HomeCuore & BatticuoreLatitudine Palermo: stigghiola salvavita

Latitudine Palermo: stigghiola salvavita

Cuore & Batticuore
Rubrica settimanale di posta storie di vita e vicende vissute

Le riflessioni di Mirella: attenzione a chi evitare

by Aldo Sarullo

L’annuncio arriva da lontano, più efficace di una insegna luminosa: il fumo.  E parte l’esame di coscienza.

Ma che ora é? Quant’era l’ultimo colesterolo? Mi fermo?

Latitudine Palermo: stigghiola salvavita
Le stigghiole: involtini arrostiti di budella d’agnello, uno dei più popolari piatti fast food di Palermo

Il quinto peccato capitale è la gola e Palermo capitale é. Ecco come e perché la seduzione annunciata dalle budella di agnello alla brace  entra in competizione con quella di un’altra poesia:

“Un bel dì, vedremo

Levarsi un fil di fumo

Sull’estremo confin del mare

E poi la nave appare”.

Mestieri diversi quello di Giacomo Puccini e la sua Butterfly e quello di don Paluzzu ‘u stigghiularu, ma entrambi poeti e seduttori.

Latitudine Palermo: stigghiola salvavita
Palermo

Il fil di fumo palermitano é l’annuncio di un baracchino con una griglia a carbone. E il suo scenario é sempre uguale: una fila di automobili parcheggiate e in poche di esse una donna pudica e prudente che attende il piattino di plastica con la pietanza bella calda, un gruppo di uomini vicino alla griglia, ma tutti a favore di vento e quindi esenti dal fumo odoroso e incolloso.

Uomini  che, ormai a fine giornata, hanno le  tute segnate dal lavoro o, per lo più, sono iscritti nella Palermo popolana. Molti di essi sono clandestini gastronomici, cioè non racconteranno a casa di avere già peccato di gola e fingeranno interesse per la cena serale.  Altri, più coraggiosi, oggi diremmo patriarcali, ceneranno ugualmente, ma spitittati, con poca voglia.Latitudine Palermo: stigghiola salvavita

Infine, un genio. L’ho conosciuto qualche giorno addietro.  Attendevo il mio turno, quando si fece avanti un uomo, sorpassò il gruppo in attesa, si introdusse tra il banco di vendita e la griglia e iniziò a rigirarsi come uno spiedo stando vicinissimo alla brace.  E il fumo possente che rendeva filigrana umana quell’uomo avvolgendolo senza scampo, indusse lo stigghiularo protettivo a richiamarlo: “Ma accussì vossia…  u’ fetu… la puzza“.

Insomma, perché quella scelta autolesionista di ammantarsi di odore plebeo? E il genio: “Manciavu ‘nna me zita (ho cenato dalla mia amante) e ora pozzu diri a me mugghieri  ca mi manciavu i stigghiola “. Un genio!

Latitudine Palermo: stigghiola salvavita
Aldo Sarullo

maggiemusic@gmail.comMetafora della palermitanitudine, ineffabile rappresentazione dell’essenza esistenziale della Capitale dell’Isola, storico baricentro culturale e artistico fra Europa,  Regno delle due Sicilie e Mediterraneo, la trasfigurazione dell’arte della sopravvivenza coniugale, narrata con raffinata maestria da Aldo Sarullo, cristallizza le due realtà popolari che si sovrappongono a Palermo fin dai tempi dei fenici, dei bizantini degli arabi e dei normanni: l’economia del vicolo e la genialità dialettica. Peculiarità delle quali si fa interprete un’artista poliedrico e vulcanico come Aldo Sarullo: regista, scrittore, editorialista ma, soprattutto, geniale venditore di pensieri, dal titolo di uno dei suoi tanti libri di successo. Il più recente dei quali si intitola non a caso “Latitudine Palermitana”.

Facebook Comments
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3446 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3446 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
30 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
11 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
8 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS