè del calcio italiano

Nell’estate del 1976 passò all’Inter nell’ambito del clamoroso scambio con Boninsegna. Con i nerazzurri vinse  la Coppa Italia del 1978, e chiuse  la carriera con Ascoli e Lugano.

Acclamato dai tifosi come il “Pelè italiano”, con la Nazionale vinse l’Europeo del 1968: in totale in azzurro ha collezionato 25 presenze, con 8 reti, di cui una, storica, proprio nella finale dell’Europeo.

Addio Pietruzzo, per tutti continuerai sempre a correre e a segnare gol nella leggenda del calcio.Addio a Pietro Anastasi il Pelè del calcio italiano

Facebook Comments
Condividi