Perquisito e sotto inchiesta: Trump sempre più nei guai

0
989
Da Trump a Putin a Gobetti tutte le crepe del populismo
Condividi

Pubblichiamo la sintesi del reportage del Washington Post sugli sviluppi delle inchieste avviate dal Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti nei confronti di Donald Trump. Un groviglio di indagini che convergono sulle molteplici violazioni penali e costituzionali che potrebbero essere addebitate all’ex PresidentePerquisito e sotto inchiesta Trump sempre più nei guai

Perquisito e sotto inchiesta Trump sempre più nei guaiLunedì agenti Fbi hanno perquisito la residenza privata dell’ex Presidente Donald Trump a Mar-A-Lago a Palm Beach, in Florida.

La perquisizione, autorizzata dal tribunale, era finalizzata ad accertare eventuali violazioni in relazione trattamento improprio di atti riservati e coperti da segreto. Violazioni che riguarderebbero il  Presidential Records Act, che impone per legge la consegna e la conservazione di promemoria, lettere, note, e-mail, fax e altre comunicazioni scritte relative ai doveri ufficiali del Presidente degli Stati Uniti.Perquisito e sotto inchiesta Trump sempre più nei guai

Secondo alcune fonti investigative gli agenti dell’Fbi, hanno perquisito una cassaforte della residenza di Trump nell’ambito di un’inchiesta avviata da tempo per verificare se i documenti – alcuni dei quali classificati come top secret – fossero stati portati nella sede del Golf Club privato che è anche la residenza dell’ex Presidente invece di essere inviati agli archivi nazionali quando Trump ha lasciato l’incarico.

Perquisire la proprietà di un ex presidente per cercare possibili prove di un crimine è molto insolito e richiede l’approvazione ai massimi livelli del Dipartimento di Giustizia. L’iniziativa investigativa rappresenta un momento storico nel tormentato rapporto di Trump con il Dipartimento di Giustizia, sia dentro che fuori dalla Casa Bianca.

Una portavoce del dipartimento ha rifiutato di commentare quando gli è stato chiesto se il procuratore generale Merrick Garland avesse approvato la ricerca. Anche l’FBI ha rifiutato di commentare.

Perquisito e sotto inchiesta Trump sempre più nei guai
Merrick Garland

In una lunga dichiarazione in cui ha equiparato la perquisizione al Watergate, Trump ha accusato l’FBI di aver “perfino” violato la sua cassaforte. Non ha fornito ulteriori dettagli su ciò che gli agenti federali stavano cercando o su cos’altro è successo durante la loro visita.

Trump ha affermato che il blitz “non annunciato” non era “necessario o appropriato”. L’ex presidente, senza prove, ha accusato i Democratici di armare contro di lui il “sistema giudiziario”.

Anche molti parlamentari repubblicani e candidati politici hanno reagito con dichiarazioni indignate definendo la perquisizione di Mar-a-Lago un attacco politico inteso a ostacolare le possibilità di Trump se si candidasse di nuovo alla Casa Bianca.

Il presidente dell’Associazione agenti dell’FBI, Brian O’Hare, ha diffuso una dichiarazione di ampia precisazione a tutela degli investigatori che effettuano perquisizioni approvate dal tribunale, senza commentare specificamente il caso Trump.

O’Hare ha affermato che i mandati di perquisizione sono emessi da giudici federali, “devono soddisfare regole procedurali dettagliate e chiare e sono il prodotto della collaborazione e della consultazione con gli avvocati del Dipartimento di giustizia competenti”.

Gli agenti dell’FBI, ha aggiunto, “svolgono i loro doveri investigativi con integrità e professionalità e rimangono concentrati sul rispetto della legge e della Costituzione”.

Trump ha nominato l’attuale capo dell’FBI, Christopher Wray nel 2017, dopo aver licenziato il precedente direttore dell’FBI, James B. Comey, nel pieno di un’indagine per stabilire se i consiglieri della campagna di Trump avessero cospirato con gli agenti russi per influenzare le elezioni presidenziali del 2016.

Ma anche il rapporto di Trump con Wray si è inasprito e il Presidente ha preso in considerazione l’idea di licenziarlo in più occasioni, hanno detto gli ex consiglieri. Durante la maggior parte della presidenza Trump, i due uomini hanno avuto interazioni limitate.

Chiuso durante le ferie estive il Golf Club residenza privata di Trump a Mar-a-Lago, al  momento della perquisizione lunedi mattina da parte di più di una dozzina di agenti dell’FBI l’ex Presidente non era presente mentre erano regolarmente in servizio gli uomini del secret service addetti alla tutela di Trump. La perquisizione si è protratta fino al tardo pomeriggio.

Donald Trump ha trascorso gran parte dell’estate a Bedminster, nell’altro suo golf resort nel New Jersey. Ma lunedì era a New York.Perquisito e sotto inchiesta Trump sempre più nei guai

A gennaio, la National Archives and Records Administration ha recuperato 15 scatole di documenti e altri oggetti da Mar-a-Lago che secondo i funzionari degli archivi avrebbero dovuto essere consegnati quando Trump ha lasciato la Casa Bianca.

“Il Presidential Records Act è fondamentale per la nostra democrazia, in cui il governo è ritenuto responsabile dal popolo”, ha dichiarato a febbraio David S. Ferriero, l’allora archivista degli Stati Uniti.

All’epoca, Ferriero ha dichiarato in una dichiarazione che i rappresentanti di Trump stavano “continuando a cercare” ulteriori record. Trump è stato restio a cedere i record per mesi, hanno detto i consulenti in quel momento.

Alcuni dei materiali presi da Trump includevano lettere e note di leader stranieri, come Kim Jong Un della Corea del Nord.

L’inventario degli oggetti non classificati nelle scatole che sono state recuperate all’inizio di quest’anno da Mar-a-Lago sarebbe lungo circa 100 pagine. Oltre ad un inventario separato solo per i materiali classificati che sono stati portati nella residenza dell’ex presidente in Florida, le descrizioni degli oggetti che sono stati portati in modo improprio a Mar-a-Lago includono appunti su un tovagliolo da cocktail ed un elenco telefonico, grafici, slide deck, lettere, promemoria, mappe, punti di discussione, un menu per la cena di compleanno, orari e altro, hanno detto alcune fonti.

“È importante notare che l’elenco è solo un modo per quantificare i documenti che sono stati presi”, ha aggiunto un’altra fonte. “Ma solo una pagina – o una parte di informazioni altamente sensibili – che viene rilasciata in modo improprio può causare gravi danni alla sicurezza nazionale”.Perquisito e sotto inchiesta Trump sempre più nei guai

Per quanto riguarda il livello di classificazione, si andrebbe dal riservato al top secret fino alle categorie di gestione speciali.

Il Presidente in carica è la massima autorità di classificazione degli atti e dei documenti del governo, ed ha molto più margine di manovra rispetto alla maggior parte dei dipendenti governativi nel decidere cosa è e non è classificato.

Secondo gli esperti per anni Trump ha gestito male i documenti, in gran parte strappandoli. Ed hanno criticato l’ imballaggio ad hoc alla fine del suo mandato presidenziale, in cui sono state prese scatoloni di materiale che sarebbe dovuto andare agli Archivi Nazionali. Gli archivi hanno appreso che una parte del materiale mancava solo dopo aver cercato di individuare gli elementi per la catalogazione.

I consiglieri di Trump hanno negato qualsiasi cattiva intenzione, dicendo che le scatole contenevano ricordi della sua presidenza.

La perquisizione della casa di Trump è la più aggressiva fino ad oggi da parte di agenti e pubblici ministeri federali che esaminano la condotta dell’ex Presidente e della sua cerchia ristretta di consiglieri.

A parte l’indagine sulla gestione dei documenti, un gran giurì federale a Washington ha raccolto informazioni sugli sforzi degli avvocati e dei sostenitori di Trump per cercare di utilizzare falsi elettori per impedire a Joe Biden di diventare formalmente presidente dopo le elezioni del 2020.

Nell’ambito di tale indagine, le autorità hanno iniziato a esaminare le azioni di Trump, cercando di capire, come minimo, quali istruzioni ha dato ai subordinati.Perquisito e sotto inchiesta Trump sempre più nei guai

Gli investigatori federali stanno anche lavorando sulle loro indagini penali sulle centinaia di sostenitori di Trump che hanno preso parte all’assalto del Campidoglio del 6 gennaio per vedere chi, o se qualcuno, ha cercato di orchestrare la violenza per fermare la cerimonia formale del Congresso che confermava la vittoria elettorale di Biden.

Lunedì non è stato subito chiaro se il Dipartimento di Giustizia si fosse mosso prima per perquisire la residenza di un ex presidente. Nel giugno 1975, l’allora Presidente Richard Nixon incontrò a porte chiuse i pubblici ministeri del Watergate e due grandi inquisitori vicino alla sua casa a San Clemente, in California, 10 mesi dopo aver lasciato la Casa Bianca e dopo essere stato graziato dal suo successore, il Presidente Gerald Ford.

Dopo lunghe trattative, Nixon testimoniò per  11 ore in due giorni davanti al gran giurì federale che indagava sull’irruzione e l’insabbiamento del Watergate.

Perquisito e sotto inchiesta Trump sempre più nei guai
Richard Nixon
Facebook Comments
Condividi