I viaggi spaziali modificano il corpo umano

0
508
I viaggi spaziali modificano il corpo umano
Condividi

Colonizzare Marte e lanciarsi nelle esplorazioni spaziali costerà la modifica non si sa ancora quanto strutturale e cerebrale del corpo umano. Un articolo del Washington Post descrive gli inediti riscontri medico scientifici delle analisi alle quali sono stati sottoposti gli austronauti I viaggi spaziali modificano il corpo umanoI viaggi spaziali modificano il corpo umano

La nuova era dello spazio e le molte ragioni per cui i viaggi spaziali fanno male al corpo umano. Lasciare la Terra capovolge quasi ogni sistema dentro di noi.

Dopo che l’ astronauta Scott Kelly ha trascorso un anno sulla Stazione Spaziale Internazionale, è tornato sulla Terra più basso, più miope, più leggero e con nuovi sintomi di malattie cardiache che il suo identico fratello gemello non condivideva. Anche il gemello, Mark Kelly, ora senatore degli Stati Uniti, ha trascorso un breve periodo nello spazio.

Il loro DNA divergeva, poiché quasi 1.000 geni e cromosomi di Scott Kelly funzionavano in modo diverso. Quell’anno è invecchiato di circa 9 millisecondi in meno, grazie alla velocità con cui la stazione spaziale ha fatto il giro della Terra.

La maggior parte di questi effetti si è risolta in pochi mesi, ma non tutti, sottolineando i potenziali rischi per la salute dei viaggi spaziali, molti dei quali sono sconosciuti. Questi aumenteranno durante ambiziosi viaggi futuri, come la missione Artemis pianificata dalla NASA sulla luna e successivamente il viaggio su Marte.I viaggi spaziali modificano il corpo umano

Anche se parziale l’elenco delle probabili conseguenze fisiche ed emotive dei viaggi nello spazio profondo è scoraggiante:

  • La cinetosi spaziale inizia quasi immediatamente. La nausea, le vertigini, il mal di testa e la confusione possono persistere per giorni.

  • Si sviluppa il “fenomeno delle gambe degli uccelli dalla faccia gonfia”, mentre il sangue e altri fluidi corporei si riversano nella parte superiore del corpo a bassa gravità e rimangono lì, gonfiando la testa e restringendo le gambe.

  • L’aspetto degli astronauti può cambiare man mano che i loro volti si gonfiano. Gli astronauti possono sentirsi congestionati, come se avessero un raffreddore costante.

  • I muscoli si atrofizzano fino all’1% ogni settimana in assenza di peso, specialmente nelle gambe.

  • Il volume del sangue diminuisce e con meno sangue da pompare, il cuore si indebolisce e perde la sua tipica forma a cuore, diventando più arrotondato.

  • Come qualsiasi altro muscolo, il cuore non ha bisogno di lavorare in condizioni di microgravità e inizierà ad atrofizzarsi senza un esercizio rigoroso.

  • Cosparse di radiazioni, molte cellule immunitarie muoiono e l’immunità si abbassa. C’è anche un danno al DNA, che potenzialmente aumenta il rischio di cancro.

  • Picchi di infiammazione in tutto il corpo, che possono contribuire a malattie cardiache e altre condizioni.

  • Le ossa si assottigliano di circa l’1,5% al ​​mese. I dischi spinali si induriscono.

  • Parti del bulbo oculare possono appiattirsi, causando una visione da lontano più nitida e una visione da vicino più fioca.

  • I fluidi inondano il cranio, diminuendo l’olfatto e l’udito.

  • L’attività genica cambia, anche nel cervello. Nei topi, 54 diversi geni nel cervello hanno funzionato in modo diverso dopo settimane nello spazio.

  • Le cellule cerebrali possono essere influenzate dalle radiazioni, riducendo la memoria e il pensiero (nei topi).

  • I ritmi circadiani vacillano, rendendo comune l’insonnia.

  • mesi o anni di solitudine – o stretto confinamento con altri astronauti – possono portare a uno stress psicologico duraturo.

“Lo spazio non è molto ospitale per il corpo umano”, ha affermato Emmanuel Urquieta, chief medical officer presso il Translational Research Institute for Space Health di Houston, che collabora con la NASA per studiare gli effetti dell’esplorazione dello spazio profondo.

Gli esseri umani si sono evoluti in condizioni di gravità abbondante e radiazioni di fondo relativamente scarse, ha detto. Lo spazio è il contrario e capovolge le operazioni di quasi tutti i sistemi biologici dentro di noi.

I viaggi spaziali modificano il corpo umano
Emmanuel Urquieta

La maggior parte dei potenziali rischi per la salute dei viaggi nello spazio possono essere mitigati in una certa misura, sottolineano gli scienziati. L’esercizio fisico, ad esempio, “è abbastanza efficace” nell’aiutare gli astronauti a mantenere la massa muscolare e la densità ossea, ha affermato Lori Ploutz-Snyder, Preside della School of Kinesiology dell’Università del Michigan. In precedenza è stata ricercatrice presso la NASA, dove ha condotto studi sull’esercizio fisico e sui viaggi nello spazio.

Sulla stazione spaziale, gli astronauti si allenano abitualmente per circa un’ora quasi tutti i giorni, ha detto, utilizzando dispositivi specializzati per correre, andare in bicicletta e sollevare pesi, nonostante siano senza peso. Ma nelle missioni lunari e su Marte, che coinvolgeranno navi più piccole e si protrarranno per anni, le attrezzature per gli esercizi dovranno essere ridotte e la disponibilità degli astronauti a tenere il passo con gli allenamenti sarà ampliata.I viaggi spaziali modificano il corpo umano

Il campo magnetico terrestre protegge anche la stazione spaziale relativamente vicina da alcune delle peggiori radiazioni dello spazio profondo, ma le missioni lunari e marziane – più in alto e più lontane dalla Terra – non godranno di tale protezione.

I viaggi sulla Luna e su Marte richiederanno una schermatura avanzata, ha detto Urquieta, insieme a farmaci e integratori che potrebbero ridurre alcuni degli effetti interni delle radiazioni rimanenti e inevitabili. Gli antiossidanti, come le vitamine C ed E, potrebbero assorbire una parte delle molecole dannose rilasciate dopo l’esposizione alle radiazioni, mentre altri farmaci protettivi e nutrienti sono sotto inchiesta, ha detto.I viaggi spaziali modificano il corpo umano

Nonostante ogni precauzione e protezione disponibile, lo spazio profondo rimarrà un luogo duro e inospitale per il corpo umano. Ma rappresenterà anche, e sempre, qualcos’altro per l’immaginazione umana, ha detto Urquieta: la sua infinita ondata di oscurità con lustrini che accende le nostre ambizioni, sogni e storie.

Ecco perché, pur conoscendo meglio della maggior parte delle persone il pedaggio che un simile viaggio potrebbe comportare per lui, andrebbe nello spazio “in un batter d’occhio”, ha detto. “Assolutamente. Nessuna domanda. È così stimolante. È lo spazio”.I viaggi spaziali modificano il corpo umano

Facebook Comments
Condividi