Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti

0
1076
Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti
Condividi

Inghiottiti dalla sabbie mobili del voto. I palazzi della politica assistono con un pizzico di cinismo  alla muta processione dei grandi esclusi che dicono addio al Parlamento.

Tra i novelli ex deputati e senatori figurano Luigi Di Maio (battuto dal candidato pentastellato…), Emma Bonino, il mitico fondatore della Lega Umberto Bossi, Vittorio Sgarbi, Emanuele Fiano (battuto nettamente da Isabella Rauti a Milano), e gli ex grillini di Governo Vincenzo Spadafora , Lucia Azzolina e Laura Castelli. A meno di un recupero potrebbe restare fuori dalla Camere anche l’ex ministro dell’economia Giulio Tremonti sconfitto a Milano da Benedetto Della Vedova.Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti

Pronta invece nell’eterna Roma del potere, la ribalta istituzionale e parlamentare per i vincitori. Lo slancio del consenso politico di Giorgia Meloni, prima ancora che elettoralmente, supera anche l’interrogativo di Pier Paolo Pasolini che filosofeggiava chiedendosi “Qual è la vera vittoria: quella che fa battere le mani o battere i cuori?”

Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti
Giorgia Meloni

L’applauso all’impresa da tutti definita storica della Presidente di Fratelli d’Italia riassume l’emozione culturale della destra conservatrice e dei moderati, ed insieme il disagio protestatario di quella parte profonda del Paese penalizzata, se non addirittura tagliata fuori dallo sviluppo economico, dal welfare e dalla sostanziale parità d’accesso all’istruzione, alla sanità, ai trasporti. L’Italia delle periferie marginalizzate e della provincia dimenticata che finiscono sotto gli impietosi riflettori dei media soltanto per la cronaca nera o per i disastri ambientali e metereologici. L’ altra faccia insomma degli oltre 35% di elettori che non sono andati a votare.

Lo spartiacque del the day after del 25 settembre è rappresentato dal fiume di parole dei perdenti e dalla sobrietà dei vincitori. “La complessa situazione del Paese richiede la collaborazione di tutti” si limita a dichiarare Giorgia Meloni, sospinta dal voto già alla soglia di Palazzo Chigi. “Tutti ci davano in picchiata e la rimonta è stata significativa: siamo la terza forza politica e quindi abbiamo una grande responsabilità” ha affermato il leader dei 5 Stelle promosso sul campo, Giuseppe Conte.

Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti
Giuseppe Conte

Autoanalisi della sconfitta differenziata invece per Enrico Letta e per Matteo Salvini. Per il segretario Pd ” E’ un giorno triste per l’Italia” ha affermato prima di accusare i 5 Stelle di “tradimento dell’alleanza” e di aver provocato con il ritiro della fiducia a Draghi la caduta del governo che ha spalancato le porte alla destra populista. Poi l’annuncio che non si ripresenterà candidato alla segreteria nel prossimo imminente congresso del Partito democratico: “serve un Congresso di profonda riflessione sul concetto di un nuovo Pd che sia all’altezza di questa sfida epocale di fronte a una destra che più destra non c’è mai stata”. Un passo indietro che fa  capire quanto il Nazareno sia in fibrillazione per individuare un nuovo leader.

Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti
Enrico Letta Matteo Salvini

Nessun passo di lato invece per Matteo Salvini: ” Fondamentale una fase di riorganizzazione della Lega, puntando su sindaci e amministratori” dice. Dimissioni?  “Non ho mai avuto così tanta determinazione e voglia di lavorare”. Così il leader della Lega, in conferenza stampa in via Bellerio a Milano, ha replicato ad una domanda sulla richiesta di dimissioni arrivata a caldo dal deputato Paolo Grimoldi. “Il mio mandato – ha aggiunto – è in mano ai militanti, non in mano a due ex consiglieri regionali e un ex deputato. Non è un’autoassoluzione, mi prendo io tutte le responsabilità, mi faccio carico degli errori. Il mio destino è in mano al partito. Tutti sono utili e nessuno é indispensabile”, ha concluso.Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti

Nel crogiuolo ancora incandescente dei collegi , di chi viene confermato  o dice addio al Parlamento,  i retroscena sono molteplici.
La mappa dei collegi uninominali che sta emergendo dal voto di domenica  evidenzia un bilancio netto: 60 collegi su 74 al centrodestra al Senato, e  122 su 147 alla Camera. In totale, stando ai calcoli ufficiosi sui riparti delle quote proporzionali, ciò determina che il centrodestra conquista 235 seggi su 400 alla Camera e 115 su 200 al Senato. Seguono: Centrosinistra 79 seggi a Montecitorio e 41 a Palazzo Madama, M5S con 51 deputati e 28 senatori, Azione/Italia Viva con 21 eletti alla Camera e 9 al Senato e poi Sudtiroler Volkspartei con 3 deputati e 2 senatori. Fra i big spicca il successo della first lady di Forza Italia, Marta Fascina nel collegio uninominale di Marsala, ma anche la mancata elezione di Matteo Salvini capolista al Senato in Calabria. Rientra a vele spiegate in Parlamento invece Silvio Berlusconi che ha vinto il collegio uninominale a Monza. Eletti o riconfermati tutti i vertici del Centrodestra a cominciare dalla Presidente uscente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti
Elisabetta Alberti Casellati

Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti
Pierferdinando Casini

Nel centro sinistra spiccano le conferme e l”elezione di Casini  e di Ilaria Cucchi. Per i Movimento 5 Stelle entrano in Parlamento gli ex magistrati Roberto Scarpinato e Federico Cafiero de Raho. Riconfermata a pieni volti la capogruppo al Senato Maria Castellone.

Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti
Maria Castellone

Per i duelli diretti, in Sicilia  la riconfermata Stefania Craxi,  Presidente uscente della commissione esteri del Senato, vince la ‘disfida’ dei Craxi prevalendo sul fratello Bobo, candidato a Palermo dal Pd e  che non è stato eletto. Dalla guerra delle due rose a quella molto più modesta dei più popolari garofani…

Meloni: radiografia del successo e i tanti addii eccellenti
Bobo e Stefania Craxi
Facebook Comments
Condividi