Anatomia di una menzogna: come ha mentito l’Iran

0
229
Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran
Condividi

Sono molti e purtroppo in continua crescita nel mondo gli eredi del ministro della propaganda nazista Goebbels massimo e tragico teorico della menzogna di Stato. Pubblichiamo la dettagliatissima inchiesta del New York Times che ricostruisce i retroscena delle sistematiche falsità con le quali il regime degli Ayatollah islamici dell’ Iran ha negato di avere abbattuto un aereo civile e provocato la morte di 176 passeggeri.Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

Anatomia di una menzogna come ha mentito l'IranPer tre giorni, mentre il governo di Teheran rilasciava dichiarazioni false, i funzionari militari iraniani che erano perfettamente a conoscenza che l’aereo di linea ucraino era stato abbattuto da un loro ufficiale hanno deliberatamente negato qualsiasi responsabilità.

Quando l’ufficiale della Guardia rivoluzionaria ha individuato quello che pensava fosse un aereo non identificato vicino all’aeroporto internazionale di Teheran, aveva pochi secondi per decidere se premere il grilletto.

L’Iran aveva appena sparato una raffica di missili balistici contro le basi americane in Iraq, il paese era in allerta per un contrattacco americano e l’esercito iraniano paventava l’arrivo di missili da crociera Usa.

L’ufficiale ha cercato inutilmente di raggiungere il centro di comando per ottenere l’autorizzazione a sparare. Quindi ha sparato un missile antiaereo. Poi un altro.

L’aereo, che si rivelò essere un aereo di linea ucraino con a bordo 176 persone, esplose in volo e precipitò in una palla di fuoco.Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

In pochi minuti, i vertici del Comando delle guardie rivoluzionarie iraniane si resero conto di ciò che avevano fatto. E in quel momento, hanno iniziato a mentire per coprirlo.

Per giorni, hanno rifiutato di dirlo anche al Presidente Hassan Rouhani, il cui governo per giorni ha pubblicamente negato davanti al mondo che l’aereo fosse stato abbattuto.

Solo allora, 72 ore dopo l’incidente aereo, il leader supremo dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei, intervenne e ordinò al governo di riconoscere il suo errore fatale.Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

Il New York Times ha messo insieme una cronologia di quei tre giorni intervistando diplomatici iraniani, attuali e ex funzionari del governo, membri delle guardie rivoluzionarie e persone vicine alla cerchia interna del leader supremo ed esaminando dichiarazioni pubbliche ufficiali e rapporti dei media di stato.

Il rapporto ricostruisce il dibattito dietro le quinte del governo di Teheran sulla copertura della responsabilità dell’Iran per l’incidente che scioccava gli iraniani, mentre  i parenti in lutto e i paesi con i cittadini a bordo dell’aereo aspettavano la verità.

I nuovi dettagli evidenziano il potere fuori misura del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche , che ha effettivamente messo da parte il governo eletto in un momento di crisi nazionale e potrebbe approfondire ciò che molti iraniani già vedono come una crisi di legittimità per le guardie e il governo.

Le aspre divisioni nel governo iraniano persistono e sono destinate a influenzare le indagini sullo schianto, i negoziati sulla compensazione e il dibattito irrisolto sulla responsabilità.

MARTEDÌ 7 Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

Intorno a mezzanotte del 7 gennaio, mentre l’Iran si stava preparando a lanciare un attacco missilistico balistico contro le postazioni militari americane in Iraq, membri anziani del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche hanno dispiegato unità mobili di difesa antiaerea intorno a una delicata area militare vicino all’aeroporto Imam Khomeini di Teheran.

L’Iran stava per vendicarsi per l’attacco dei droni americani che a Baghdad cinque giorni prima aveva ucciso il principale comandante militare iraniano, il generale Qassim Suleimani e l’esercito si stava preparando per eventuale un contrattacco americano. Le forze armate erano in stato di “guerra”, il livello di allerta più alto.

Ma in un tragico errore di calcolo, il governo ha continuato a consentire ai voli civili di atterrare e decollare dall’aeroporto di Teheran.Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

Il generale Amir Ali Hajizadeh, comandante della Forza aerospaziale delle guardie, ha dichiarato in seguito che le sue unità avevano chiesto ai funzionari di Teheran di chiudere lo spazio aereo iraniano e di mettere a terra tutti i voli, senza risultato.

Funzionari iraniani temevano che la chiusura dell’aeroporto avrebbe creato il panico di massa e il timore che la guerra con gli Stati Uniti fosse imminente, hanno riferito al Times membri delle Guardie e altri funzionari. Speravano anche che la presenza di aerei passeggeri potesse fungere da deterrente contro un attacco americano all’aeroporto o alla vicina base militare, trasformando efficacemente i piani di carico di viaggiatori ignari in scudi umani.

MERCOLEDÌ 8

Anatomia di una menzogna come ha mentito l'IranDopo l’ inizio dell’attacco missilistico iraniano, il comando di difesa aerea centrale lanciò un allarme: aerei da guerra americani erano decollati dagli Emirati Arabi e missili da crociera erano diretti verso l’Iran.

L’ufficiale della postazione difensiva lanciamissili vicino all’aeroporto sentì gli avvertimenti, ma non sentì più tardi un messaggio che l’allerta per missili da crociera si era rivelato un falso allarme.

Anche l’avvertimento sugli aerei da guerra americani potrebbe essere stato sbagliato. Funzionari militari degli Stati Uniti hanno affermato che nessun aereo americano era nello spazio aereo iraniano vicino o quella notte.

Quando l’ufficiale individuò il jet ucraino, chiese il permesso di sparare. Ma non era in grado di comunicare con i suoi comandanti perché la rete era stata interrotta o bloccata, ha detto in seguito il generale Hajizadeh.

L’ufficiale, che non è stato identificato pubblicamente, ha sparato due missili, a meno di 30 secondi di distanza.Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

Il generale Hajizadeh, che si trovava nell’Iran occidentale a supervisionare l’attacco agli americani, ha ricevuto una telefonata con la notizia.

“Ho chiamato i funzionari e ho detto loro che è successo “, ha detto in seguito in una dichiarazione televisiva.

Quando il generale Hajizadeh arrivò a Teheran, aveva informato i tre principali comandanti militari iraniani: il generale Gen. Abdolrahim Mousavi, comandante in capo dell’esercito, che era anche il capo del comando centrale di difesa aerea; Magg. Gen. Mohammad Bagheri, capo di stato maggiore delle forze armate; e il Mag. Gen. Hossein Salami, comandante in capo delle Guardie Rivoluzionarie.

Le Guardie Rivoluzionarie sono una forza d’élite incaricata di difendere il governo clericale iraniano in patria e all’estero. Una forza armata separata dall’esercito regolare che risponde solo al leader supremo. A questo punto, i capi militari sapevano la verità.

Il generale Hajizadeh ha consigliato ai generali di non dire alle unità di difesa antistante temendo di poter ostacolare la loro capacità di reagire rapidamente se gli Stati Uniti avessero attaccato.Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

“È stato a beneficio della nostra sicurezza nazionale perché il nostro sistema di difesa aerea sarebbe stato compromesso”, ha dichiarato Hajizadeh in un’intervista con i media iraniani.

I leader militari hanno creato un comitato investigativo segreto formato da alti ufficiali delle forze aerospaziali delle Guardie, della difesa aerea dell’esercito, dell’intelligence e dei cyberexperts. Il comitato e gli ufficiali coinvolti nel lancio dei due missili contro l’aereo civile ucraino furono sequestrati e ordinarono di non parlare con nessuno.

Il comitato ha esaminato i dati dell’aeroporto, la traiettoria di volo, le reti radar e gli avvisi e i messaggi dell’operatore missilistico e del comando centrale. I testimoni – l’ufficiale che aveva premuto il grilletto, i suoi supervisori e tutti i soggetti coinvolti – furono interrogati per ore.Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

Il gruppo ha anche studiato la possibilità che gli Stati Uniti o Israele possano aver violato il sistema di difesa iraniano o bloccato le onde radio.

Mercoledì sera, il comitato aveva concluso che l’aereo era stato abbattuto a causa di un errore umano.

“Non eravamo sicuri di ciò che è accaduto fino a mercoledì verso il tramonto”, ha detto il generale Salami, comandante in capo delle Guardie, in un discorso televisivo al Parlamento. “Il nostro team investigativo ha concluso che l’aereo è precipitato a causa di errori umani”.

L’ayatollah Khamenei è stato informato. Ma non hanno ancora informato il presidente, altri funzionari eletti e l’opinione pubblica.Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

Secondo alcuni membri delle Guardie, diplomatici e funzionari con conoscenza delle deliberazioni, i comandanti senior hanno discusso di mantenere segrete le riprese fino a quando le scatole nere dell’aereo – i dati di volo e i registratori vocali nella cabina di pilotaggio – sono state esaminate e sono state completate le indagini formali sull’aviazione. Quel processo potrebbe richiedere mesi, hanno sostenuto, e ci vorrebbe tempo per gestire le ricadute nazionali e internazionali che ne conseguirebbero quando la verità venisse fuori.

Il governo ha violentemente represso una rivolta antigovernativa a novembre. Ma l’uccisione americana del generale Suleimani, seguita dagli scioperi contro gli Stati Uniti, aveva ribaltato l’opinione pubblica. Gli iraniani furono galvanizzati in un momento di unità nazionale.

Le autorità temevano che ammettere di aver abbattuto l’aereo passeggeri avrebbe ridotto lo slancio e provocato una nuova ondata di proteste antigovernative.

“Hanno sostenuto di coprirlo perché pensavano che il paese non potesse gestire più crisi”, ha detto un membro delle guardie che, come altri intervistati per questo articolo, ha parlato a condizione di anonimato per discutere delle deliberazioni interne. “Alla fine, salvaguardare la Repubblica islamica è il nostro obiettivo finale, ad ogni costo.”

Quella sera, il portavoce delle forze armate congiunte, Brig. Il generale Abolfazl Shekarchi, ha riferito ai media iraniani che i suggerimenti secondo cui i missili hanno colpito l’aereo erano “una bugia assoluta”.

GIOVEDI 9

Giovedì, quando gli investigatori ucraini hanno iniziato ad arrivare a Teheran, i funzionari occidentali hanno dichiarato pubblicamente di avere prove che l’Iran aveva accidentalmente abbattuto l’aereo.

Un coro di alti funzionari iraniani – dal direttore dell’aviazione civile al portavoce del governo – ha rilasciato dichiarazioni dopo dichiarazioni respingendo le accuse e  le loro affermazioni sono state amplificate dai media statali.

La sola ipotesi che l’Iran potesse avere abbattuto un aereo passeggeri era un “complotto occidentale”, dicevano, “guerra psicologica” mirava a indebolire l’Iran proprio come aveva esercitato il suo muscolo militare contro gli Stati Uniti.

Ma in privato, i funzionari del governo erano allarmati e si chiedevano se ci fosse qualche verità nelle affermazioni occidentali. Il Presiedente della Repubblica Islamica dell’Iran Hassan Rouhani, un esperto stratega militare, e il suo ministro degli Esteri, Javad Zarif, ignorando ciò che i loro stessi militari avevano fatto hanno ribadito la versione ufficiale ai leader mondiali e ai ministri degli Esteri in cerca di risposte.

Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran
Manifestazioni di protesta a Tehrean contro le menzogne sull’aereo abbattuto

oA livello nazionale, la pressione pubblica stava aumentando e sollecitava che  il governo rispondesse alle accuse.

Tra i passeggeri dell’aereo c’erano alcuni dei migliori e più brillanti professionisti dell’Iran: eminenti scienziati e medici, dozzine dei migliori giovani studiosi e laureati delle università d’élite e sei vincitori di medaglie d’oro e d’argento di Olimpiadi internazionali di fisica e matematica.Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

C’erano due coppie di sposi che avevano viaggiato dal Canada a Teheran per i loro matrimoni pochi giorni prima. C’erano famiglie e bambini piccoli.

I loro parenti hanno chiesto risposte. I social media iraniani hanno iniziato a esplodere con commenti emotivi, alcuni accusando l’Iran di aver ucciso i propri cittadini e altri che definivanno tali accuse tradimento.

I canali satellitari in lingua persiana che operano dall’estero, la principale fonte di notizie per la maggior parte degli iraniani, hanno trasmesso una copertura generale dell’aereo esploso in volo, compresi i rapporti dei governi occidentali che l’Iran aveva abbattuto l’aereo.

Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran
Il Presidente Rouhani

Il Presidente Rouhani ha provato più volte a chiamare comandanti militari, hanno detto i funzionari, ma non hanno risposto alle sue chiamate. I membri del suo governo hanno chiamato i loro contatti nell’esercito e gli è stato detto che le accuse erano false. L’agenzia per l’aviazione civile iraniana ha chiamato funzionari militari con risultati simili.

“Giovedì è stato frenetico”, ha detto il portavoce del governo Ali Rabiei in una conferenza stampa. “Il governo ha fatto telefonate back-to-back e ha contattato le forze armate chiedendo cosa fosse successo, e la risposta a tutte le domande era che nessun missile era stato sparato”.

VENERDÌ 10

Anatomia di una menzogna come ha mentito l'IranVenerdì mattina, Rabiei ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che quanti sostenevano che l’Iran aveva abbattuto l’aereo dicevano “una grande bugia”.

Diverse ore dopo, i principali comandanti militari della nazione convocarono un incontro privato e dissero la verità a Rouhani.

Il Presidente era livido, secondo i funzionari a lui vicini. Ha chiesto all’Iran di annunciare immediatamente di aver commesso un tragico errore e di accettarne le conseguenze.

I funzionari militari hanno respinto la richiesta  sostenendo che la ricaduta potrebbe destabilizzare il paese.

A questo punto  Rouhani ha minacciato di dimettersi.

Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran
Rouhani

Il Canada, che aveva il maggior numero di cittadini stranieri a bordo dell’aereo, e gli Stati Uniti, che come paese di origine del Boeing furono invitati a indagare sull’incidente, alla fine avrebbero rivelato le loro prove, ha affermato Rouhani. Il danno alla reputazione dell’Iran e la fiducia del pubblico nel governo creerebbero un’enorme crisi in un momento in cui l’Iran non potrebbe sopportare più pressioni.

Mentre la situazione di stallo aumentava, un membro della cerchia interna dell’Ayatollah Khamenei che era presente alla riunione informò il leader supremo. L’ayatollah ha inviato un messaggio al gruppo, ordinando al governo di preparare una dichiarazione pubblica che riconoscesse l’accaduto.

Rouhani ha così informato alcuni membri anziani del suo governo. Erano sconcertati.

Rabiei, il portavoce del governo che aveva negato tutto fino a poche ore prime ha avuto un shock emotivo. Abbas Abdi, un critico di spicco dell’establishment clericale iraniano, ha affermato che quando ha parlato con Rabiei quella sera, Rabiei era sconvolto e piangeva.

Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran
Ali Rabiei

“Tutto è una bugia”, ha detto Rabiei, secondo Abdi. “L’intera cosa è una bugia. Cosa dovrei fare? Il mio onore è sparito. ”

Abdi ha detto che le azioni del governo sono andate “ben oltre” solo una bugia.

“C’è stato un insabbiamento sistematico ai massimi livelli che rende impossibile uscire da questa crisi”, ha detto.

Il Consiglio di sicurezza nazionale dell’Iran ha tenuto una riunione di emergenza e ha redatto due dichiarazioni, la prima rilasciata dalle forze armate congiunte, seguita da una seconda di Rouhani.

Mentre discutevano della formulazione, alcuni hanno suggerito di affermare che gli Stati Uniti o Israele potrebbero aver contribuito all’incidente bloccando i radar dell’Iran o hackerando le sue reti di comunicazione.

Ma i comandanti militari si sono opposti. Il generale Hajizadeh ha affermato che la vergogna dell’errore umano sarebbe impallidita rispetto all’ammissione che il suo sistema di difesa aerea era vulnerabile all’hacking del nemico.

L’agenzia per l’aviazione civile iraniana ha in seguito affermato di non aver trovato prove di inceppamenti o hacking.

SABATO 11Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran

Alle 7 del mattino, i militari hanno rilasciato una dichiarazione ammettendo che l’Iran aveva abbattuto l’aereo a causa di “errore umano”.

Una rivelazione bomba che non ha posto fine alla divisione all’interno del governo. Le Guardie Rivoluzionarie vogliono attribuire la colpa a coloro che sono direttamente coinvolti nel lancio dei due missili che hanno abbattuto l’aereo e farla finita, hanno detto i funzionari. L’operatore missilistico e altri 10 sono stati arrestati ma i funzionari non li hanno identificati e non hanno precisato se fossero stati  accusati e di cosa.

Rouhani ha richiesto una documentazione più ampia, compresa un’indagine sull’intera catena di comando. L’accettazione della responsabilità delle Guardie, ha affermato, è “il primo passo e deve essere completato con altri passi”. Il suo portavoce e i suoi legislatori hanno chiesto di sapere perché il Presidente Rouhani non è stato immediatamente informato.

Anatomia di una menzogna come ha mentito l'Iran
L’Ayatollah Khamenei e il Presidente iraniano Rouhani

Rouhani ha toccato questa preoccupazione quando ha rilasciato la sua dichiarazione un’ora e 15 minuti dopo. La prima riga affermava di aver scoperto le conclusioni del comitato investigativo sulla causa dell’incidente “poche ore fa”.

Fu un’ammissione sbalorditiva, un riconoscimento che persino il più alto funzionario eletto della nazione era stato escluso dalla verità e che, come iraniani e il mondo, si rivolgevano al governo per avere risposte, aveva spacciato bugie.

“Quello che pensavamo fosse una notizia era una bugia. Quello che pensavamo fosse una bugia era una notizia “, ha detto Hesamedin Ashna, il miglior consigliere del Presidente  Rouhani, su Twitter. “Perché? Perché? Fai attenzione a insabbiamenti e regole militari “.

Anatomia di una menzogna: come ha mentito l'Iran
Manifestazioni di protesta a Tehrean contro le menzogne sull’aereo abbattuto
Facebook Comments
Condividi