HomeRisvoltiGaza e l'Armageddon di Hamas

Gaza e l’Armageddon di Hamas

Non solo i tunnel sotterranei, ma l’intera striscia di Gaza sta diventando la tomba di Hamas. Profondamente divisa riguardo alle gravi responsabilità della mancata prevenzione dei massacri del 7 ottobre, su come procedere per tentare di liberare tutti gli ostaggi e per controllare l’espansione degli insediamenti, sulla radicale eliminazione del gruppo terroristico palestinese, Israele é invece unanimemente convinta che sia essenziale portare a termine l’ “eradication operation”.Gaza e l'Armageddon di Hamas

Una sorta di Armageddon di Hamas, un’apocalisse di macerie, acqua e fuoco. Braccati dall’intelligence e dai soldati dell’ Israel Defense Forces, i capi e i miliziani di Hamas continuano a trincerarsi dietro la marea brulicante di palestinesi utilizzati come scudi umani.

L’orrore e la disperazione delle immagini di Gaza e del martirio del popolo senza terra, superano in una sorta di classifica dell’inferno della guerra, l’impatto dei filmati delle battaglie storiche di Stalingrado e Okinawa e si avvicinano alle sequenze da fine del mondo di Hiroshima e Nagasaki.

Nonostante sia stata definita una tragica fatalità, l’uccisione di tre ostaggi israeliani colpiti a morte per errore nel quartiere di Shejaiya, a Gaza City, nei pressi di un covo di Hamas dai soldati di Tel Aviv, fa temere che il tempo dell’umanità sia agli sgoccioli.

Le grida in ebraico e la bandiera bianca non sono bastati a evitare che un soldato israeliano, ha affermato il portavoce dell’Idf “si sia sentito minacciato e ha aperto il fuoco”.Gaza e l'Armageddon di Hamas

La tragedia nella tragedia degli ostaggi uccisi, avvenuta in un’area di intensi combattimenti, dove i miliziani islamici sparano in abiti civili e usano tattiche ingannevoli per tendere agguati, ha suscitato indignazione e proteste in Israele, ma non ha allentato l’onda d’urto dell’offensiva contro Hamas.

Secondo il quotidiano britannico The Guardian , l’insistenza di Israele nei confronti degli Stati Uniti  di aver bisogno di più tempo per sconfiggere Hamas, evidenzia la scoperta di una insospettata capacità di rigenerazione da parte della agguerrita fazione terroristica palestinese, armata e supportata dall’Iran.

Il contesto internazionale, islamico e non, é stato al centro dei colloqui fra il governo di Tel Aviv e il Consigliere per la sicurezza nazionale dell’amministrazione Biden, Jake Sullivan che dopo l’approccio diplomatico del segretario di Stato Antony Blinken, ha assicurato a Netanyahu, che fa finta di ignorare che la sua premiership é agli sgoccioli, un ulteriore apporto di intelligence e aiuti militari ma ha preteso una scadenza certa dell’offensiva, non oltre l’inizio delle primarie per la Casa Bianca.

Gaza e l'Armageddon di Hamas
Jake Sullivan e Netanyahu

Oltre all’impatto sull’opinione pubblica internazionale in generale e americana in particolare, Washington teme che le violenze di Gaza provochino un’onda d’urto nel mondo islamico e scatenino non soltanto attentati in Europa e negli Stati Uniti, ma anche attacchi alle rotte petrolifere e commerciali del mar Rosso e dello stretto di Suez.

Dopo il lancio di missili dalle coste dello Yemen contro petroliere e portacontainer in transito, Usa, Europa e Nato hanno disposto l’invio nell’area del mar Rosso di una flotta militare della quale faranno parte anche unità della marina italiana.

L’obiettivo è quello di scongiurare il moltiplicarsi delle piccole e grandi apocalissi locali, come Gaza, lo Yamen, il Libano, il Kurdistan, la Siria e l’Afghanistan ed evitare che sommandosi contemporaneamente rendano incontrollabile la situazione. I più pessimisti sottolineano la considerazione del filosofo francese Claude Lévi-Strauss secondo il quale “il mondo é cominciato senza l’uomo e finirà senza di lui”.

Per gli ottimisti invece, dopo l’ennesima  fine del mondo non potrà che esserci la pace. Speriamo non quella eterna.Gaza e l'Armageddon di Hamas

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3445 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3445 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
30 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
11 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
8 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS