HomeRisvoltiLa Russia attacca l’Italia: Roma é quasi in guerra con Mosca

La Russia attacca l’Italia: Roma é quasi in guerra con Mosca

Fra la Russia e l’Italia ci sono quasi gli stessi rapporti di quando il Governo fascista di Mussolini dichiarò guerra a Mosca: lo afferma molto poco diplomaticamente l’ambasciatore della Federazione russa a Roma, Alexey Paramonov, in una intervista rilasciata all’agenzia moscovita Tass.

La Russia attacca l’Italia: Roma é quasi in guerra con Mosca
Alexey Paramonov

L’incipit é doppiamente minaccioso: “Le relazioni tra Russia e Italia sono certamente migliori oggi rispetto al periodo 1941-1943. Ma, purtroppo, non di molto”, afferma testualmente Paramonov che aggiunge una ulteriore insinuazione “la posizione delle autorità ufficiali  italiane nei confronti della Russia é prevalentemente sgarbata, di natura essenzialmente ostile”. L’insinuazione riguarda il riferimento alle autorità ufficiali, perché lascia intendere che l’Ambasciata russa  ha rappporti anche con presunte autorità italiane non ufficiali.

 “Naturalmente – dice Paramonov – in entrambi i paesi continuano ad operare ambasciate e consolati generali, sono garantiti il minimo livello necessario delle relazioni tra stati e l’attività corrente per la tutela degli interessi di organizzazioni e cittadini”.

Tuttavia, insiste il diplomatico, con l’invasione russa dell’Ucraina , che Paramonov definisce rifacendosi rigidamente alla classificazione propagandistica di Putin, come “l’avvio dell’Operazione Militare Speciale in Ucraina, Roma ha aderito pienamente alle misure di pressione esercitate dall’Occidente collettivo sulla Russia, tanto che in Italia si parla ormai apertamente di guerra ibrida contro il nostro Paese”.La Russia attacca l’Italia: Roma é quasi in guerra con Mosca

Nell’intervista soliloquio sulla Tass l’Ambasciatore insiste: “La posizione delle autorità ufficiali nei confronti della Russia é prevalentemente sgarbata, di natura essenzialmente ostile – prosegue il diplomatico – e dal febbraio 2022 sono già stati approvati 8 pacchetti di aiuti militari all’Ucraina, comprendenti un’ampia gamma di armi letali. Eccoli i “bravi” italiani” esclama Paramonov, che cita anche “prove concrete di tale “assistenza”.

Secondo fonti non classificate, sostiene “il 31 gennaio di quest’anno un aereo da ricognizione radiotecnica dell’Aeronautica Militare Italiana Gulfstream G550CAEW si sarebbe trovavato nell’area della penisola di Crimea. Che ci faceva li’? Gli esperti locali non escludono che fosse coinvolto nella raccolta di informazioni di intelligence sulle truppe delle Forze Armate russe in Crimea e nel loro trasferimento alle Forze Armate Ucraine per coordinare gli attacchi su obiettivi della penisola. Ogni commento, come si suol dire, é superfluo” chiosa l’Ambasciatore.

La Russia attacca l’Italia: Roma é quasi in guerra con Mosca
Paramonov e la sede dell’Ambasciara russa a Roma

Seguono altre considerazioni sul recente vertice Italia Africa, a difesa degli interventi neocolonialistici russi nel continente e che invece insinuano l’urgenza italiana di reperire risorse energetiche per compensare la rinuncia alle forniture russe.

Perché, continua il diplomatico di Mosca:” le conseguenze più eloquenti del rifiuto delle esportazioni russe si manifestano nell’ambito dell’approvvigionamento energetico dell’Italia, costringendo Roma a riorientarsi verso altri fornitori, il che comporta costi economici significativi e la necessità di costruire rigassificatori, pericolosi per l’ambiente, per il più costoso GNL proveniente dagli Stati Uniti, la cui quota sul totale delle importazioni é già cresciuta fino a quasi l’8-9 per cento.”La Russia attacca l’Italia: Roma é quasi in guerra con Mosca

Esaurito il capitolo delle insinuazioni, Paramonov conclude l’intervista alla Tass con la mezza lacrima di coccodrillo sul viso alludendo alle entrate perdute dall’Italia per l’azzeramento del flusso turistico di massa dalla Russia “completamente scomparso a causa delle sanzioni, in particolare a seguito della cancellazione dei voli diretti tra i nostri Paesi e delle restrizioni all’utilizzo all’estero delle carte bancarie emesse in Russia. I diplomatici russi in Italia sentono spesso gli operatori del settore parlare di nostalgia per i turisti russi e di rammarico per il fatto che oggi per lo più sono stati sostituiti, ahimé, da arroganti e tirchi anglosassoni”, sostiene.

In attesa delle sdegnate reazioni della Farnesina e del Governo, che respingeranno al mittente le minacce e l’inammissibile intromissione russa nella politica interna dell’Italia, gli esperti di strategie politico militari evidenziano come l’intervista  scaturisca dalla preoccupazione di Mosca che con il G7 di giugno l’Italia rafforzi il suo ruolo internazionale di coordinamento del quartier generale antirusso e della politica occidentale anti Putin.La Russia attacca l’Italia: Roma é quasi in guerra con Mosca

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3433 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3433 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS