Nomine: Macron sostituisce i vertici dell’intelligence francese

0
999
Nomine Macron sostituisce i vertici dell’intelligence francesi
Condividi

Francia: nomine di nuovi 007 per fronteggiare il terrorismo Nomine Macron sostituisce i vertici dell’intelligence franceseL’ antiterrorisme d’abord, prima di tutto l’antiterrorismo e la sicurezza. A poco più di un mese dall’insediamento all’Eliseo il Presidente  Francese Emmanuel Macron ha cambiato tutti i vertici dei servizi di sicurezza.

Il cambio della guardia era atteso ma si prevedevano scelte interne ai servizi cioè dei militari,  Macron ha invece nominato  solo dei diplomatici e dei Prefetti della Repubblica al vertice del Coordinamento nazionale antiterrorismo, dello DGSE, il servizio informazioni per l’estero e dello  DGSI, la Direction générale de la Sécurité intérieure. Nomine Macron sostituisce i vertici dell’intelligence francese

Probabilmente avranno pesato le valutazioni circa l’efficienza di apparati che hanno dato comunque l’impressione di essere stati presi in contropiede dagli attentati più eclatanti compiuti finora in Europa, Charlie Hebdo, Bataclan, Nizza fino agli ultimi attacchi contro la polizia a Parigi, portati a termine da terroristi islamici schedati con la specifica fiche S  dei servizi, ma non controllati.Nomine Macron sostituisce i vertici dell’intelligence francese

Il ruolo centrale delle nuove nomine  è quello del Coordinatore Nazionale per l’Intelligence  che fa riferimento direttamente al Presidente, mette in correlazione i servizi, raccoglie i dati e le analisi dei satelliti spia francesi e stila ogni giorno una relazione, only eyes the President,  riservata solo agli occhi del Presidente, come avviene negli Stati Uniti per Cia e Nsa.

Questi i nuovi vertici dei servizi francesi:

  • Coordinatore Nazionale dell’ Intelligence e dell’antiterrorismo: Pierre de Bousquet de Florian
  • Direttore generale del servizio di sicurezza interno: Laurent Nunez
  •  Direttore Generale del Servizio di sicurezza per l’estero : Bernard Emié  

Ma ce n’et qu’un dèbut, non è che l’inizio dicono a Parigi, perché la fine dell’incubo del fontamentalismo islamico è in cima alle preoccupazioni di Macron.

Il tempo di valutare l’insieme della complessa situazione dell’intelligence francese, il cui assetto risale al 2013,  e il settore sarà interamente razionalizzato, in particolare in direzione di una più stretta interconnessione con  l’intelligence europea, italiana, tedesca, spagnola, belga e olandese in primis.

Un’ intelligence europea  in bilico fra Brexit, Nato e le nebbie di Washington.Nomine Macron sostituisce i vertici dell’intelligence francese

Facebook Comments
Condividi