HomeRassegna StampaIl goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca

Il goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca

Pubblichiamo la sintesi dell’opinione dell’editorialista del Washington Post Sebastian Mallaby sulla politica estera Usa e sulle tensioni fra Cina e Stati Uniti provocate dal pallone aerostatico cinese che ha “sconfinato” sui cieli del nord america.Il goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca

Il goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca

Per capire come un pallone spia, allo stesso tempo minaccioso e farsescamente Zeppelin-retrò, possa diventare un’immagine determinante della nuova guerra fredda, bisogna considerare  come questo aggeggio di spionaggio cinese cattura la scena internazionale.

È abbastanza provocatorio da indurre il Segretario di Stato Antony Blinken a rinunciare al tanto atteso viaggio a Pechino. Ed é abbastanza goffo da simboleggiare l’immensa capacità di errore della Cina, una tendenza che la squadra del Presidente Biden ha recentemente sfruttato, con effetti devastanti per Pechino.

Il goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca
Biden e Blinken

Due anni fa, quando Biden ha assunto l’incarico, la Cina credeva di superare tecnologicamente gli Stati Uniti, intimidendoli militarmente e vincendo la corsa per il rispetto e la popolarità globali contro un’America esausta e divisa.

Oggi, con una notevole inversione di tendenza, la Cina è un paese che oscilla tra ondate di covid-19 e il sacrificio degli anziani, tra il sabotaggio del suo settore immobiliare e la rincorsa della casa, tra la persecuzione dei suoi campioni imprenditoriali e la promessa di farcela.

Sul versante della politica estera, intanto, la squadra di Biden ha inflitto una serie di umiliazioni al suo principale rivale.

A cominciare dall’embargo sui semiconduttori alla Cina, annunciato lo scorso ottobre dal Dipartimento del Commercio. Ciò comportava un rischio calcolato: se gli alleati degli Stati Uniti si fossero rifiutati di collaborare, la Cina avrebbe importato l’attrezzatura necessaria per produrre i propri semiconduttori avanzati, determinandone una ulteriore crescita e rendendola autosufficiente.Il goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca

Ma il 27 gennaio la Casa Bianca si è assicurata il sostegno dei due più importanti esportatori di apparecchiature per semiconduttori: Giappone e Paesi Bassi. Sostegno che frena la capacità della Cina di perseguire l’intelligenza artificiale e altre tecnologie militari avanzate.

Quattro giorni dopo l’accordo sui semiconduttori, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha incontrato la sua controparte indiana e ha annunciato una serie di ambiziose partnership tecnologiche e di difesa, dall’informatica quantistica alle armi  convenzionali, come motori a reazione e artiglieria.

L’obiettivo è ridurre la dipendenza dell’India dagli armamenti russi e attirarla nel complesso militare-industriale statunitense. Ciò, a sua volta, rafforzerà il Quad, una simil-Nato asiatica che include anche altre due nazioni che Biden sta aiutando a riarmare, Giappone e Australia.

Il goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca
Jack Sullivan

Sulla scia dell’accordo con l’India, la Casa Bianca si è assicurata una vittoria nelle Filippine. Alla fine della Guerra Fredda, le Filippine hanno chiuso le basi militari statunitensi sul proprio territorio e una riapertura parziale nel 2014 era stata fatta deragliare perché Manila aveva deciso di avviare trattative con la Cina.

Ma nei giorni scorsi, dopo l’assiduo “corteggiamento” del team di Biden, le Filippine hanno ampliato da cinque a nove il numero di siti ai quali l’esercito americano ha accesso. Ciò migliorerà la capacità degli Stati Uniti di rispondere alle provocazioni cinesi nel Mar Cinese Meridionale, compreso, lo scenario più estremo, quello di un attacco a Taiwan.Il goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca

Nel frattempo si è attivato anche il Dipartimento del Tesoro. Forse per la prima volta dalle crisi del debito dei mercati emergenti degli anni ’90, il dipartimento ha schierato efficacemente il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale per rafforzare la leadership globale degli Stati Uniti.

Questa opportunità è nata dalla strana decisione della Cina di trasformare un’avanzata diplomatica nell’equivalente di un pallone spia che è contemporaneamente inefficace e imbarazzantemente visibile.

All’inizio del suo mandato, nel 2013, Xi Jinping ha lanciato la sua Belt and Road Initiative, una massiccia iniziativa infrastrutturale internazionale progettata per approfondire i legami economici della Cina in Africa e in Asia.

Il goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca
Xi Jinping

Molti di questi progetti sono stati finanziati con prestiti, con il risultato che la Cina è diventata rapidamente il maggior creditore ufficiale dei paesi in via di sviluppo.

Inizialmente, sembrava una geniale mossa cinese per conquistare amici e influenzare le persone. Ora che le condizioni economiche si sono inasprite, i prestiti cinesi a flusso libero hanno creato le condizioni per crisi del debito in diversi paesi emergenti. A peggiorare le cose, la Cina si rifiuta di imparare dall’esperienza occidentale con il debito del mondo povero, che insegna che è meglio ammorbidire rapidamente i termini di pagamento. In questo modo, i mutuatari hanno la possibilità di tornare alla crescita e rimborsare parte del denaro. Inoltre, non ti odieranno così tanto.

Lo Zambia è il punto zero dell’ostinazione controproducente della Cina. Nell’ambito della Belt and Road Initiative, il precedente e profondamente corrotto governo della nazione africana ha commissionato una centrale idroelettrica, due aeroporti internazionali, due stadi e una ferrovia.

Molti dei finanziamenti stanziati sono scomparsi e quando il covid ha colpito l’economia mondiale, lo Zambia è andato in default. L’anno scorso, dopo l’elezione di un governo più pulito, il FMI ha promesso un pacchetto di salvataggio a condizione che i creditori si attenessero regole rigide: il FMI non avrebbe pompato denaro in Zambia se il denaro fosse andato direttamente nelle tasche dei responsabili del precedente dissesto. La Cina e i suoi colleghi creditori hanno debitamente promesso di rinegoziare i debiti. Sei mesi dopo, la Cina ha ammesso che le trattative non hanno avuto alcun esito.

Il goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca
Janet L. Yellen e Kristalina Georgieva

A questo punto é entrata in scena il Segretario al Tesoro Janet L. Yellen. Individuando l’opportunità di dipingere la Cina come il nemico del mondo povero, il mese scorso è volata in Zambia e ha definito Pechino una ” barriera ” che ostacola la soluzione dell’impasse del debito.

La sua visita ha coinciso con quella di Kristalina Georgieva, il capo del FMI, che ha impartito alla Cina “una lezione” sulla necessità di imparare dalla gestione del debito dall’Occidente “maturo”.  E per completare il quadro, il presidente della Banca mondiale David Malpass è apparso su Bloomberg TV per denunciare l’ostruzionismo del debito cinese.

Ora che il pallone spia cinese è stato esposto in modo così vivido, si è tentati di cogliere l’occasione per infliggere l’ennesima “lezione” a Pechino. Voci politiche a destra chiedono che il pallone venga abbattuto, presumibilmente per il gusto teatrale di farlo.

Sebbene all’amministrazione Biden vada riconosciuto il ​​merito di aver respinto Xi, bisogna pur ricordare che la Cina rimane una grande potenza e che è meglio trovare il modo di lavorare con Pechino. Quando Blinken alla fine farà visita, il suo compito sarà quello di unire la forza alla calma. Il bello delle guerre fredde è che non vuoi che si intensifichino…

Il goffo pallone spia cinese e i successi della Casa Bianca
Xi Jinping e Antony Blinken

 

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3496 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3496 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS