HomeRisvoltiPutin Xi Jinping: scenari di un vertice senza pace

Putin Xi Jinping: scenari di un vertice senza pace

Il Wanted per Putin non turba la coscienza del Presidente russo, nei confronti del quale la Corte penale internazionale dell’Aia ha emesso un mandato di cattura per crimini di guerra con l’accusa specifica di aver deportato migliaia di bambini ucraini, ma lo mette in difficoltà alla vigilia dell’atteso vertice di Mosca con il leader cinese Xi Jinping.

Fra un bicchiere di Vodka ed uno di Moutai, il bimillenario distillato cinese, nel faccia a faccia decisivo fra i due Presidenti che segnerà il clou della visita a Mosca all’inizio della settimana entrante, ricorreranno soprattutto quattro concetti: durata della guerra in Ucraina, vie d’uscita dal conflitto, normalizzazione dell’interscambio economico globale, sicurezza difensiva della Russia e di Pechino rispetto all’accerchiamento in Europa e in Asia da parte di Stati Uniti e degli alleati occidentali.

Putin Xi Jinping: scenari di un vertice senza pace
Xi Jinping e Vladimir Putin

Putin e Xi Jinping si presentano al vertice moscovita in situazioni politico strategiche molto differenti. “La visita del Presidente Xi Jinping in Russia é per la pace in Ucraina. La Cina si é sempre schierata dalla parte della pace, del dialogo e della correttezza storica” ha assicurato il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino.

Per il Presidente russo, messo ulteriormente sotto accusa da una istituzione internazionale, invece è decisivo ottenere il sostegno economico e militare della Cina per non uscire perdente dalla sostanzialmente fallimentare invasione dell’Ucraina.

Mosca dipende da Pechino per gran parte delle sue importazioni, compresa la tecnologia, come i semiconduttori essenziali nelle applicazioni militari e civili.Putin Xi Jinping: scenari di un vertice senza pace

Da quando sono state imposte sanzioni la Russia é diventata sempre più dipendente dalla vendita di petrolio alla Cina. ” Il Cremlino ha sempre meno opzioni ed è sempre più un partner minore della Cina”, ha affermato al Washington Post Alexander Gabuev, esperto di relazioni Russia-Cina presso il Carnegie Endowment for International Peace.

Una posizione che espone Mosca ai contraccolpi dell’andamento dell’economia globale. Un andamento ultimamente incrinato dalla crisi del sistema bancario.

Pur essendo in evidente vantaggio rispetto a Putin, il leader cinese non sottovaluta il pericolo che l’escalation della guerra in Ucraina possa sfuggire ad ogni controllo e non può lasciarsi sfuggire l’occasione per avviare una mediazione per un cessate il fuoco seguito da negoziati di pace.

Non soltanto per non farsi risucchiare nel disastro strategico militare di Putin e rilanciare il ruolo della Cina come partner commerciale dell’Europa e dell’occidente, ma anche per rompere l’accerchiamento che con il cosiddetto accordo Aukus fra Stati Uniti, Inghilterra e Australia, una Nato in versione asiatica, rischia di subire nell’area indo pacifica.

Putin Xi Jinping: scenari di un vertice senza pace
Antony Blinken

La visita di Xi Jinping a Mosca giunge a pochi giorni dal successo della mediazione cinese per la normalizzazione delle relazioni tra Arabia Saudita e Iran. Un colpo diplomatico riconosciuto come “una buona cosa” anche dal segretario di Stato Usa, Antony Blinken.

Anche se incomparabilmente più complicata, una mediazione per la risoluzione della guerra in Ucraina appare comunque necessaria per l’interesse di Pechino di non lasciarsi coinvolgere in un sostegno a Mosca che sovraesporrebbe strategicamente la Cina e soprattutto penalizzerebbe pesantemente i suoi interessi economici.

Non a caso dopo la visita in Russia Xi Jinpig avrà un colloquio in video conferenza con Presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

I risultati appaiono fin da ora evanescenti, ma sull’onda del mandato di cattura internazionale per Putin, la risonanza mediatica internazionale è assicurata e, secondo i più ottimisti, necessiterà di un notevole supplemento di pazienza per avviare contatti diplomatici. Una pazienza considerata la più grande delle preghiere dalla tradizione cinese buddista confuciana. Una preghiera che incombe sul futuro di Putin.Putin Xi Jinping: scenari di un vertice senza pace

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3473 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3473 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
35 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
14 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
12 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS