HomeRisvoltiDietro le quinte dell'European tour di Zelensky

Dietro le quinte dell’European tour di Zelensky

Tempestività decisiva. Il destino dell’Ucraina e la possibilità dell’esercito di Kiev di difendersi e fronteggiare l’imminente tentativo di colpo di maglio dell’offensiva russa, dipendono essenzialmente dal tempismo e dalla velocità con le quali l’occidente farà arrivare sul fronte del Donbass i moderni carri armati, i sistemi missilistici avanzati e i super jet in grado di assicurare la superiorità aerea.

Dietro le quinte dell'European tour di Zelensky
Zelensky al Consiglio Europeo

Il blitz di due giorni del Presidente Volodymyr Zelensky a Londra, Parigi e Bruxelles ha evidenziato che a Mosca stanno bruciando i tempi dell’offensiva per anticipare l’arrivo dei moderni armamenti americani, inglesi ed europei alle forze ucraine, in maniera da tentare di sopraffarle mandando allo sbaraglio ad ondate continue centinaia di migliaia di soldati arruolati in fretta e furia e spediti al fonte dal Cremlino.

A Londra e Parigi, col Primo Ministro Sunak, il Cancelliere Scholz e il Presidente Macron sono state prese decisioni operative “da non rendere per il momento pubbliche” ha affermato Zelensky. In particolare per quanto riguarda la formazione dei piloti degli F-16 e dei caccia francesi e sulla fornitura di missili a lungo raggio.  La sicurezza e la stessa sopravvivenza dell’Europa dipendono dalla capacità dell’Ucraina di arrestare la spinta neo imperialista di Mosca.

Putin é un drago affamato e una volta che i russi avranno raggiunto i vostri confini, dovrete sacrificare la vita della vostra gente. Ecco perché ciò che l’Ucraina sta facendo oggi aiuta anche gli altri Paesi”, ha detto Zelensky al Parlamento Europeo.

“L’obiettivo strategico” di Putin rimane quello di soggiogare l’Ucraina e dividere l’Occidente” ha affermato il Direttore del servizio di intelligence dell’Estoria Kaupo Rosin, che ha detto di attendersi un prolungamento della guerra per tutto il 2023. In relazione alle ipotesi di sostituzione da parte del Cremlino dei vertici dei servizi segreti, per Roisin non vi sono possibilità che il Presidente russo possa essere rovesciato: “Putin ha ancora il pieno controllo del potere di un paese che é sempre più una dittatura totale”.

Dietro le quinte dell'European tour di Zelensky
Kaupo Rosin

Secondo un altro servizio di intelligence, quello giapponese, sono ben 20 i generali russi rimasti uccisi dall’inizio della guerra in Ucraina. “I media britannici – si legge su Nikkei Asia, uno dei quotidiani più autorevoli di Tokyo – riportavano nei mesi scorsi  che erano stati uccisi più di dieci generali russi. Il Giappone stima invece che in totale siano più di 20, sulla base di informazioni raccolte assieme alle agenzie degli Stati Uniti e dell’ Europa”. Secondo Kiyofumi Iwata, ex capo di stato maggiore nipponico, vengono uccisi tanti generali perché i russi li mandano al fronte, ma anche perché vi é una superiorità ucraina nella cyber guerra che permette a Kiev di individuare dove si trovano i comandanti delle forze di Mosca. Probabilmente anche grazie ai contributi di “informatori” nelle regioni orientali di Donetsk e Luhansk che danno indicazioni alle forze ucraine.

Dietro le quinte dell'European tour di Zelensky
Alcuni dei Generali russi uccisi in Ucraina

Per la Cnn, sulla base delle informazioni raccolte dal gruppo Oryx, un sito web di intelligence open source, la Russia ha perso circa 2mila carri armati operativi dall’inizio della guerra in Ucraina, ossia fino alla metà di tutta la sua flotta di tank. Altri 544 carri armati sono stati catturati dagli ucraini, 79 danneggiati e 65 abbandonati. Il bilancio non include le perdite non confermate visivamente, ha detto Jakub Janovsky, analista militare del blog: il bilancio effettivo potrebbe essere più vicino ai 2.000 carri armati.

Dietro le quinte dell'European tour di Zelensky
Carri armati Leopard tedeschi

Tutti i dati convergono nell’indicare che l’esito delle prossime battaglie sarà deciso, più che dal numero dei soldati, dall’impatto dei mezzi corazzati, dalla precisione e dalla gittata dei missili e dalla capacità di controllare il cielo sopra l’Ucraina.Dietro le quinte dell'European tour di Zelensky

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS