HomePaginePedofilia male mai estirpato soprattutto nella Chiesa

Pedofilia male mai estirpato soprattutto nella Chiesa

PAGINE

Rubrica di critica recensioni anticipazioni

I cardini del pensiero Socrate Buddha Confucio Gesù

by Antonino Cangemi

Cominciamo dalla citazione: “In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.

E’ Gesù che parla e Matteo ne ricorda le chiare, inequivocabili parole – di amore e protezione dei bambini – nel vangelo da lui trascritto.

Poi il titolo, originale come pochi: L’avversione di Tonino per i ceci e i polacchi. Si parla di un romanzo che, come raramente è accaduto, tratta il tema sconvolgente, e per troppo tempo colpevolmente coperto da complici silenzi, della pedofilia nella Chiesa. A scriverlo é un giornalista sportivo al suo felicissimo esordio letterario, Giovanni Di Marco, a pubblicarlo l’editore indipendente Baldini + Castoldi. Pedofilia male mai estirpato soprattutto nella Chiesa

L’avversione di Tonino per i ceci e i polacchi é un romanzo coraggioso che, pur investendo un argomento scottante, sa essere coinvolgente e accattivante per i diversi registri narrativi che l’autore, muovendosi con dosato equilibrio estetico tra il dramma e la commedia, riesce sapientemente a padroneggiare.

Tanino è un bambino in età prescolare quando gli muore la madre. Durante la sua cerimonia funebre si apprende dell’attentato a Papa Wojtyla e il prete interrompe la celebrazione: il capo della chiesa polacco conta molto più della sua mamma da rubarle la ribalta nel momento – per lei esclusivo – del rito funerario; da qui l’avversione del piccolo per i suoi connazionali, alla quale s’aggiunge quella per i ceci le cui minestre vengono associate alle cene forzate del lutto.Pedofilia male mai estirpato soprattutto nella Chiesa

Si spiega così il titolo curioso del romanzo, che è un indizio del tono prevalente nelle sue pagine: un tono leggero – di una leggerezza calviniana, s’intende – che smorza la gravosità dei fatti al centro della narrazione senza sminuirne l’orrore e tacitarne la denuncia.

Nel seguire il percorso evolutivo di Tonino, Di Marco offre un affresco di costumi e modus vivendi in un piccolo centro di provincia siciliano negli anni Ottanta: la passione per il calcio – di cui il protagonista è patito -, la vita nei bar, centri di aggregazione. Certa mentalità gretta e ipocrita in cui si riflette la concezione peccaminosa del sesso e la subalternità delle donne, il peso del parroco nella comunità, autorità di spicco per la tonaca che indossa. E’ proprio il parroco una delle figure principali del romanzo: Padre Alfio, un tipo dai modi mielosi, sornione e subdolo che, facendogli credere di soffrire di un brutto male, soggioga Tonino convincendolo a compiere atti libidinosi per assecondare i suoi perversi piaceri. E, con il parroco, un ruolo di primo piano lo ha anche la figura che ne fa da contraltare: Tania, donna giovane e bella con un trascorso in Germania, schietta e ribelle, di mentalità aperta – troppo aperta per il paese da essere considerata una “buttana” – che, con amore materno, si prende cura di Tonino supplendo alle sue carenze affettive. Tania é un personaggio fondamentale nel romanzo anche perché suo fratello é un prete che vive in Germania vittima dei cattivi costumi della chiesa e le sue lettere – riferite ad alti prelati pedofili noti alle cronache – proiettano il romanzo in un piano parallelo alla narrazione fantastica: quello della denuncia di fatti realmente accaduti e di imbarazzanti complicità.

Come cresce un bambino vittima di abusi? Male, abbastanza male. La storia di Tonino, sebbene frutto di fantasia, é esemplare e assomiglia a quella reale di tante piccole creature dall’infanzia violata, oggetto di “attenzioni particolari”.

Un romanzo di formazione intenso ed emozionante, specie nelle pagine finali.  E’ auspicabile che L’avversione di Tonino per i ceci e i polacchi desti la doverosa attenzione negli ambienti ecclesiastici, affinché le parole del Vangelo risuonino in tutta la loro forza ammonitrice.Pedofilia male mai estirpato soprattutto nella Chiesa

 

 

Facebook Comments
Antonino Cangemi
Antonino Cangemi
Saggista e critico letterario
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3497 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3497 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS