HomeRisvoltiDa Gaza a Kiev Natale di guerre presepi di macerie 

Da Gaza a Kiev Natale di guerre presepi di macerie 

Nel presepe di guerra di Gaza tutti parlano di tregua e di trattative, ma contemporaneamente bombardano e sparano. Dopo i giorni delle liberazioni degli ostaggi e dello scambio di prigionieri, la rottura della tregua da parte delle fazioni più oltranziste di Hamas ha provocato la ripresa della massiccia offensiva dell’esercito israeliano verso il sud della striscia, brulicante di palestinesi.Da Gaza a Kiev Natale di guerre presepi di macerie 

Secondo The Guardian, Israele “ha informato diversi stati arabi che vuole ritagliare una zona cuscinetto per prevenire futuri attacchi”. Il quotidiano britannico riporta una dichiarazione di Ophir Falk, consigliere per la politica estera del Premier Netanyahu, il quale ha precisato che il  piano oltre alla zona cuscinetto prevede tre livelli: la totale distruzione di Hamas, la smilitarizzazione di Gaza e la deradicalizzazione del territorio. Da Gaza a Kiev Natale di guerre presepi di macerie 

Ma, come ha sottolineato a Gerusalemme il segretario di Stato americano Antony Blinken, per Washington qualsiasi piano post-bellico deve includere un chiaro orizzonte politico per il popolo palestinese e garantire la riunificazione sotto un’unica entità di Gaza con la Cisgiordania.

Per ragioni contrapposte, nonostante il proseguimento delle trattative in Qatar, sia Hamas quanto Israele non sembrano avere interesse a fermare nuovamente i combattimenti.

Decimata e dilaniata al suo interno, per evitare che si scateni una faida fratricida, Hamas non ha alternative alla guerriglia mentre Israele non ha ancora concordato un piano strategico per gestire la fine delle ostilità.

Il traballante governo Netanyahu indugia su una soluzione modello “Libano1982” quando Yasser Arafat e i capi palestinesi andarono in esilio a Tunisi ed è molto dubbiosa che l’Autorità nazionale palestinese di Abu Mazen sia in grado di assumere il controllo di Gaza.

All’obiettivo di individuare e smantellare i bunker sotterranei del gruppo terroristico nel sud della striscia, il Governo di Tel Aviv – scrive il Wall Street Journal – ha aggiunto la pianificazione dell’individuazione e dell’eliminazione di tutti i leader di Hamas che vivono in Libano, Turchia e Qatar e nel resto del mondo.

Da Gaza a Kiev Natale di guerre presepi di macerie 
Alcuni dei capi di Hamas

Una caccia ai capi terroristi affidata ai reparti speciali ed ai servizi d’intelligence di Israele. Dal Medio Oriente all’Ucraina l’orizzonte non lascia intravedere alternative alle distruzioni e ai massacri di militari e civili. Da Gaza a Kiev Natale di guerre presepi di macerie 

Diversi gli scenari della guerra nel cuore dell’Europa, dove il gelo invernale ha apparentemente inchiodato nelle trincee l’armata russa e le forze ucraine.

Per molti versi, le elezioni presidenziali russe in programma nel marzo 2024 potrebbero offrire una doppia chance a Kiev. Per evitare di amplificare il già notevole malcontento popolare causato dall’inflazione galoppante e dal dirottamento della spesa sociale verso l’esercito, il Kremlino ha dovuto ridimensionare al minimo l’ulteriore mobilitazione per inviare rinforzi alle già provate e decimate truppe al fronte.Da Gaza a Kiev Natale di guerre presepi di macerie 

Criticità che potrebbe essere sfruttata dalle forze ucraine per un’improvvisa avanzata con conseguente ritirata, anche parziale delle linee russe.

Quanto basta per rovinare la campagna elettorale per l’ennesimo mandato presidenziale di Vladimir Putin. Una ricandidatura obbligata quella del già quattro volte Presidente.

Difficile immaginare un passo indietro di Putin in un momento così delicato per la Russia, in balia di una guerra scatenata come se dovesse concludersi in pochi giorni e che invece si sta rivelando disastrosa, con oltre 200 mila soldati morti.Da Gaza a Kiev Natale di guerre presepi di macerie 

In attesa di un blitz ucraino e con l’incubo di un incidente alla centrale atomica di  Zaporizhia come quello deliberatamente o meno sfiorato dai russi la notte scorsa,  l’Europa si interroga intanto sulla sconcertante mancanza di una visione strategica che rischia di penalizzare Kiev. Bruxelles potrebbe fare molto di più per sostenere l’Ucraina.

Da Gaza a Kiev Natale di guerre presepi di macerie 
La mega centrale nucleare di Zaporizhia

“Se lo volesse – ha recentemente analizzato The Economist – potrebbe impiegare risorse industriali e finanziarie che fanno impallidire quelle della Russia. L’Europa e l’Occidente hanno urgentemente bisogno di scrollarsi di dosso il letargo”. E non lasciare che Putin alla lunga prevalga perché in grado di resistere di più sulla pelle dei soldati dell’armata russa, decimati al ritmo di mille caduti al giorno nelle fasi più cruenti del conflitto.

“Il modo migliore per scoraggiare Putin – scrive The Economist – é quello che l’Europa dimostri la propria risolutezza, mostrando fin da ora di essere pienamente impegnata a favore di un’Ucraina prospera, democratica e rivolta a ovest. Le armi contano, in particolare le difese aeree e i missili a lungo raggio per colpire le linee di rifornimento russe”.

Tanto a occidente quanto in Medio Oriente si prospettano un Natale di guerra e presepi di rovine, con le scie dei missili al posto della stella cometa.Da Gaza a Kiev Natale di guerre presepi di macerie 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3433 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3433 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS