HomePagineLa poesia che supera i confini della vita e della morte

La poesia che supera i confini della vita e della morte

PAGINE

Rubrica di critica recensioni anticipazioni

I cardini del pensiero Socrate Buddha Confucio Gesù

by Antonino Cangemi

Prodigi della pandemia, del lungo lockdown che ne è conseguito costringendoci il più delle volte a restringere gli ambiti delle relazioni, altre volte – eccezionalmente – ad ampliarli seppure non superando il confine del virtuale. Se non ci fosse stato il Covid, Giannino Balbis – poeta e critico letterario ligure di lungo corso – ed Emanuela Mannino, poetessa palermitana emergente non avrebbero dato vita a una proficua corrispondenza da cui è nata l’idea di sfidarsi a singolar tenzone poetica – come nella tradizione lirica medioevale – sul tema dell’amore e della morte. E quella sfida non si sarebbe risolta in una silloge, di recente edita da Macabor col titolo Erotanasie. Fantasie d’amore e morte (poema a due voci).

La poesia che supera i confini della vita e della morte

Il titolo – riferito a Eros e a Thanatos, al contrasto tra la vita e la morte – e il sottotitolo della raccolta rinviano al suo contenuto: il dialogo in versi tra un uomo e una donna (identificati rispettivamente con gli pseudonimi Abbagli insonni e Costanza) che si sono amati in vita e che adesso, separati dalla morte, tentano disperatamente di dare un seguito alla loro relazione sentimentale.

Il viaggio delle loro anime nei misteriosi luoghi dell’Eternità ultraterrena li porta a incontrare altre anime (perlopiù di figure mitologiche e letterarie) prigioniere dell’amore, il sentimento più forte e durevole capace di sfidare le leggi del tempo, e a confondersi e immedesimarsi con esse: “Abbiamo preso in prestito (usurpato?) / le vite d’altri noi, perché le nostre / (quest’obbligo di giorni pieni-vuoti, / di perdite latenti, / di oggi senza poi) / camminano su rotte divergenti”.  I due innamorati, d’altronde, vivono in una dimensione fantastica e irreale, dove tutto è possibile sul piano immaginifico e tutto impossibile sul piano del reale. E’ la poesia il filo che continua a legarli e a rinnovare il loro disperato amore ora che “la Carne è ormai muta cenere”: “Se questa deve essere, / questa per sempre sia / la nostra sorte: io sposo a te di versi / (come dicesti un giorno), / tu sposa mia di rime” canta Abbagli insonni, e Costanza le risponde: “Dovremo darci senza riceverci / miracolo quando / nel poliedro del cuore ignorante / esploderanno i colori / d’un sostantivo / di un nuovo ardore”.

La silloge, che merita di essere letta per l’originalità e la qualità dei versi, sebbene nutrita, già nella scelta della forma espressiva, di colti richiami letterari, lungi dal risolversi in un mero esperimento accademico, è ravvivata da una prorompente vitalità poetica. Ed é una vitalità poetica alimentata dalle dicotomie: tra l’amore e la morte innanzitutto ma anche tra  la voce maschile e quella femminile, entrambe travolte dalla passione ma più raziocinante la prima, immediata la seconda. La contrapposizione – fulcro del componimento e di ogni tenzone – è ancora più tangibile per la distanza anagrafica e conseguentemente dal diverso bagaglio dei due autori – entrambi, sia chiaro, di significativo spessore culturale – che in qualche misura si riflette nel loro linguaggio poetico, o se vogliamo in quello di Abbagli insonni e di Costanza. Nell’ispirato delirio poetico di Abbagli insonni si coglie un più accentuato gusto per l’elaborazione, in quello (altrettanto inspirato) di Costanza una più marcata naturalezza, ferme restando l’unità e l’armonia metrica della raccolta.La poesia che supera i confini della vita e della morte

 

Facebook Comments
Antonino Cangemi
Antonino Cangemi
Saggista e critico letterario
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3436 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3436 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS