HomeRassegna StampaParigi: il villaggio dei vicini che salva dalla disperazione delle città

Parigi: il villaggio dei vicini che salva dalla disperazione delle città

Ingovernabili e invivibili le megalopoli riscoprono il valore umano, culturale ed economico delle comunità dei villaggi urbani. Un fenomeno da prendere ad esempio e seguire perché ricompone il tessuto sociale e assistenziale di metropoli spersonalizzanti nelle quali giovani e anziani vivono spesso in condizioni di disperata solitudine. Pubblichiamo la sintesi del reportage del New York Times dedicato alla progressiva crescita dei rapporti sociali di prossimità urbana, i vicini di casa, che si sta sviluppando soprattutto a Parigi e si sta espandendo in varie città di tutto il mondo.Parigi: il villaggio dei vicini che salva dalla disperazione delle città

Parigi: il villaggio dei vicini che salva dalla disperazione delle città

Mentre il cielo cominciava a tingersi di giallo limone una sera del mese scorso, circa 50 parigini hanno marciato lungo Rue de l’Aude, nel sud della città, e si sono riuniti in un loft pieno di sedie.

Alcuni dei partecipanti erano già amici intimi o conoscenti; alcuni si erano visti casualmente per strada. Per altri era la prima volta che si incontravano. Eppure tutti avevano soddisfatto il requisito d’ingresso: portare il formaggio.

“Ho preso una ruota di Époisses perché mia moglie è originaria di quella regione”, ha detto un partecipante, Benjamin Dard, riferendosi a una varietà di latte vaccino notoriamente pungente e untuosa della Borgogna.

“Tutti hanno comprato qualcos’altro che li riguardava, in un certo senso rendendo omaggio alla diversità della Francia”, ha detto Dard. Citando un ex Presidente francese, ha aggiunto: “È come se de Gaulle dicesse: “Come si può governare un paese dove ci sono 300 tipi diversi di formaggio?”Parigi: il villaggio dei vicini che salva dalla disperazione delle città

L’incontro, noto come Talking Cheese – che combina un ricco buffet di latticini con discorsi di residenti locali sui loro argomenti di competenza – fa parte di una vertiginosa galassia di attività gestite dalla cosiddetta Repubblica dei Super Vicini, un’iniziativa di base il cui territorio si estende su circa 50 strade nel 14° arrondissement, un quartiere prevalentemente residenziale sulla riva sinistra della Senna.

Più di 1.200 di questi cosiddetti Super Vicini comunicano tramite gruppi WhatsApp dedicati a domande come trovare una cat sitter o cercare aiuto per riparare elettrodomestici rotti.

Organizzano brunch settimanali, drink post-lavoro e riunioni comunitarie in cui i residenti più anziani condividono ricordi con le generazioni più giovani. Con grande clamore, il gruppo ospita anche un banchetto annuale – La Table d’Aude – per i residenti su un tavolo lungo 400 metri, che corre al centro di una strada.

Avviato nel 2017, l’esperimento iperlocale nasce da un’idea di Patrick Bernard, residente locale ed ex giornalista, il quale sostiene che il funzionamento delle città può essere radicalmente migliorato se la politica urbana si concentra sull’“entità più locale di una città”.

“La strategia urbana deve concentrarsi su questi microquartieri, o villaggi di tre minuti, come mi piace chiamarli”, ha affermato Bernard, il quale stima che Parigi potrebbe ospitare 150 di questi villaggi urbani in base alla sua popolazione e alla sua geografia.

“La convivialità è una ricchezza che dorme. Quando risvegliamo il senso del luogo e della comunità, i cittadini e il tessuto urbano si trasformano”.

Il progetto parigino, il cui motto è trasformare i vicini che interagiscono cinque volte al giorno in quelli che lo fanno 50 volte al giorno, è in prima linea in quello che secondo gli urbanisti è un movimento in rapida espansione per recuperare le città da zero e rimodellare le aree urbane. vivere attraverso un prisma iperlocale di stretta interazione, sostegno reciproco e senso di vicinato.

I nostri quartieri più immediati, sostengono i sostenitori, sono le piattaforme più efficaci attraverso le quali le persone possono creare resilienza e potenzialmente mitigare il numero crescente di crisi che le popolazioni urbane devono affrontare, tra cui la solitudine, l’insicurezza alimentare, il caldo estremo e i disordini sociali legati alla disuguaglianza – come testimoniato le rivolte che hanno scosso Parigi e altre città francesi quest’estate . In altre parole, dicono, le città del futuro devono essere città fatte di villaggi, spazi pubblici e quartieri.Parigi: il villaggio dei vicini che salva dalla disperazione delle città

A Parigi, dove i residenti delle minoranze spesso affermano di essere spinti ai margini, socialmente e geograficamente, Bernard ha affermato che il suo intento è quello di non lasciare nessuno fuori. Ci sono membri neri, musulmani e dell’Asia orientale dei Super Neighbours. La partecipazione è gratuita. In passato, i vicini si riunivano per pagare l’affitto di un rifugiato del Mali che partecipava ai loro incontri.

“La comunità deve essere al centro dello sviluppo urbano”, ha affermato Ramon Marrades, direttore di Placemaking Europe , una rete di organizzazioni europee che mirano a rivitalizzare gli spazi pubblici. “Una politica adeguatamente inclusiva consente ai residenti di essere attori nella comunità, di avere un senso di ancoraggio e di investire emotivamente”.

Si è parlato molto della città dei 15 minuti, un concetto di progettazione urbana estremamente popolare incentrato sul fornire ai residenti tutti i loro bisogni fondamentali in 15 minuti a piedi o in bicicletta. Ma la sfida sta nel come implementare localmente questa grande visione. Mentre la città a 15 minuti fornisce infrastrutture fisiche critiche, la città a tre minuti si occupa di modellarla in base alle esigenze e alle caratteristiche della comunità.Parigi: il villaggio dei vicini che salva dalla disperazione delle città

“Dobbiamo sviluppare un processo per collegare le tipologie di città”, ha affermato Marrades, che é sta avviando una collaborazione biennale con 15 città europee tra cui Helsinki, Finlandia, e Cork, Irlanda, per incorporare l’iperlocalità e comunità.

Molte città in tutto il mondo si stanno ispirando a questo tema dell’iperlocalità. Barcellona sta creando 503 Superblocchi – microquartieri di 400 x 400 metri incentrati su progetti comunitari, spazi verdi e mobilità – in tutta la città.

In tutta la Svezia, un piano per le città di un minuto mira a rendere tutte le strade “sane, sostenibili e vivaci” entro il 2030, implementando cose come l’ arredo urbano mobile .

Nelle fasi pilota, ciò ha portato le persone nelle città, inclusa Stoccolma, a trascorrere il 400% in più di tempo fuori casa.

Altre città, come Vancouver, costruita attorno a una rete tranviaria dal 1886, hanno già una tela ideale per promuovere il vicinato.

“L’iperlocale è la soluzione per la resilienza sociale”, ha affermato Scot Hein , professore all’Università della British Columbia ed ex urbanista del municipio di Vancouver. Hein immagina la città come composta da 120 “bacini comunitari”, aree che contengono ciascuna una scuola, alloggi misti e una zona commerciale per negozi e posti di lavoro.

I politici di tutto il mondo sostengono sempre più l’approccio iperlocale. A giugno, un habitat, che si concentra sullo sviluppo urbano sostenibile, ha avviato l’Osservatorio globale delle prossimità sostenibili per promuovere questo modello di pianificazione urbana, che descrive come “un fattore chiave in grado di promuovere il benessere umano e un’azione efficace per il clima”.

Tornando a Parigi, a giugno le autorità hanno votato un nuovo Piano urbanistico locale contenente una serie di misure volte a rafforzare i quartieri, facilitando l’apertura di attività commerciali locali, aggiungendo ulteriori limiti agli affitti per le vacanze a breve termine e vietando i “negozi oscuri”, chiusi hub di consegna per l’e-commerce che, secondo i critici, non forniscono vantaggi ai residenti locali. Il rapporto sulla strategia di resilienza della città dello scorso anno affermava che incoraggiare “i vicini a occupare e animare gli spazi pubblici” potrebbe aiutare a trasformare “le sfide del secolo in opportunità”.

“Parigi ha reso la prossimità la norma, anche se c’è un cambio di sindaco”, ha affermato Carlos Moreno, il professore con sede a Parigi dietro il concetto della città dei 15 minuti, che ha fornito consulenza a città diverse come Medellín, Colombia e Dakar, Senegal. “Ciò consentirà di rigenerarlo su tre livelli: ecologico, economico e sociale”.Parigi: il villaggio dei vicini che salva dalla disperazione delle città

L’evento Talking Cheese della Repubblica dei Super Vicini mette in luce il sorprendente patrimonio di conoscenze che si può trovare in un quartiere. Il signor Dard, un esperto di fact-checking e verifica che lavora per il canale televisivo francese TF1, ha parlato in un evento del fenomeno delle fake news, e in precedenza un vicino ha parlato del lavoro come magistrato in un tribunale penale. Presto un astrofisico parlerà dei buchi neri.

“È assolutamente meraviglioso qui”, ha detto il signor Dard, i cui vicini di recente si sono presi cura dei suoi gatti e hanno annaffiato le sue piante mentre era in vacanza. “L’atmosfera é unica.”

Marie-Bénédicte Loze, 37 anni, un’operatrice di beneficenza trasferitasi nella zona l’anno scorso, ha perso la borsa qualche mese fa, ma é stata restituita da un vicino completamente intatta. “La solidarietà in questo quartiere è bellissima”, ha detto. “Non è sempre così in una città.”

Ma il gruppo ha obiettivi più ambiziosi, tra cui salute, mobilità e clima. Incoraggiando i residenti a impegnarsi emotivamente e fisicamente negli spazi pubblici in cui vivono, sostiene Bernard, saranno meno propensi a gettare rifiuti o mozziconi di sigaretta, riducendo i costi di pulizia.

Parigi: il villaggio dei vicini che salva dalla disperazione delle città
Patrick Bernard

Collaborando con l’organizzazione no-profit Les Alchimistes , il gruppo ha installato diversi contenitori per il compost in tutto il quartiere.

Con il sostegno del Bilancio Partecipativo della città, che consente ai cittadini di votare sulla spesa comunale, la Repubblica dei Super Vicini ha già rivitalizzato una piazza pubblica dimenticata trasformandola in uno spazio vivace per eventi, e sta richiedendo finanziamenti per acquistare caricabatterie comuni per biciclette elettriche e una bici da carico elettrica per i residenti per il trasporto di merci a livello locale. In futuro, il gruppo spera di aprire un centro medico orientato alle esigenze locali.

Guardando più lontano, il gruppo sta esplorando i modi in cui la sua   visione di città scolpite a immagine e alimentate dai legami tra i loro abitanti possa essere replicata e ampliata. Ritiene che la risposta sia la creazione di ruoli formati e retribuiti – i cosiddetti Amici del vicinato – per coordinare ciascun distretto.

“Le persone hanno iniziato ad ascoltare”, ha detto Bernard. “Tutti vogliono che il loro quartiere sia come il nostro. Ora dobbiamo scoprire come rendere il nostro approccio più sistemico e adattarlo alle diverse sfide e contesti che ogni città del mondo ha”.Parigi: il villaggio dei vicini che salva dalla disperazione delle città

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3497 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3497 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS