HomeRassegna StampaPresidenza imperiale Costituzione americana addio

Presidenza imperiale Costituzione americana addio

Per salvare Trump dall’evidente violento tentativo di sovvertire il Congresso e le leggi elettorali, la maggioranza ultraconservatrice della Corte Suprema degli Stati Uniti ha stravolto il bilanciamento dei poteri e i principi della Costituzione americana. Un precedente grave, denuncia il New York Times nell’articolo che sintetizziamo, che avrà ancor più pesanti e imprevedibili conseguenze in caso di ritorno alla Casa Bianca dello stesso TrumpPresidenza imperiale Costituzione americana addio

Presidenza imperiale Costituzione americana addio

 “Il rapporto tra il Presidente e il popolo che serve é cambiato irrevocabilmente”, ha affermato la giudice Sonia Sotomayor, nel suo appassionato dissenso nel caso Trump .

La decisione della Corte Suprema di concedere ai presidenti l’immunità penale per le azioni ufficiali rappresenta una straordinaria espansione del potere esecutivo che avrà ripercussioni anche molto dopo la dipartita di Donald Trump.

Presidenza imperiale Costituzione americana addio
Sonia Sotomayor

Oltre alle implicazioni immediate per il caso di sovversione elettorale e alla prospettiva che Trump possa sentirsi meno vincolato dalla legge se tornasse alla Casa Bianca, la sentenza contribuisce anche all’ascesa quasi inarrestabile del potere presidenziale dalla metà del XX secolo.

Era sembrato un luogo comune costituzionale negli ultimi anni, quando più di un’opinione di tribunale distrettuale che affrontava nuove questioni legali sollevate dal comportamento di Trump che infrangeva le norme, osservava che i presidenti non sono re. Ma all’improvviso, godono di una sorta di prerogativa monarchica.

“Il rapporto tra il presidente e le persone che serve è cambiato irrevocabilmente”, ha scritto la giudice Sonia Sotomayor in un dissenso indignato a cui si sono uniti gli altri due liberali della corte. “In ogni uso del potere ufficiale, il presidente è ora un re al di sopra della legge”.

Liquidando tali preoccupazioni, il presidente della Corte Suprema John Roberts, scrivendo la sentenza a nome della maggioranza, ha sostenuto che i presidenti sono diversi dalle persone comuni e che quindi é necessario proteggerli dalle azioni penali se accusati di abuso di potere per commettere reati ufficiali.

Presidenza imperiale Costituzione americana addio
I componenti della Corte Suprema degli Stati Uniti

“A differenza di chiunque altro”, ha scritto, “il presidente é un ramo del governo e la Costituzione gli conferisce poteri e doveri ampi. Tenere conto di questa realtà – e garantire che il presidente possa esercitare quei poteri con la forza, come i padri fondatori avevano previsto che avrebbe fatto – non lo pone al di sopra della legge; preserva la struttura di base della Costituzione da cui deriva quella legge”.

Queste contrastanti affermazioni sui rischi da cui i padri fondatori intendevano proteggere la Costituzione troveranno posto negli annali di un dibattito multigenerazionale sui poteri presidenziali.

Nessun ex presidente prima di Trump é stato accusato di aver commesso crimini durante il suo mandato. Ciò ha sollevato la questione se i presidenti precedenti fossero immuni e se il Dipartimento di Giustizia sotto il presidente Biden abbia infranto una norma consentendo a un procuratore speciale di accusare il signor Trump, o se fosse semplicemente perché la maggior parte degli altri presidenti non erano criminali.

Dopo che Richard Nixon si dimise per evitare di essere messo sotto accusa per i suoi abusi di potere nello scandalo Watergate, il suo successore, Gerald R. Ford, chiuse un’indagine penale su Nixon graziandolo. L’atto fu così impopolare che potrebbe essere costato a Ford le elezioni del 1976.

Nixon accettò la grazia. Ma, secondo la sentenza della Corte Suprema di lunedì, tutto questo esercizio era apparentemente inutile.

Prima che Nixon fosse costretto a dimettersi, il potere esecutivo era in crescita da decenni. Mentre la seconda guerra mondiale si mescolava all’inizio della guerra fredda, i presidenti di entrambi i partiti iniziarono ad agire in modo più unilaterale, soprattutto in questioni di sicurezza nazionale, rivendicando il diritto costituzionali di mantenere segrete le informazioni al Congresso e ai tribunali.

Lo storico Arthur C. Schlesinger Jr. descrisse questo schema come “la presidenza imperiale” in un libro del 1973. L’ondata raggiunse l’apice con Nixon, che in seguito riassunse la sua filosofia del potere esecutivo come “quando il presidente lo fa, significa che non è illegale”.Presidenza imperiale Costituzione americana addio

La tendenza si è brevemente attenuata a metà degli anni ’70 a causa del Watergate, della guerra del Vietnam e di un’indagine del Congresso che ha scoperto abusi di intelligence interna da parte delle amministrazioni di entrambi i partiti. In questo periodo, il Congresso ha cercato di ripristinare i controlli e gli equilibri con una serie di nuove leggi e azioni di controllo.

Ma a partire dall’amministrazione Reagan negli anni ’80, quelle restrizioni hanno iniziato a erodersi di nuovo. Ronald Reagan e il suo team hanno cercato di promuovere un programma politico conservatore attivista di fronte alla resistenza di un Congresso a lungo controllato dai Democratici.

Di conseguenza, gli avvocati della sua amministrazione svilupparono teorie costituzionali che avrebbero consentito a Reagan di fare ciò che voleva anche se il Congresso avesse detto diversamente. Tra queste, ad esempio, c’era la cosiddetta teoria esecutiva unitaria, che afferma che il Congresso non può fratturare il controllo di un presidente sul ramo esecutivo conferendo autorità decisionale indipendente, ad esempio, a un’agenzia di regolamentazione.

Di sicuro, anche i presidenti democratici hanno spinto i limiti su questioni discrete. Il potere esecutivo spesso agisce come un cricchetto unidirezionale: é più facile aumentarlo che tornare indietro, poiché le innovazioni di un presidente diventano una base di precedenti su cui il suo successore di entrambi i partiti può costruire quando si presenta una necessità percepita.

Ma le contingenze politiche dell’era Reagan fecero sì che la spinta ad espandere il potere presidenziale venisse assorbita dal movimento legale conservatore che si stava diffondendo nello stesso periodo e che ha finito per plasmare ambiziosi avvocati repubblicani.

Nel corso del tempo, questo atteggiamento si è diffuso anche ai vertici della magistratura, poiché i presidenti repubblicani hanno nominato avvocati non solo ideologicamente conservatori, ma anche con un passato nel ramo esecutivo.

Tre membri della supermaggioranza conservatrice della Corte Suprema, il presidente della Corte Suprema Roberts e i giudici Clarence Thomas e Samuel A. Alito, erano avvocati dell’amministrazione Reagan.

Altri due, i giudici Neil M. Gorsuch e Brett M. Kavanaugh, lavoravano per l’amministrazione di George W. Bush. Amministrazione che ha promosso una visione ampia dei poteri costituzionali esclusivi di un presidente, specialmente per le questioni di sicurezza nazionale che spesso emergevano dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001.

Solo la giudice Amy Coney Barrett, ex professoressa di legge, non ha mai lavorato come avvocato per il ramo esecutivo. In particolare, anche se si è unita all’opinione della maggioranza, ha espresso un consenso più moderato, schierandosi con il dissenso sul fatto che i procuratori dovrebbero almeno essere in grado di informare le giurie sulle azioni ufficiali di un presidente se sono un contesto rilevante per comprendere le azioni non ufficiali per cui è perseguito.

La struttura di responsabilità (o mancanza di responsabilità) per i crimini presidenziali ufficiali in cui si muove attualmente il Paese, come stabilito dall’opinione della maggioranza del Presidente della Corte Suprema Roberts, si articola in tre categorie.

Il primo sono i crimini non ufficiali che capita di commettere da qualcuno che é presidente ma che ricadono completamente al di fuori del perimetro esterno delle responsabilità presidenziali. In teoria, un ex presidente può ancora essere perseguito per questo tipo di crimini.

All’altro estremo dello spettro ci sono i crimini che un presidente commette come parte dei suoi poteri e responsabilità costituzionali “fondamentali”. Il Congresso non può intromettersi nel modo in cui un presidente esercita tali poteri attraverso il diritto penale, ha affermato la maggioranza.

Quindi i presidenti possono liberamente abusare di quei poteri con assoluta immunità da successive azioni penali. Come minimo, questa categoria include chiaramente quelli elencati nella Costituzione, come la concessione di grazie o il veto sulla legislazione.

Ma la maggioranza dell’opinione afferma che questa categoria si estende anche al tentativo di Trump di convincere i funzionari del Dipartimento di Giustizia ad avviare indagini su false accuse di frode elettorale.

Il giudice capo Roberts ha scritto che un presidente ha “autorità esclusiva sulle funzioni investigative e di accusa del Dipartimento di Giustizia e dei suoi funzionari”. Con tale misura, ha detto, il presidente “può discutere potenziali indagini e azioni penali con il suo procuratore generale e altri funzionari del Dipartimento di Giustizia” in base al dovere costituzionale di “assicurarsi che le leggi siano fedelmente eseguite”.

Questa linea é stata particolarmente degna di nota perché, fin dal Watergate, c’é stata una norma di indipendenza investigativa del Dipartimento di Giustizia dal controllo della Casa Bianca. Ma Trump ha già eroso quella norma sotto la sua amministrazione e ha giurato apertamente, se fosse tornato al potere, che avrebbe usato il Dipartimento di Giustizia per esigere vendetta dai suoi nemici.

Infine, l’opinione della maggioranza della Corte Suprema ha delineato una terza categoria, più ambigua. Questa comprende le azioni ufficiali intraprese da un presidente che non sono poteri esecutivi fondamentali, quindi il Congresso condivide un’autorità sovrapposta su di esse e, in teoria, potrebbero essere applicate le leggi penali.Presidenza imperiale Costituzione americana addio

Un presidente “presumibilmente” ha l’immunità da procedimenti penali anche per azioni che rientrano in questa categoria, ha affermato l’opinione della maggioranza, ma tale scudo potrebbe essere superato se i procuratori “riesce a dimostrare che applicare un divieto penale a tale atto non porrebbe ‘pericoli di intrusione nell’autorità e nelle funzioni del ramo esecutivo'”.

Nel suo dissenso, tuttavia, la giudice Sotomayor ha descritto questa presunta distinzione come farsesca. In pratica, ha affermato, sarà sostanzialmente impossibile per i procuratori dimostrare che non vi è “nessun” pericolo di tale intrusione.

Dichiarando che la maggioranza ha inventato una “zona libera dalla legge” attorno al presidente che rimarrà un’ “arma carica” che i futuri occupanti della Casa Bianca potranno brandire. E la giudice Sotomayor, ha elencato “scenari da incubo”:

“Ordina al SEAL Team 6 della Marina di assassinare un rivale politico? Immune. Organizza un colpo di stato militare per mantenere il potere? Immune. Accetta una tangente in cambio della grazia? Immune. E ancora immune, immune, immune.”

Presidenza imperiale Costituzione americana addio
John Roberts

Il presidente della Corte Suprema Roberts, ha replicato definendo “ questa litania di possibili abusi allarmismo basato su ipotesi estreme”. I giudici dissenzienti, ha scritto, hanno trascurato una “prospettiva più probabile di un potere esecutivo che cannibalizza se stesso, con ogni presidente successivo libero di perseguire i suoi predecessori, ma incapace di svolgere i propri doveri con coraggio e senza paura per paura di essere il prossimo”.

Ma la giudice Sotomayor ha accusato la maggioranza di essere così fissata sul bisogno di audacia e rapidità di un presidente da ignorare “il bisogno contrapposto di responsabilità e moderazione”. Mai prima nella storia degli Stati Uniti, ha aggiunto, i presidenti hanno avuto motivo di credere che sarebbero stati immuni da procedimenti giudiziari se avessero usato il loro ufficio per commettere crimini.

“Andando avanti, tuttavia, tutti gli ex presidenti saranno ammantati da tale immunità”, ha scritto. “Se l’occupante di quell’ufficio abusa del potere ufficiale per guadagno personale, il diritto penale che il resto di noi deve rispettare non fornirà un backstop, un paracadute”.Presidenza imperiale Costituzione americana addio

 

Facebook Comments
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS