Iran: l’Europa sfida gli Usa e continua l’interscambio

0
77
Iran l’Europa sfida gli Usa e continua l'interscambio
Condividi

Pubblichiamo la sintesi dell’inchiesta del Washington Post sui retroscena e le prospettive del braccio di ferro fra l’Amministrazione Trump e l’Europa sulla rottura del trattato nucleare con l’Iran e le sanzioni nei confronti di Theran

Iran l’Europa sfida gli Usa e continua l'interscambio

Berlino – Essere un’impresa europea con legami con l’Iran nell’epoca delle sanzioni americane può voler dire affrontare sfide che, ogni giorno, sfiorano l’esistenziale.

I fornitori hanno interrotto le loro spedizioni con un semplice preavviso. Le linee telefoniche vengono disconnesse. Anche avere riparato gli ascensori può essere un calvario, con i contratti di servizio annullati.

È tutto collegato alla straordinaria campagna dell’amministrazione Trump per soffocare non solo il commercio americano con l’Iran, ma anche il commercio europeo con la Repubblica islamica.

Iran l’Europa sfida gli Usa e continua l'interscambio

Da quando il presidente Trump ha annunciato a maggio che stava ritirando gli Stati Uniti dall’accordo nucleare iraniano, i governi europei hanno cercato di mantenere l’accordo in carreggiata sostenendo le loro imprese impegnate negli scambi commerciali con l’Iran.

L’Europa la scorsa settimana ha presentato una piattaforma per la creazione di un sistema commerciale che potrebbe essere utilizzato per consentire alle imprese di superare le restrizioni statunitensi.

Ma lo sforzo europeo rimane debole rispetto all’impegno con cui gli Stati Uniti impongono alle aziende europee di interrompere i rapporti con l’Iran, affermano associazioni industriali, funzionari governativi, analisti e rappresentanti di aziende che sono state messe sotto pressione.

Nel marasma internazionale sull’opportunità o meno di mantenere comunque in vita l’accordo sul nucleare iraniano, gli Stati Uniti sono stati disposti a superare i confini che l’Europa finora è riluttante a oltrepassare.

“C’è più pressione da parte dei nostri amici americani per creare problemi”, ha detto Michael Tockuss, segretario generale della Camera di commercio tedesco-iraniana.

Questi problemi, ha detto Tockuss, derivano da pressioni dirette applicate alle imprese europee da parte di funzionari degli Stati Uniti, nonché dagli effetti a catena che si diffondono a mano a mano che gli americani spingono le aziende a riverdere i loro piani.

Tockuss, la cui organizzazione rappresenta imprese tedesche che svolgono una parte significativa della loro attività in Iran, ha dichiarato di essere a conoscenza di almeno 20 imprenditori che sono stati contattati personalmente da funzionari degli Stati Uniti che li hanno esortato a rallentare le loro operazioni in Iran.

Con alcune società, ha detto, è stato mantenuto  un tono amichevole per la loro importanza nelle relazioni commerciali tra Stati Uniti e Germania. Mentre ad altre sono prospettate le conseguenze economiche di un mancato adeguamento alle richieste di interrompere i rapporti con lran.

“Un diplomatico non dovrebbe minacciare un’azienda, non è questo il compito della diplomazia” ha detto Michael Tockuss.

Ma all’ambasciata americana a Berlino – epicentro di uno sforzo che attraversa il continente ma che è particolarmente intenso in Germania, la potenza economica europea – l’attività antiraniana è orgogliosamente descritta come la “massima campagna di pressione economica”.

Le sanzioni secondarie non sono inusuali e rientrano negli gli sforzi degli Stati Uniti per stringere le imprese europee a isolare l’Iran. Ma non è convenzionale per gli Stati Uniti imporre le sanzioni così vigorosamente sul terreno di casa dei suoi più stretti alleati.

Iran l’Europa sfida gli Usa e continua l'interscambio
L’Ambasciatore Richard Grenell, e il Presidente Trump

Richard Grenell, Ambasciatore degli Stati Uniti in Germania e stretto alleato di Trump, ha iniziato il suo mandato a maggio con un tweet col quele sosteneva che “le società tedesche che fanno affari in Iran dovrebbero liquidare immediatamente le operazioni”.

Il commento gli è valso critiche pungenti da parte di funzionari e commentatori tedeschi, che lo hanno accusato di eccessiva attenzione. Ma Grenell ha mantenuto la sua campagna pubblicitaria, pubblicizzando incontri con compagnie tedesche per discutere dell’Iran e celebrare ogni interruzione di rapporti aziendali con Theran con l’hashtag #sanctionsareworking.

Ci sono stati molti annunci di questo tipo: il network industriale Siemens, la società di servizi finanziari Allianz e le case automobilistiche Volkswagen e Daimler sono tra le megafast tedesche che hanno dichiarato di essere uscite dall’Iran.

Ma molte altre imprese – in particolare quelle che hanno un particolare interesse per l’Iran o che non fanno affari significativi con gli Stati Uniti – sono rimaste. È con alcune di queste aziende che la tattica degli Stati Uniti sembra essere stata particolarmente aggressiva.Iran l’Europa sfida gli Usa e continua l'interscambio

In autunno, la filiale di Amburgo della Banca Melli, di proprietà iraniana, che ha sede in Germania, ha scoperto quanto gli Stati Uniti possano essere duri quando ha ricevuto una lettera dal colosso tedesco delle comunicazioni Deutsche Telekom che dichiarava che tutti i servizi telefonici e Internet sarebbero stati cancellati .

Deutsche Telekom ha detto alla banca che non sarebbe più stato in grado di pagare i suoi conti perché le sanzioni avevano sconvolto i legami finanziari con l’Iran. Ma l’avvocato di Bank Melli, Thomas Wülfing, ha affermato di ritenere che fosse solo un pretesto per Deutsche Telekom, una società con importanti interessi finanziari statunitensi a causa della sua controllata americana, T-Mobile.

“È chiaro che devono esserci state pressioni da parte degli americani”, ha detto. “Non c’è altra spiegazione per questo. Non lo farebbero se non dovessero farlo. Soprattutto perché sono stati partner contrattuali con i nostri clienti per molto tempo senza problemi. ”

Nel caso di Bank Melli, Wülfing è stata in grado di ottenere un’ingiunzione immediata che ha bloccato il tentativo di Deutsche Telekom di cancellare i servizi. Ma ha detto che altri clienti di proprietà iraniana con operazioni in Europa sono rimasti senza collegamenti telefonici o servizi Internet per più di una. L’avvocato Wülfing ha aggiunto che i suoi clienti hanno anche subito la sospensione dei contratti di servizio e di leasing inaspettatamente.Le interruzioni, ha detto il legale, sono state devastanti nel loro impatto.

Dopo che le battaglie della Bank Melli sono venute alla luce, l’Ambasciata degli Stati Uniti ha twittato che la banca “incanalava denaro ai gruppi terroristici che lavoravano per il regime iraniano”, aggiungendo l’hashtag #thankyouDeutscheTelekom.

I funzionari del governo tedesco sono stati, almeno in pubblico, moderati nelle loro reazioni alle tattiche degli Stati Uniti, scegliendo di non forzare ulteriormente un’alleanza che è già gravemente lacerata.

Sono state anche monitorate le loro valutazioni sulla possibilità di salvare l’accordo con l’Iran.

“Stiamo cercando di preservare i rapporti commericali perché crediamo che possano ancora essere soggetti a un miglioramento” su ciò che è accaduto prima, ha affermato in una recente intervista Peter Altmaier, ministro degli affari economici della Germania. “E allo stesso tempo – ha specificato Altmaier- nessuno sa se l’accordo continuerà a funzionare correttamente sotto il regime delle sanzioni americane”.

Iran l’Europa sfida gli Usa e continua l'interscambio
La Cancelliera Angela Merkel e il Ministro dell’economia Peter Altmaier

L’accordo iraniano del 2015, formalmente conosciuto come JCPOA, fu un accordo fondamentale tra la repubblica islamica e le grandi potenze mondiali, inclusi gli Stati Uniti. L’idea di base era quella che in cambio della fine delle sanzioni paralizzanti, si riuscisse a fare interrompere all’Iran il percorso che i funzionari dell’intelligence occidentale temevano stesse portando alla realizzazione di un’arma nucleare.

Ma quando Trump, un acerrimo critico dell’accordo, ha optato per l’anno scorso per far uscire gli Stati Uniti, l’onere delle condizioni dell’accordo è ricaduto interamente sull’Europa.

Il governo iraniano rimane ufficialmente impegnato nell’accordo nucleare e il Presidente Hassan Rouhani ha continuato a spingere per migliori relazioni con l’Europa.

L’annuncio della scorsa settimana di una piattaforma europea per la gestione delle transazioni finanziarie al di fuori dell’attuale sistema statunitense era destinato a rassicurare l’Iran dell’impegno del continente.

I leader europei hanno faticato a trovare un modo per sostenere gli scambi incerti con l’Iran, dati i timori delle piccole nazioni di trovarsi nel mirino delle sanzioni statunitensi.

Gran Bretagna, Francia e Germania – che erano anche firmatari dell’accordo sul nucleare – hanno accettato di condividere la responsabilità di registrare una piattaforma economica che intende smussare le misure statunitensi. L’obiettivo è rendere possibile il baratto di beni e servizi tra l’Europa e l’Iran senza scambio di denaro tra i due. Il che rischierebbe di intrappolare le banche nelle sanzioni statunitensi.

Un funzionario tedesco gestirà la società, che è stata registrata in Francia ed è conosciuta con un nome ingombrante: strumento a sostegno delle borse commerciali. Gran Bretagna, Francia e Germania saranno le parti interessate nel progetto, che viene attuato con la benedizione dell’Unione europea, un altro firmatario dell’accordo iraniano.Iran l’Europa sfida gli Usa e continua l'interscambio

Funzionari coinvolti nella pianificazione europea riconoscono che l’impatto della compagnia, noto anche come “veicolo speciale”, all’inizio potrebbe essere minore, e questo da solo non sarà probabilmente un fattore decisivo nella determinazione dell’Iran a decidere se continuerà a aderire all’accordo.

All’inizio, la società si concentrerà sul commercio di prodotti alimentari e medicinali, che non sono soggetti alle sanzioni statunitensi. Ma gli esperti dicono che il canale commerciale potrebbe rappresentare  il primo crack nel dominio statunitense del sistema finanziario globale, che da decenni ha monopolizzato la capacità di Washington di imporre sanzioni a chiunque desideri comprarsi dollari in tutto il mondo.

L’amministrazione Trump non sembra essere particolarmente minacciata dall’accordo. L’ambasciata statunitense a Berlino ha dichiarato che non si aspettava che la piattaforma “avesse alcun impatto” sugli sforzi per imporre sanzioni secondarie.

L’Iran ha accolto con favore l’annuncio dell’Europa, pur sottolineando che si trattava semplicemente della “prima serie di impegni verso l’Iran che gli europei devono adempiere”. L’emittente statale iraniana ha anche citato il viceministro degli esteri Abbas Araghchi secondo il quale il sistema di pagamento avrebbe “soddisfatto pienamente” i bisogni dell’Iran una volta aperto a imprese e paesi non europei.

I conservatori della linea dura dell’Iran, molti dei quali si oppongono alle relazioni con l’Occidente, hanno chiesto a Rouhani di abbandonare il patto nucleare.

Sostengono che l’Europa è senza scrupoli di fronte alla pressione degli Stati Uniti e che l’Iran sta sprecando il suo tempo con i negoziati.

“Alcuni immaginavano di poter contare sugli europei quando gli Stati Uniti si ritirarono dal JCPOA”, ha detto l’Ayatollah Ahmad Jannati, Presidente della potente Assemblea di esperti iraniana, i media statali hanno riferito il mese scorso.

“Gli europei, tuttavia, stanno trascinando i loro piedi e non faranno nulla nel nostro interesse”, ha detto Jannati. “Gli europei sono peggiori degli americani”.

“La questione per la leadership dell’Iran non è tanto se l’Europa vuole mantenere il JCPOA, ma se l’Europa ha la capacità di farlo”, ha detto Esfandyar Batmanghelidj, fondatore del Forum Europa-Iran, che promuove i legami commerciali.

Iran l’Europa sfida gli Usa e continua l'interscambio
Theran

Negli ultimi mesi ci sono state altre tensioni nelle relazioni tra l’Europa e l’Iran, tra cui i test sui missili balistici di Teheran e le sue presunte attività di spionaggio sul suolo europeo.

L’Unione Europea il mese scorso ha annunciato sanzioni mirate contro un’unità del ministero dell’Intelligence iraniana per un presunto complotto per compiere assassinii nelle capitali europee.

La mossa è stata elogiata dai funzionari degli Stati Uniti che hanno esortato l’Europa a prendere una linea più dura contro un governo che Washington considera come uno sponsor del terrorismo.

“L’Europa è desiderosa di mostrare agli Stati Uniti che può essere ostile nei confronti dell’Iran su determinate questioni”  ha affermato Ellie Geranmayeh, una delle più alte personalità politiche al Consiglio europeo delle relazioni estere. Ma “gli europei – ha precisato Geranmayeh – non sono d’accordo con gli americani che la risposta sono le sanzioni su ogni singolo problema”.

Le sanzioni statunitensi hanno già colpito duramente l’economia iraniana, facendo salire i prezzi e ostacolando le importazioni. Se le condizioni si deteriorano ulteriormente, il calcolo di base per l’Iran potrebbe cambiare.

“Finora c’è stato un travagliato consenso sul fatto che le dimensioni politiche dell’accordo sono abbastanza importanti e servono agli interessi di sicurezza nazionale dell’Iran”, ha detto Geranmayeh. “Ma se i contraccolpi economici delle sanzioni sono è così significativi. . . questa entro sei mesi potrebbe non essere più la posizione che l’Iran. “Iran l’Europa sfida gli Usa e continua l'interscambio

Fonte: Washington Post

 

Facebook Comments
Condividi