HomeRassegna StampaMosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico

Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico

 

Pubblichiamo una sintesi del reportage analitico del Washington Post sull’evoluzione della situazione a Mosca e sui contraccolpi che sta provocando al Cremlino la controffensiva di Kiev contro l’armata russa d’invasioneMosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico

Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilicoRischi politici in aumento per Vladimir Putin mentre l’esercito ucraino inizia il suo tanto atteso assalto per rimuovere la Russia dal territorio che ha sequestrato illegalmente l’anno scorso, e con lo stesso presidente russo che riconosce il “potenziale offensivo” di Kiev.

C’è nervosismo tra l’élite russa per la potenza di fuoco delle armi occidentali dell’Ucraina, dicono gli addetti ai lavori. Una constatazione che sta alimentando i timori che il ponte costruito da Mosca attraverso il sud-est dell’Ucraina fino alla Crimea possa essere reciso, causando significative battute d’arresto militari e morali al Cremlino.

Inoltre, le lotte intestine tra i leader del campo di battaglia, gli attacchi di droni a Mosca e l’ondata di incursioni senza precedenti di gruppi paramilitari nelle regioni della Russia occidentale al confine con l’Ucraina stanno sollevando dubbi sul fatto che Putin possa controllare la situazione, secondo diversi membri dell’élite russa, che hanno parlato a condizione di anonimato per paura di rappresaglie.

Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico
Vertice al Cremlino fra Putin il Direttore del FSB Alexander Bortnikov e i Ministri della Difesa e degli Esteri, Sergej Šojgu e Sergej Lavrov

“Questa è una seria sfida per le autorità”, ha affermato un membro ben collegato dei circoli diplomatici russi. Segnali della crescente tensione sono emersi questo mese quando un influente membro del parlamento russo, Konstantin Zatulin — che è vicino ai vertici del Servizio di sicurezza federale, l’agenzia di intelligence russa — ha dichiarato in una conferenza sul futuro dell’Ucraina che la Russia aveva finora fallito in tutti i suoi obiettivi bellici e che alcuni di essi erano diventati “insensati”.

Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico
Konstantin Zatulin

“Quali erano gli obiettivi annunciati all’inizio dell’operazione militare speciale?”  ha chiesto Zatulin, usando il termine del Cremlino per la guerra. “Ricordate tutti: denazificazione, smilitarizzazione, neutralità per l’Ucraina e difesa dei residenti di Donetsk e Luhansk. Su quali di questi punti abbiamo raggiunto dei risultati oggi? Non uno.” Il portavoce di Zatulin non ha risposto alle richieste di ulteriori commenti.

“L’umore è molto cupo tra le élite”, ha detto Tatyana Stanovaya, fondatrice di R-Politik, una società di analisi politica. “Non capiscono quali siano i piani di Putin e dubitano che stia affrontando adeguatamente la situazione. Questo va avanti da molto tempo, ma la preoccupazione sta crescendo”.

Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico
Tatyana Stanovaya e Vladimir Putin

Un membro ben collegato dei circoli diplomatici russi che rimane in contatto con i funzionari del governo ha affermato che l’umore è diventato più cupo la scorsa settimana dopo che sono emerse proposte occidentali per accordi di sicurezza a lungo termine per l’Ucraina. Ciò fornirebbe a Kiev forniture di armi garantite per un periodo pluriennale come alternativa all’adesione immediata alla Nato.

“Questo determina la principale preoccupazione della leadership russa”, ha detto questa persona. “Se verranno fornite armi contemporanee e l’esercito ucraino sarà modernizzato, allora – anche senza un’adesione formale – l’Ucraina in questa forma può rappresentare una minaccia esistenziale per la Russia”. “Mi sembra che questo sia un ulteriore stimolo per la Russia a continuare l’operazione militare”, ha aggiunto.Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico

Putin sembrava contare sulla diminuzione della determinazione occidentale a sostenere l’Ucraina, in particolare con le elezioni presidenziali nel 2024 negli Stati Uniti, dove una minoranza di repubblicani si è opposta al mantenimento di alti livelli di assistenza all’Ucraina.

A Mosca, questo presupposto si sta erodendo, dicono gli addetti ai lavori. Sono emersi “segnali modesti” che la Russia potrebbe essere disposta a scendere a compromessi, ha affermato l’esponente degli ambienti diplomatici russi.

Margarita Simonyan, il capo solitamente falco di RT, il canale televisivo di propaganda statale russo, questo mese ha chiesto che il conflitto venga congelato nelle attuali linee del fronte con referendum da tenersi nei territori sequestrati sul fatto che i residenti vogliano far parte di Russia o Ucraina. Altrimenti, ha avvertito, l’Ucraina avrebbe sicuramente usato le armi a lungo raggio che riceveva dagli alleati occidentali per colpire il territorio russo. “Questa è già una certa revisione della posizione russa ufficiale”, sottolineano i circoli diplomatici russi.

Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico
Margarita Simonyan

Ma altri avvertono che le parole di Simonyan rappresentano nient’altro che un nuovo stratagemma propagandistico del Cremlino perché ogni tentativo di congelare il conflitto sulle linee attuali era solo finalizzato a dare più tempo all’esercito russo per riarmarsi e attaccare nuovamente.

“Tutti al Cremlino comprendono il pericolo della controffensiva ucraina”, ha detto Stanovaya. “Congelare la situazione è molto conveniente, poiché questo è esattamente ciò che darà a Putin il tempo di cui ha bisogno perché l’Ucraina e l’Occidente perdano il loro zelo militare e la loro unità”.

Anche se le regioni di confine russe come Belgorod sono state oggetto di bombardamenti e attacchi di droni intensificati negli ultimi giorni, il Cremlino ha cercato di minimizzare l’impatto delle incursioni e ha ridotto al minimo qualsiasi copertura degli attacchi alla televisione di stato. Tuttavia, il risentimento sta ribollendo.

 “Quanto durerà tutto questo!!! Prima le zone di confine… ora la periferia di Belgorod”, ha detto un residente della zona nei commenti online. “Abbiamo sostenuto l’operazione militare speciale perché credevamo che avrebbe allontanato questi spiriti maligni dai nostri confini, ma è successo l’esatto contrario”.

Un altro residente ha chiesto: “Cosa ne pensa Putin? Cosa decide?

Gli attacchi di droni a Mosca contro complessi residenziali di lusso che ospitano membri dell’élite russa stanno iniziando a “colpire le persone molto seriamente psicologicamente”, ha detto un uomo d’affari russo, soprattutto perché nella capitale, la guerra fino a poco tempo fa sembrava spesso nient’altro che un rumore di fondo.

L’ondata di attacchi potrebbe rafforzare la posizione dei falchi che chiedono la legge marziale e la chiusura dei confini della Russia, e aumentare i litigi tra coloro che cercano di assicurarsi posizioni e ricchezze, ha affermato.

Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico
Yevgeniy Prigozhin

Le invettive pubbliche di Yevgeniy Prigozhin, capo del gruppo mercenario Wagner e stretto alleato di Putin, contro la leadership dell’esercito russo per i fallimenti della guerra servono a “sfogarsi” e avvengono con il permesso di Putin perché le critiche vengono incanalate attraverso qualcuno che presenta se stesso come un patriota, ha detto Stanovaya. Ma “a un certo punto”, ha detto Sergei Markov, un consulente politico legato al Cremlino, le lotte intestine tra le fazioni dell’élite attorno a Putin “potrebbero sfuggire al controllo”.

Il Cremlino sta cercando di minimizzare gli attacchi transfrontalieri perché è consapevole che probabilmente non sono altro che un tentativo di Kiev di distogliere le truppe russe dalla difesa delle posizioni in prima linea, ha detto Markov. La Russia si è invece concentrata sul tentativo di sconfiggere la controffensiva ucraina e poi sul cogliere l’opportunità offerta da un avversario indebolito per prendere più terra, ha detto.

La Russia spera che i mesi che ha avuto per prepararsi alla controffensiva dell’Ucraina assicurino le sue posizioni. Ha impiegato mesi a costruire posizioni difensive e campi minati, costringendo l’esercito ucraino ad avvicinarsi alla linea del fronte “in colonne”, che finora sono state facili da individuare e colpire con attacchi di artiglieria, ha detto Markov.

Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico
Sergei Markov

Ma dietro questa analisi c’è la preoccupazione per una potenziale ripetizione dei problemi che hanno portato alla caotica ritirata della Russia intorno a Kharkiv lo scorso autunno, quando la cattiva gestione e le comunicazioni inadeguate tra le unità hanno portato a “grossi problemi” e alla fatiscente determinazione russa.

Più a lungo va avanti la guerra, più il conflitto “si sta trasformando in una questione personale per i russi” e più diventa difficile contemplare un eventuale ritiro delle forze russe, non importa quanto grande sia la comprensione tra l’élite russa che il lancio dell’invasione è stato un grosso errore, ha detto un miliardario russo.

“Se il tuo parente muore, vuoi vendicare la sua morte. A nessuno importa chi l’ha iniziato “, ha detto. “Tutti capiscono che la guerra non ha raggiunto i suoi obiettivi. Ma questo non influenzerà l’andamento della guerra. È molto difficile fermarsi. … Tutto dipende dal risultato della controffensiva”.

Stanovaya è ampiamente d’accordo, ma ha detto che mentre Putin, per ora, è immunizzato dalla febbre della guerra e dalla ferma convinzione di gran parte dell’élite di Mosca che la Russia non può perdere perché ha armi nucleari, il corso del conflitto potrebbe ancora avere conseguenze impreviste per il posizione del presidente.

“Se la Russia perde il corridoio verso la Crimea, sarà un duro colpo”, ha detto. “Tutti capiscono quanto sia importante per Putin, e significherà che Putin ancora una volta non ha calcolato correttamente la situazione e ancora una volta non ha gestito la situazione.  Significherà un fallimento molto grave”.Mosca effetto controffensiva: Putin sempre più in bilico

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3496 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3496 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS