HomeRassegna StampaPossibile evitare la morte? L’umanità e la ricerca dell’immortalità

Possibile evitare la morte? L’umanità e la ricerca dell’immortalità

Immortalità ed eternità: sopravvivere in eterno senza affrontare la morte o superandola, é da sempre la più grande e profonda aspirazione esistenziale, filosofica e culturale dell’umanità. La scienza e la ricerca stanno facendo enormi progressi nella sperimentazione delle strategie per scongiurare la morte, come riporta una ricerca pubblicata dal settimanale britannico The Economist.Possibile evitare la morte? L’umanità e la ricerca dell’immortalità

Possibile evitare la morte? L’umanità e la ricerca dell’immortalitàPer gran parte della storia umana, la morte  é stata un fatto naturale della vita. Nel 1950 l’aspettativa di vita globale era di 46,5 anni. Ma ora che il mondo è più ricco e più sano, sono quasi 72. Vivere più a lungo espone più persone al logorio dell’invecchiamento.

A differenza dei loro antenati, passano poco tempo a schivare i predatori e si preoccupano invece di soccombere alla demenza o semplicemente alla fragilità.

In “Perché moriamo”, il professor  Venki Ramakrishnan si chiede se sia possibile arrestare decadimento del corpo e della mente. Biologo molecolare indiano con sede in Gran Bretagna, lo studioso ha vinto un premio Nobel nel 2009 per il suo lavoro su come le cellule generano le proteine ​​che compongono il corpo umano. Quando queste cellule accumulano danni chimici, ad esempio causati dalle tossine, funzionano male e i loro meccanismi di riparazione intrinseci si deteriorano.

Venki Ramakrishnan

Anche se i termini tecnici punteggiano il suo racconto, ha uno stile allegramente accessibile. Paragona la rottura delle proteine ​​vitali a un’orchestra che suona in modo discordante. Quando parla di come i mitocondri che generano energia nelle cellule si degradano nel tempo, li immagina “arrugginire dall’interno”.

Questo declino é inevitabile? Ramakrishnan osserva che alcune specie, come le meduse, rispondono alle lesioni o allo stress ringiovanendosi. Tra i mammiferi spicca la talpa senza pelo, apparentemente resistente alle malattie cardiache e al cancro. Gli esseri umani potranno imparare i segreti della longevità dalla talpa o dall’idra, una minuscola creatura acquatica capace di autorinnovarsi indefinitamente? Gli scienziati ci stanno provando.Possibile evitare la morte? L’umanità e la ricerca dell’immortalità

La ricerca per ingannare la morte ha una lunga storia. Più di 2.000 anni fa Qin Shi Huang, un imperatore cinese, ordinò una squadra di inviati alla ricerca dell’elisir di lunga vita. Morì a 49 anni, apparentemente ucciso dalle stesse pozioni che sognava lo avrebbero preservato.

Solo negli ultimi 50 anni i biologi hanno compreso appieno i processi che causano l’invecchiamento. Gli scienziati sfruttano strumenti sempre più sofisticati per manipolare cellule e geni, ed è nata una nuova industria. Circa 700 aziende biotecnologiche attualmente si concentrano sull’invecchiamento e sulla longevità.

Anche se hanno ottenuto pochi progressi, il prof. Ramakrishnan esamina attentamente le terapie in voga. Non tutti attirano critiche. Cita prove dei benefici derivanti dalla limitazione dell’apporto calorico e segnala con cautela la promessa della rapamicina, un farmaco che produce gli stessi effetti senza la necessità di limitare la dieta. Ma ci sono molte imprese “dubbie” che promuovono idee “pazze”. È particolarmente critico nei confronti della crionica, un processo che prevede il congelamento delle persone dopo la morte e lo scongelamento quando vengono trovate cure per i loro disturbi.

Sulla linea di tiro ci sono anche figure messianiche che propagandano fantasie di vita eterna. Uno, Aubrey de Grey, afferma che i primi esseri umani che vissero fino a 1.000 anni sono già nati; promuove quella che chiama “velocità di fuga della longevità”, l’idea che gli esseri umani possono migliorare l’aspettativa di vita media più velocemente di quanto invecchiano e quindi non morire mai.

I profeti dell’immortalità attirano finanziamenti da plutocrati che trattano la vita come l’ennesimo sistema che può essere violato. Bryan Johnson, un imprenditore tecnologico, ha speso circa 2 milioni di dollari all’anno per il suo regime anti-età, che fino a poco tempo fa includeva trasfusioni di sangue da parte del figlio adolescente (ha affermato che queste non hanno prodotto “nessun beneficio”).

Coloro che condividono il suo interesse per la ricerca anti-età includono Elon Musk , Jeff Bezos e Mark Zuckerberg: “Quando erano giovani, volevano essere ricchi, e ora che sono ricchi, vogliono essere giovani”, scrive Ramakrishnan.

Possibile evitare la morte? L’umanità e la ricerca dell’immortalità
Venki Ramakrishnan

Esiste ancora un ampio divario nell’aspettativa di vita tra ricchi e poveri. La nuova scienza e il business della longevità minacciano di aumentarla. Ramakrishnan é a disagio per questo. Entro il 2050 ci saranno 2 miliardi di persone con più di 60 anni, stima l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Prevede problemi crescenti: sovrappopolazione, diminuzione delle risorse naturali e meno lavoratori per sostenere una coorte crescente di pensionati.

Alla fine offre consigli conservatori. Se aspiri a una vita lunga e sana, dovresti dormire bene, fare esercizio fisico e mangiare con moderazione, consumando principalmente piante. Per coloro che sono a favore di interventi più audaci, il messaggio è semplice: “Anche se sconfiggeremo l’invecchiamento, moriremo di… guerre, pandemie virali o catastrofi ambientali”.

Aumentare la durata della vita può ingannare l’immaginazione, ma potrebbe privare l’esistenza di significato, perché non c’è urgenza di far valere ogni giorno. Forse, dopo tutto, la caducità della vita é la chiave della sua bellezza.Possibile evitare la morte? L’umanità e la ricerca dell’immortalità

 

Facebook Comments
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3472 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3472 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
14 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
12 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS