HomeNomine & CandidatureLa Rai e il doppio effetto Meloni

La Rai e il doppio effetto Meloni

A viale Mazzini ed a Saxa Rubra impazza la movida by nomination. L’insediamento del neo Amministratore delegato della Rai Roberto Sergio da parte del Consiglio d’Amministrazione dell’azienda ha messo in moto l’ennesimo tsunami di nomine.

Lo start l’ha dato lo stesso neo Ad che ha indicato quale Direttore Generale Giampaolo Rossi e Paola Marchesini quale Direttore dello Staff dell’ Amministratore Delegato.La movida delle nomine inizia proprio dai due vertici lasciati liberi da Sergio e Marchesini, rispettivamente Direttore di Radio Rai e Direttrice di Radio2.

Fra i probabili successori vengono indicati il vice direttore di Radio Rai Flavio Mucciante, Simona Sala, attuale Direttrice dell’intrattenimento Day Time, oppure Angela Mariella che dirige IsoRaio.

La prima linea delle nomination rimane quella dei Tg. Al Tg1 rimangono stabili e ferme le chances di Gian Marco Chiocci, Direttore dell’AdnKronos, a Rai News24, Tg Regionali e Tg3 vengono accreditate rispettivamente le riconferme di Paolo Petrecca, Alessandro Casarin e  Mario Orfeo. Mentre per il Tg2 la candidatura di Antonio Preziosi viene insidiata dal più esperto Giuseppe Carboni, ex Direttore ancora senza incarico del Tg1 e da Angela Mariella, che dopo i successi radiofonici ambisce a rilanciarsi in televisione.

Per la Direzione Editoriale sarebbe pronta la direttrice uscente del Tg1 Monica Maggioni, che potrebbe anche andare alla direzione degli Approfondimenti lasciata libera da Antonio Di Bella, da poco in quiescenza. Secondo la nuova governance di viale Mazzini, il prestigio, l’autorevolezza e la grande esperienza di Di Bella, che potrebbe subentrare al prossimo rinnovo del Cda a Marinella Soldi come Presidente di Garanzia, richiede un successore professionalmente all’altezza e con un curriculum da inviato ed editorialista internazionale.

Il nuovo Amministratore Delegato intanto non ha perso tempo e ha già confermato per l’autunno una decina di programmi Rai, da Report a Carta Bianca, da Chi l’ha visto, In mezz’ora Linea Verde, I fatti vostri e Tv talk. Dietro le quinte di viale Mazzini.

Paradossalmente, mentre i quotidiani e i social media titolano e riservano pagine e pagine al cosiddetto “effetto Meloni”  delle nomine Rai attribuibili alla Premier,  dietro le quinte di Viale Mazzini l’effetto Meloni é da quasi 20 anni il normale standard del potere interno burocratico e operativo.

La Rai e il doppio effetto Meloni
Luigi Meloni

Presidente dell’Adrai, la potente associazione dei dirigenti Rai é infatti il 65enne avvocato Luigi Meloni che da 15 anni é il raffinato, colto e onnipresente Direttore Coordinamento Sedi Regionali ed Estere. In tale ruolo ha assunto nel tempo ad interim anche la responsabilità di alcune sedi regionali quali Firenze, Perugia, Pescara e Cagliari.

Considerato vicino alla sinistra l’ascoltatissimo Luigi Meloni, soltanto omonimo della Premier, monitora il cuore operativo delle 21 sedi regionali e delle 11 sedi di corrispondenza all’estero, da New York a Pechino, da Mosca a Nairobi: in tutto qualcosa come 800 giornalisti, una cinquantina di capiredattori, una dozzina di corrispondenti e un’esercito di vice capi redattori, capiservizio e inviati da amministrare, trasferire, promuovere e eventualmente rimuovere.La Rai e il doppio effetto Meloni

Fra gli aneddoti che si raccontano sull’abilità, l’eleganza  e l’accuratezza dell’avvocato Meloni, vi è anche quello della frase kennediana che secondo gli ambienti di viale Mazzini ogni tanto ripeterebbe: “chi cerca di ottenere il potere cavalcando la tigre spesso finisce per esserne divorato.”La Rai e il doppio effetto Meloni

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3490 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3490 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS