Amministrative con vista elezioni politiche

0
775
Amministrative con vista elezioni politiche
Condividi

Tutti in movimento verso la tessa meta: amministrative, Quirinale ed elezioni politiche. Unica eccezione il Movimento 5 Stelle, incapsulato in una lacerante autoanalisi esistenziale.

Amministrative con vista elezioni politiche
Giuseppe Conte e Beppe Grillo

Per il centro destra la formalizzazione per Milano della candidatura del tiket formato dal pediatra Luca Bernardo e dall’ex sindaco Gabriele Albertini, col contorno di Vittorio Feltri come capolista di Fratelli d’Italia, rappresenta il superamento di un confronto a tratti polemico fra Matteo Salvini, Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni.  Per Napoli il centro destra ha unanimemente ufficializzato la candidatura del magistrato Catello Maresca, mentre per Bologna il prescelto uscirà dalla terna Andrea Cangini, Fabio Battistini e Roberto Mugavero.

Il Pd arranca su tre fronti molto impegnativi: Roma, Calabria e disegno di legge Zan. Tre prospettive che agitano gli equilibri interni del Nazareno, già scossi dal corto circuito interno dei grillini. Secondo gli ambienti parlamentari la mossa del cavallo di Beppe Grillo nella partita a scacchi con Giuseppe Conte starebbe spingendo progressivamente all’angolo l’ex Premier. Il garante fondatore del Movimento avrebbe utilizzato la stessa tattica del rinvio prediletta da Conte e attraverso i sette saggi, di fatto guidati da Luigi Di Maio e Roberto Fico, starebbe riassorbendo le spinte scissioniste dei parlamentari.

Amministrative con vista elezioni politiche
Roberto Fico Luigi Di Maio

Alla vigilia dell’inizio del semestre bianco le forze politiche operano già a quota periscopio in vista del posizionamento iniziale per la corsa al Quirinale e per le elezioni politiche alla scadenza della legislatura. Dalle mosse tattiche di Matteo Renzi sul disegno di legge Zan è emerso che il centro destra disporrebbe già di un blocco di 440 parlamentari, ai quali vanno aggiunti una trentina di delegati regionali. Mentre attualmente il centro sinistra assieme ai 5 Stelle non supererebbe i 404 voti. Fra i due blocchi potrebbero diventare determinanti i 45 renziani e i 106 parlamentari del variegato gruppo misto, formato da radicali, ex grillini, europeisti autonomisti ed esponenti del partito di Carlo Calenda.

Scenari al momento divisivi che in autunno l’esito delle amministrative potrebbe ricompattare, determinando una conferma di garanzia costituzionale dell’attuale Presidente, Sergio Mattarella, o la scelta di un nuovo Capo dello Stato. In questo caso, secondo la prevalenza degli auspici, della prima donna al Quirinale, della prima Presidentessa della Repubblica.Amministrative con vista elezioni politiche

Facebook Comments
Condividi