HomeRisvoltiLa rivolta di Prigozhin incrina il regime di Putin

La rivolta di Prigozhin incrina il regime di Putin

Resa dei conti a Mosca, guerra civile o implosione del regime di Putin?  Anche se appare isolato, Yevgeny Prigozhin, il capo dei mercenari del gruppo Wagner che ha scatenato la rivolta armata contro il Ministero della difesa e il vertice dell’armata russa, potrebbe costituire un alibi per un regolamento dei conti all’interno della nomenclatura del Cremlino.

La rivolta di Prigozhin incrina il regime di Putin
Prigozhin e Putin

Una faida che potrebbe coinvolgere e travolgere lo stesso Vladimir Putin, che in un gelido discorso alla nazione ha definito la rivolta dei mercenari “un colpo di pugnale alle spalle alle nostre truppe e alla Russia“ ed ha esclamato “adesso si decide il destino del nostro popolo. Mi rivolgo ai cittadini russi, agli eroi che combattono sul fronte, mi rivolgo anche a coloro che con l’inganno sono stati coinvolti in questa avventura criminale, una rivolta armata», ha detto Putin.

Dopo aver accusato il vertice militare di avere scatenato l’invasione dell’Ucraina senza alcuna giustificazione, mentendo spudoratamente sulle motivazioni, soltanto per affermare il proprio potere a Mosca anche nei confronti di Putin, il padre-padrone del gruppo paramilitare Wagner, si è asserragliato con i suoi uomini a Rostov, centro chiave per l’assalto dell’esercito di Mosca a Kiev, e di aver preso il controllo di siti militari, compreso un aeroporto.

Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico
Yevgeniy Prigozhin

Lo scontro aperto fra la Wagner e le forze armate regolari russe é destinato ad aprire una nuova fase, forse decisiva, di quella che è ormai da tutti considerata la fallita invasione dell’Ucraina. Prigozhin ha ribadito che il suo gruppo armato fino ai denti formato da oltre 25.000 commandos e professionisti di guerra super addestrati é “pronto a morire”, ed ha promesso di rovesciare la leadership militare della Russia. “Stiamo combattendo per il popolo russo”. A Mosca e in tutte le regioni russe al confine con l’Ucraina la tensione è altissima. Nella capitale sono state chiuse e vengono presidiate da reparti armati la Piazza Rossa, il Mausoleo di Lenin e la necropoli vicino al muro del Cremlino. L’agenzia di stampa statale russa Tass ha confermato che durante la notte sono state messe in atto misure di sicurezza, dopo l’appello del leader del gruppo paramilitare Wagner a ribellarsi al comando militare russo. Il servizio di sicurezza russo FSB ha accusato Prigozhin di voler iniziare “una guerra  civile armato sul territorio della Federazione Russa” e ha dichiarato che le sue parole “sono una pugnalata alle spalle dei militari russi che combattono le forze ucraine”.

La rivolta di Prigozhin incrina il regime di Putin
Il Presidente russo e i vertici dei servizi di sicurezza russi

Il procuratore generale di Mosca, Igor Krasnov, ha riferito al presidente russo Vladimir Putin dell’apertura di un procedimento penale sul tentativo di organizzare una ribellione armata. La Casa Bianca , la Nato e i paesi europei stanno monitorando la situazione.  Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden si tiene in contatto con i  leader dei paesi alleati, ha confermato il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, Adam Hodge.

Da mesi l’intelligence americana aveva anticipato l’escalation dello sconto  fra Prigozhin e i vertici militari russi ed aveva sottolineato come la Wagner stesse diventando un centro di potere indipendente e antagonista e come Prigozhin stesse perseguendo i propri interessi, invece di seguire le direttive del Cremlino.

La rivolta di Prigozhin incrina il regime di Putin
Putin e il Ministro della Difesa Sergej Soggiu

Le intelligence occidentali stanno valutando in particolare l’impatto della rivolta della Wagner sull’andamento della controffensiva delle truppe ucraine. Un impatto che potrebbe determinare lo sfondamento delle linee di difesa e l’aggiramento delle posizioni dell’armata russa.

Due le valutazioni strategiche sugli eventi in tumultuosa evoluzione in Russia. La prima paragona la ribellione di  Prigozhin alla rivolta di Spartaco, che anche se perdente tuttavia mise in crisi la potenza militare di Roma. Molto più preoccupata, la seconda valutazione strategica considera l’avvitamento del regime di Putin, assediato dai falchi, oltremodo pericoloso e prodromico di conseguenze potenzialmente molto pesanti.La rivolta di Prigozhin incrina il regime di Putin

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3498 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3498 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS