La coscienza fondamentale epicentro dell’umanità

0
688
La coscienza fondamentale epicentro dell'umanità
Condividi

Pubblichiamo una sintesi dell’articolo del Washington Post sull’importanza della coscienza per l’umanità. Raccontare la mente con il cuore è possibile, soprattutto se lo studio della coscienza è una parte importante delle propria vita, così importante da lasciare tracce profonde in ogni angolo dell’esistenzaLa coscienza fondamentale epicentro dell'umanità

by Christof Koch*

Coscienza” si riferisce a qualsiasi esperienza soggettiva: il delizioso gusto della Nutella, il bruciore acuto di un dente infetto, il lento scorrere del tempo quando annoiato, il senso di vitalità e ansia appena prima di un evento competitivo. Nelle parole del filosofo Thomas Nagel, la coscienza esiste in un soggetto umano o altro ogni volta che “c’è qualcosa che è come essere quell’organismo”. Il concetto ha ispirato innumerevoli teorie filosofiche dall’antichità e molti lavori di laboratorio nel secolo scorso, ma ha anche suscitato molti fraintendimenti. Ecco i cinque principali miti sulla coscienza:La coscienza fondamentale epicentro dell'umanità

MITO N. 1

Gli umani hanno un cervello unico.

C’è una lunga storia di scienziati che pensano di aver identificato una caratteristica particolare per spiegare la nostra coscienza avanzata (e il dominio planetario). La neuroscienziata Suzana Herculano-Houzel sostiene che il carattere distintivo del cervello umano risiede nell’enorme numero di neuroni che compongono lo strato più esterno dell’organo, la corteccia cerebrale (o neocorteccia): 16 miliardi, su 86 miliardi di neuroni totali. “Questa è la spiegazione più semplice per le nostre straordinarie capacità cognitive”, afferma. Altre supposizioni hanno incluso regioni cerebrali speciali o cellule nervose trovate solo (o principalmente) nell’uomo – ad esempio i neuroni del fuso o von Economo . O forse il cervello umano  consuma più calorie rispetto al cervello di altre specie?

Dopo quasi due secoli di ricerche sul cervello, tuttavia, nessuna singola caratteristica del cervello umano spicca davvero. Certamente non possediamo il cervello più grande:  elefanti e balene ci colpiscono. Ricerche recenti hanno rivelato che le balene pilota, un tipo di delfino, hanno 37 miliardi di neuroni corticali, minando l’ipotesi di Herculano-Houzel. E i ricercatori hanno scoperto che le balene , gli elefanti e altri animali dal cervello grande (non solo grandi scimmie e umani) hanno anche neuroni von Economo. Una nuova ricerca mostra che umani e topi hanno circa lo stesso numero di categorie di cellule cerebrali. Il fatto è che non esiste una semplice spiegazione incentrata sul cervello sul perché gli umani siedano in cima alla collina cognitiva.

MITO N. 2

La scienza non capirà mai la coscienza.

Questo è un mito particolarmente pernicioso, perché inibisce la ricerca. “Ho un tempo molto più facile immaginando come capiamo il big bang di quanto non abbia immaginato come possiamo capire la coscienza”, ha detto l’eminente teorico delle stringhe Ed Witten, è probabile che “rimanga un mistero”, insiste. “Il difficile problema della coscienza” – alcuni sostengono insormontabili – è la frase coniata dal filosofo David Chalmers  per descrivere l’immenso balzo necessario per passare dalla comprensione di quali eventi cerebrali sono collegati alla coscienza e al modo in cui essi genererebbero consapevolezza.La coscienza fondamentale epicentro dell'umanità

Ma l’argomento secondo cui i difficili problemi scientifici sono irrisolvibili ha un  track record molto scarso. E gli scienziati e i clinici hanno imparato di più sulla coscienza nel secolo scorso e in più rispetto a tutta la storia precedente. Un’intera professione, l’anestesia, è dedicata a spegnere e riaccendere la coscienza in sicurezza. Stiamo migliorando nel  rilevare la sua presenza o assenza nei pazienti con disabilità neurologiche che non sono in grado di parlare o interagire in altro modo con il loro ambiente – stimolando il loro cervello usando un impulso magnetico e quindi monitorando gli echi dell’attività elettrica evocata che attraversano la neocorteccia. I ricercatori studiano l’  impronta neuronale della coscienzapresentando immagini o altri stimoli alle persone negli scanner magnetici e identificando quali regioni del cervello rispondono. Questi progressi non hanno risolto il difficile problema, certo, ma ci sono poche ragioni per il pessimismo che alla fine non lo faranno.

MITO N. 3

I sogni contengono indizi nascosti sui nostri desideri segreti.

Sigmund Freud ha definito i sogni  “la strada reale per l’inconscio”. Gran parte del 20° secolo pensando ai sogni è stato influenzato dalla sua teoria secondo cui il cuore di ogni sogno è la realizzazione di desideri e desideri che sono soppressi dalla mente. “Nella teoria psicoanalitica, i sogni rappresentano la realizzazione del desiderio, i desideri inconsci e i conflitti”, come afferma il sito web  GoodTherapy , e spesso sono pieni di “significato represso e simbolico”. Devono essere decifrati usando la  libera associazione o altri metodi.La coscienza fondamentale epicentro dell'umanità

Ma la ricerca moderna che esplora il contenuto dei sogni di soggetti sani, così come i sogni dei pazienti che soffrono di traumi, non supporta questa teoria. William Domhoff, psicologo della ricerca, gestisce una  banca dei sogni onlinecon oltre 20.000 rapporti sui sogni curati. Questo e altre risorse chiariscono che la maggior parte dei nostri sogni contiene residui delle nostre preoccupazioni ed eventi quotidiani – interrotti da episodi apparentemente casuali o immaginati o richiamati e intrecciati nell’arazzo narrativo. Di solito c’è una chiara continuità tra il contenuto del sogno e le concezioni del risveglio: le persone ansiose hanno sogni d’ansia; le vittime di traumi hanno flashback o ricorrenze delle loro esperienze traumatiche. A volte esprimiamo il desiderio sessuale di qualcuno – ma questo non richiede quasi decodifica. Nel complesso, i sogni non mascherano i nostri desideri, ma piuttosto esprimono le nostre preoccupazioni in modo facilmente comprensibile e coerente.

MITO N. 4

Siamo sensibili ai messaggi subliminali.

La pubblicità subliminale – che include parole o immagini che non possono essere percepite consapevolmente – divenne famosa nel 1957, dopo che un ricercatore di marketing affermò di aver  radicalmente incrementato le vendite di popcorn e Coca-Cola in un cinema mostrando le frasi “mangia popcorn” e “Bevi Coca-Cola” sullo schermo per un singolo fotogramma. In seguito ha ammesso di aver inventato i dati. Ma l’interesse per il concetto persisteva: nel libro ” Subliminal Seduction ” (1974), l’autore Wilson Key affermò che il 99% delle pubblicità sugli alcolici includeva messaggi subliminali. Nel 2000, i repubblicani furono accusati di aver tentato di  manipolare inconsciamente gli elettori con una pubblicità televisiva che ha attaccato il ruolo di “burocrati” in un piano di assistenza sanitaria di Al Gore – e si è soffermato così brevemente sulle lettere RATS.La coscienza fondamentale epicentro dell'umanità

A dire il vero, nel corso degli anni, alcuni studi  hanno trovato prove che parole e immagini presentate inconsciamente possono influenzare idee e comportamenti, ma molti di questi studi non hanno potuto essere replicati. Uno studio del 2015 ha rilevato che l’esposizione inconscia a un marchio ha suscitato un certo interesse per quel marchio, ma anche che l’effetto è  evaporato dopo 15 minuti. Non ci si dovrebbe quindi preoccupare della propaganda subliminale. Come chiarisce l’attuale momento politico, sono i messaggi espliciti e consapevoli – insulti odiosi diretti da persone influenti nei confronti dei membri delle minoranze, ad esempio – che detengono il vero potere.

MITO N. 5

Le “visioni” prossime alla morte sono la prova della vita dopo la morte.

I pazienti rianimati dopo insufficienza cardiaca o altri episodi quasi fatali a volte riferiscono di essersi sentiti distaccati dal proprio corpo, vedendo una luce intensa o sentendo di essere in presenza del numinoso. Molti considerano queste esperienze come la prova di un regno divino. Eben Alexander, nel bestseller ” Proof of heaven: A Neurosurgeon’s Journey into the Afterlife “, ha riferito, che mentre era in un coma, é entrato ” nel mondo più strano e più bello che abbia mai visto “. Riflettendo sulle implicazioni, ha  scritto : ” Quindi stavo comunicando direttamente con Dio? Assolutamente.”La coscienza fondamentale epicentro dell'umanità

Una volta respinti dagli scienziati come allucinazioni idiosincratiche o derisi come esperienze occulte, questi episodi stanno attirando molta attenzione. I sondaggi epidemiologici  rilevano che significative visioni pre-morte non sono così rare, che si verificano in circa un decimo dei pazienti che hanno subito un arresto cardiaco. Sembra che siano collegati ad eventi neurologici che si verificano quando particolari regioni corticali sono carenti di ossigeno critico per la loro funzione, sebbene la causa precisa sia sconosciuta. Simili esperienze vissute intensamente si  verificano durante convulsioni epilettiche del lobo temporale o durante la stimolazione diretta di determinate regioni della corteccia esposta durante la neurochirurgia, ulteriore evidenza delle loro origini biologiche, non spirituali.

Le visioni che le persone sperimentano in prossimità della morte – spesso prive di contenuto religioso – sembrano essere tentativi del cervello di continuare a fare il suo lavoro di comprensione del mondo anche quando la sua stessa funzione è ostacolata e quando alcuni dei suoi circuiti percettivi e di memoria sono offline o generare attività spurie. Sebbene non abbiamo bisogno di ricorrere a spiegazioni soprannaturali, è importante studiare perché questi eventi lasciano a molti pazienti un senso di calma , serenità e accettazione duratura  della loro eventuale morte. Comprensione che potrebbe portare a scoperte terapeutiche.

La coscienza fondamentale epicentro dell'umanità
Christof Koch

* Christof Koch è un neuroscienziato statunitense, conosciuto per gli studi sulle basi neurali della coscienza. È il presidente dell’Allen Institute for Brain Science di Seattle e autore del libro ” Il sentimento della: perché la coscienza è diffusa ma non si può calcolare.

Facebook Comments
Condividi