HomeRisvoltiRussia: Putin vincerà con una percentuale fra l'80 e l’87%

Russia: Putin vincerà con una percentuale fra l’80 e l’87%

Russia in piena sindrome da elezioni imperfette. Come i delitti che lasciano tracce evidenti degli assassini. La realtà viene stravolta e la verità distorta. Impossibile avere un’idea di quanto sta accadendo. Russia: Putin vincerà con una percentuale fra l'80 e l’87%

Eppure nonostante la gigantesca e capillare mobilitazione di polizia e servizi di sicurezza e l’asfissiante censura, sui social sono filtrate le immagini e le notizie di una bottiglia molotov  lanciata contro un seggio a San Pietroburgo, della protesta di una elettrice che ha versato un liquido verde nell’urna di un seggio a Mosca, delle bombe lanciate contro due seggi nella regione di Kherson occupata dai russi, delle cabine elettorali incendiate ed i commenti sull’ennesimo misterioso suicidio del vicepresidente della compagnia petrolifere Lukoil il 53enne Vitaly Robertus, trovato impiccato. Un suicidio che si aggiunge a quello di altre decine di alti dirigenti del settore petrolifero e della Gazprom enigmaticamente trovati senza vita dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina.

Sangue e tensioni hanno infatti caratterizzato fin dall’inizio la messinscena delle votazioni organizzata nei minimi particolari per legittimare la quinta rielezione che sarà immancabilmente plebiscitaria di Vladimir Putin. Si scommette su percentuali fra l’80 e l’87% di voti espressi dall’80% dei votanti. Russia: Putin vincerà con una percentuale fra l'80 e l’87%

Secondo le fonti ufficiali l’affluenza alle urne avrebbe già superato il 50%, la media del plebiscito. Un dato che anticipa gli incontrollabili exit poll della propaganda del Cremlino che domenica notte appena chiusi i seggi annunceranno proiezioni che delineeranno la valanga di consensi per Putin. Un trionfo annunciato che sarà seguito dal primo commosso commento del rieletto Presidente e dai festeggiamenti ostentati per le vie di Mosca dai fedelissimi, affiancati da alcune migliaia di comparse contrattualizzate da mesi.

Lunedi inizierà lo spoglio ufficiale che dopo qualche giorno confermerà il plebiscito per Putin e assegnerà le restanti percentuali agli altri tre candidati alle presidenziali: Leonid Slutsky, del partito nazionalista Liberal Democratico, Vladislav Davankov, del Nuovo Partito Popolare, e Nikolai Kharitonov, del Partito Comunista. Quest’ultimo parlamentare 73enne candidato per la seconda volta alle presidenziali. Nel 2004 era arrivato secondo dopo Putin col 13,69 per cento dei voti.Russia: Putin vincerà con una percentuale fra l'80 e l’87%

Nessuno saprà mai con esattezza però quanti cittadini nelle migliaia di città e centri della Russia profonda si recheranno veramente a votare e soprattutto per chi effettivamente esprimeranno i loro consensi.

Davanti ai seggi la tensione é quantificata dalle continue chiamate degli agenti di guardia da parte delle centrali di controllo. Voci concitate che chiedono di fare rapporto e che riecheggiano dagli apparati radio a tracolla degli addetti alla sicurezza armati fino ai denti.

Viene monitorata soprattutto l’affluenza e questo conferma che l’intelligence cibernetica ucraina ha in tutto o in parte violato il sistema di controllo del voto elettronico russo. Eventualità ampiamente prevista da Mosca che ha predisposto risultati virtuali paralleli, che saranno spacciati per autentici dal Roskomnadzor, l’Agenzia federale russa per la supervisione delle telecomunicazioni. Agenzia che ha già affermato che la maggior parte dei cyberattacchi di Kiev sono stati respinti.

Alla guerra dei dati, lungo la linea del confine russo ucraino si sovrappongono i raid delle milizie della Legione della Libertà della Russia, il Corpo dei Volontari russi e del Battaglione Siberiano, che affermano di essere russi anti Putin che cercano di liberare la loro patria dal regime post sovietico istaurato dal Presidente russo.

Russia: Putin vincerà con una percentuale fra l'80 e l’87%
Combattenti russi anti Putin

Sull’andamento della fallita invasione dell’Ucraina ha recentemente fatto il punto, durante l’audizione pubblica al Congresso degli Stati Uniti, William Burns, il Direttore della Central Intelligence Agency, che a differenza dell’intelligence moscovita é costituzionalmente vincolato a dire la verità. Burns ha affermato di essere appena tornato dalla sua decima visita in Ucraina dall’inizio dell’invasione ed ha sostenuto che si é giunti ad “un bivio molto importante”. Da una parte, ha spiegato con “l’assistenza supplementare approvata dal Congresso, c’è la possibilità molto concreta di consolidare un successo strategico per l’Ucraina e una perdita strategica per la Russia.” L’intelligence americana ritiene infatti che “con un’assistenza supplementare l’Ucraina possa resistere in prima linea fino al 2025 e che possa continuare ad infliggere gravi perdite alla Russia, non solo con attacchi di penetrazione profonda in Crimea, ma anche contro la flotta russa del Mare Nero, continuando il successo che ha portato all’affondamento di 15 navi russe negli ultimi 6 mesi”. Il direttore della Cia ha aggiunto che con gli aiuti occidentali l’Ucraina può “riguadagnare l’iniziativa offensiva e anche mettersi in posizione di maggiore forza”.

Russia: Putin vincerà con una percentuale fra l'80 e l’87%
La recente relazione al Congresso degli Stati Uniti dei vertici dell’intelligence. Accanto alla Direttrice dell’intelligence nazionale Avril Haines il Direttore della Cia William Burns

Analisi seguita dall’impegno del Cancelliere tedesco Scholz e del Presidente francese Macron di inviare missili a lungo raggio e proiettili d’artiglieria a Kiev. “Nessuna escalation” ha precisato Parigi ridimensionando le precedenti affermazioni sull’invio di soldati francesi a combattere per l’Ucraina. ”Forse l’Eliseo si riferiva alla Legione Straniera” hanno ironizzato a Washington.

Se il voto russo fosse davvero segreto e non espresso in seggi inquadrati da telecamere e con urne trasparenti, sarebbe interessante valutare le preferenze dei soldati mandati a combattere contro gli ucraini. E’ quello che sostiene il comitato delle madri, delle mogli e delle figlie dei mobilitati tenute a debita distanza dai seggi, ma che continua il pellegrinaggio e la deposizione di rose rosse ai monumenti dei caduti.

A meno di colpi di scena, dalla settimana prossima completata la kermesse del bravo Presidente rieletto, i media moscoviti torneranno ad occuparsi dei presunti successi dell’armata russa in Ucraina.

Notizie che non riporteranno il numero e soprattutto non mostreranno mai immagini dei soldati uccisi. Perché nella Russia di Putin il vero confine, che non è più quello classico fra democrazia e regime, ma fra dittatura sanguinaria e tirannia capace di scatenare una guerra nucleare, passa lungo le trincee ucraine dove sono già morti circa 300 mila soldati russi.  Russia: Putin vincerà con una percentuale fra l'80 e l’87%

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3456 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3456 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
31 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
12 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS