HomePagineDai film immortali agli amori e rimorsi di Alain Delon

Dai film immortali agli amori e rimorsi di Alain Delon

PAGINE

Rubrica di critica recensioni anticipazioniSpielgerg e Milani film a confronto

Idolo inarrivabile di tutte le generazioni pre e post Gattopardo, prima e dopo Borsalino, Alain Delon si racconta come mai aveva finora fatto nella autobiografia “Amours et Mémoires”, pubblicata in Francia dalle Edizioni de la Martinière.

Neanche gli 86 anni d’età hanno scalfito il mito di un’attore che ha sopravanzato in fascino, stile, eleganza, versatilità e capacità interpretativa tutti i principali mostri sacri di Hollywood, con l’eccezione di Clark Gable, Robert Redford e Paul Newman: da Gary Grant a Dean Martin, da James Stewart a Jack Nicholson, da Tom Hanks a Leonardo di Caprio.

Infanzia e adolescenza tribolata culminata con l’arruolamento nell’esercito francese e la partecipazione alla guerra d’Indocina, Delon entra nel mondo del cinema semplicemente seducendo con la sua sfolgorante bellezza attrici e registi.

L’incontro con Luchino Visconti e i film “Rocco e i suoi Fratelli” ed “Il Gattopardo” lo consacrano in campo internazionale. Molteplici i film di successo: dall’ “Eclisse” di Antonioni a “ Colpo grosso al Casinò” di Henri Verneuil  da “Borsalino” di Jacques Deray a            “ Nouvelle Vague” di Jean-Luc Godard per annoverare soltanto alcuni delle centinaia di titoli della sua filmografia.

La biografia si sofferma sugli amori con le attrici Romy Schneider e Mireille Darc e la modella Rosalie van Breemen, ma sorvola sulle altre amicizie più o meno intime come per Brigitte Bardot , Claudia Cardinale, Dalida e un numero imprecisato di altre donne.

Malinconico e dolente nel provvisorio bilancio della vita di Alain Delon traspare tutto l’amore per Romy. Un sentimento intramontabile percepito da tutti perché la forza interpretativa della Schneider nel ruolo dell’Imperatrice d’Austria Sissi è stata talmente grande da sovrapporre l’epopea cinematografica alla realtà storica. Una realtà storica cinica e spietata culminata nel suicidio del figlio della sovrana, ed erede al trono, Rodolfo d’Austria, e nella epocale carneficina della prima guerra mondiale. Un destino tragico che a 43 anni nel 1982 non risparmierà la stessa Romy Schneider, stroncata dal dolore per la morte del figlio 14enne.

Dai film immortali agli amori e rimorsi di Alain Delon
Romy Schneider

Evidente il rimorso e il rimpianto di Alain Delon per l’epilogo del rapporto sentimentale con l’attrice. Un epilogo che ora pesa come un macigno per il tenebroso attore che si avvia all’interpretazione più difficile della propria esistenza.Dai film immortali agli amori e rimorsi di Alain Delon

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3447 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3447 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
30 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
12 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
8 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS