Mobilitazione nazionale per fermare il coronavirus

0
160
Mobilitazione nazionale per fermare il coronavirus
Condividi

Mobilitazione nazionale per fronteggiare l’emergenza coronavirus: “non ci sarà più zona rossa, ma l’intera Italia zona protetta” annuncia il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che in una conferenza stampa a Palazzo Chigi ha reso note le nuove misure per arginare l’espansione del coronavirus. I provvedimenti riguardano l’intero territorio nazionale.Mobilitazione nazionale per fermare il coronavirus

Una mobilitazione nazionale che rappresenta una delle ore più buie dell’Italia, una situazione difficile e delicata dalla quale il Paese può tuttavia uscire a testa alta e riprendersi.

“I numeri parlano di crescita importante dei contagi” scandisce il Premier –  “dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia” sottolinea Conte, che ribadisce:  “i numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante delle persone in terapia intensiva e purtroppo delle persone decedute. Le nostre abitudini vanno cambiate ora: dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia. Lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci adatteremo a queste norme più stringenti” .

Mobilitazione nazionale per fermare il coronavirus
Il Premier Giuseppe Conte

A far rispettare le restrizioni saranno le forze di sicurezza autorizzate a chieder conto ai cittadini dei loro spostamenti.

Fino a tre mesi di arresto o l’ammenda fino 206 euro, questa la sanzione per chi viola le limitazioni agli spostamenti di fronte all’emergenza coronavirus. Mobilitazione nazionale per fermare il coronavirus

Ecco il dettaglio delle disposizioni :

  • Scuole

restano chiuse fino al 3 aprile. Niente viaggi di istruzione

  • Congressi, convegni, musei, teatri cinema, discoteche

Sono sospesi i congressi, le riunioni, i meeting e gli eventi sociali, che coinvolgono personale sanitario o personale incaricato dello svolgimento di servizi pubblici essenziali o di pubblica utilità; è altresì differita a data successiva al termine di efficacia del presente decreto ogni altra attività convegnistica o congressuale; sono sospese le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura, ivi inclusi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, con applicazione di specifiche sanzioni in caso di mancato rispetto. I musei e gli altri istituti e luoghi della cultura sono aperti al pubblico a condizione che siano assicurate modalità di fruizione contingentata o comunque tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali che i visitatori possano rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, le richiamate strutture dovranno essere chiuse.

  • Bar e ristoranti

Aperti dalle 6 alle 18, ma solo se possono garantire la distanza di un metro. Prevista come sanzione la chiusura.

  • Sport 

Sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato

  • Viaggi

Si raccomanda di limitare la mobilità al di fuori dei propri luoghi di dimora abituale ai casi strettamente necessari. Divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus.

  • Sospesi matrimoni e funerali

Sono sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri L’apertura dei luoghi di culto “è condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro.Mobilitazione nazionale per fermare il coronavirus

Sul fronte sanitario, il bilancio del 9 marzo ha evidenziato che il coronavirus ha provocato una nuova impennata di decessi, che hanno raggiunto quota 463, con un picco di 97 vittime  fra domenica sera e lunedì.

Aumentano progressivamente anche i guariti, per un totale di 724. Le persone positive sono passate a 7985, il 10% delle quali è in terapia intensiva o sub intensiva e circa 3000 sono in isolamento domiciliare.Coronavirus 9 marzo aggiornamento contagi e vittime

Questo l’ultimo quadro completo e aggiornato  della situazione complessiva secondi i dati forniti dalla Protezione Civile e dal Ministero della SaluteCoronavirus 9 marzo aggiornamento contagi e vittime

Fonti: Protezione Civile Ministero Salute Agi Adnkronos

Facebook Comments
Condividi