HomeRisvoltiMonaco e il ruolo decisivo di Biden Putin e Xi Jinping

Monaco e il ruolo decisivo di Biden Putin e Xi Jinping

In attesa di conoscere le intenzioni del grande invasore, del principale difensore e del più rilevante spettatore, lo sgomento per la tragedia di ucraini e russi, l’angoscia che la guerra divampi in Europa e nel mondo, ma anche le sempre più concrete prospettive di sconfiggere Putin, attraversano i commenti degli oltre cento leader internazionali che partecipano a Monaco alla Conferenza sulla sicurezza, in vista del primo anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina.

Monaco e il ruolo decisivo di Biden Putin e Xi Jinping
Xi Jinping, Joe Biden e Vladimir Putin

Biden, Putin e Xi Jinping con i loro interventi annunciati all’inizio della settimana entrante, tre discorsi cruciali fra democrazia e dittatura, guerra e miraggi di pace, proiettano il forum bavarese in una dimensione d’attesa, sospesa fra il timore per l’eventuale ultimatum e le nuove sfide che potrebbe lanciare il Cremlino, l’immediata risposta americana e le speranze per la mediazione cinese.

“Sappiamo tutti quello che è successo. Vladimir Putin ha operato una frattura nella civilizzazione invadendo un paese libero e indipendente” ha denunciato il Presidente della Conferenza, Christof Heusgen. “Quella in corso” – ha aggiunto – “non è una battaglia fra est e ovest, fra Russia e Nato, ma è una battaglia fra lo stato di diritto e la prepotenza dei più forti. Una battaglia che preoccupa tutto il mondo”. Monaco e il ruolo decisivo di Biden Putin e Xi Jinping

Dopo un anno di distruzioni e di massacri il bilancio di questo conflitto catastrofico è molto difficile, ha ribadito il Presidente francese Macron che ha aggiunto: “Non dobbiamo lasciare vincere la Russia che é la sola responsabile di questa guerra”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky va immediatamente al punto:” L’ occidente faccia di tutto per garantire il collasso dell’aggressione russa già quest’anno”.

Dietro le quinte della conferenza l’attenzione è concentrata sull’esito dell’ennesima offensiva scatenata dall’armata russa. Mosca  sta affrontando enormi difficoltà nel mettere in piedi attacchi su attacchi in occasione del primo anniversario dell’invasione afferma l’Intelligence Nato.Monaco e il ruolo decisivo di Biden Putin e Xi Jinping

A Bakhmut gli ucraini sono sotto pressione, ma i russi stanno pagando con perdite astronomiche in termini di vite umane, al ritmo di  2000 soldati morti solo lo scorso weekend, per avanzare di pochi metri.

L’offensiva poi non si sta sviluppando lungo tutto il fronte, ma su piccoli punti di pressione. Le truppe russe sono male equipaggiate e mal addestrate e al momento – rileva l’intelligence dell’alleanza atlantica – gli ucraini sembrano avere la situazione sotto controllo. Sulle perdite subite da Mosca c’é la conferma dei servizi di sicurezza britannici. Secondo i bilanci degli ultimi rapporti dell’intelligence inglese, finora i militari russi che hanno perso la vita  sono fra 40 e 60mila. Le stime arrivano a  175-200mila vittime dall’inizio dell’invasione se si contano anche i feriti.Monaco e il ruolo decisivo di Biden Putin e Xi Jinping

Nel report britannico si legge che il numero delle vittime tra le truppe russe é aumentato in modo significativo da settembre, da quando il presidente russo Vladimir Putin ha imposto la cosiddetta mobilitazione parziale. Per gli standard queste cifre rappresentano un’alta percentuale di persone uccise rispetto ai feriti: ciò è dovuto a un’assistenza medica estremamente rudimentale, viene specificato nei dossier informativi inglesi.Monaco e il ruolo decisivo di Biden Putin e Xi Jinping

Sulla scia della guerra scatenata contro Kiev, Stati Uniti, Inghilterra, la Nato e l’Europa stanno dando la caccia alle spie russe. E’ una storia in progress ancora non scritta. Una guerra di ombre decisiva per il fallimento dell’invasione russa.

Nonostante la scoperta e l’arresto di Carsten Linke, un funzionario dell’intelligence tedesca che passava ai russi i segreti sui missili Himars, i micidiali lanciarazzi a lunga gittata americani che hanno capovolto l’esito del conflitto, e l’espulsione di massa di oltre 400 agenti segreti moscoviti mimetizzati da diplomatici, americani e europei avvertono che la Russia conserva capacità significative, anche se le sue agenzie di spionaggio hanno subito danni maggiori nell’ultimo anno rispetto a tutti i precedenti 22 dalla fine della Guerra Fredda. Tanto che Usa ed occidente hanno potuto avviare senza ritardi o sabotaggi, ed hanno tuttora in pieno svolgimento, la più ingente consegna di armi mai vista all’Ucraina.

Monaco e il ruolo decisivo di Biden Putin e Xi Jinping
Antti Pelttari

“Il mondo é abbastanza diverso per i servizi russi ora”, ha affermato a margine della conferenza di Monaco Antti Pelttari, direttore del servizio di intelligence estero della Finlandia. “A causa delle espulsioni, dei successivi arresti e di un ambiente più ostile in Europa, ha aggiunto “la loro capacità è stata notevolmente ridotta”.

La Russia ha cercato di compensare la  perdita di presa dell’intelligence affidandosi maggiormente al cyberspionaggio ed ha anche cercato di sfruttare i valichi di frontiera e i flussi di rifugiati per infiltrare nuove spie e ricostituire i suoi ranghi.

Monaco e il ruolo decisivo di Biden Putin e Xi Jinping
Sholz

Come per i combattimenti al fronte anche la guerra sotterranea non è destinata a concludersi rapidamente. Ad affermarlo é il cancelliere tedesco Olaf Scholz.  “Io penso che sia saggio prepararsi per una lunga guerra”, ha dichiarato, rifiutando previsioni sulla conclusione del conflitto e sottolineando la necessità di sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario.

Alla vigilia di Monaco non era affatto scontato che il Cancelliere tedesco lo sottoscrivesse in maniera così incisiva e questo evidenzia il senso di fiducia e di speranza della conferenza  per la salvaguardia dell’Ucraina.

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3435 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3435 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
2 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS